Binotto: "Dobbiamo sorridere, le Ferrari qui vanno forte!"

Il team principal di Maranello si dice preoccupato per il botto di Leclerc e i relativi danni che la sua SF21 può aver riportato, ma è molto contento delle prestazioni generali della Rossa che fanno ben sperare per il prosieguo della stagione.

Binotto: "Dobbiamo sorridere, le Ferrari qui vanno forte!"

La Pole Position di Charles Leclerc per il GP di Monaco di F1 - al netto di danni alla Ferrari dopo il botto dell'ultimo giro - ha messo buon umore e fiducia agli uomini del Cavallino Rampante.

Mattia Binotto, specialmente, nel post-Qualifiche ha voluto sottolineare la bella prestazione delle SF21 sul tortuoso tracciato di Monte-Carlo, anche se è ovvio che al momento la preoccupazione principale riguarda proprio la #16 dell'idolo locale.

L'errore commesso alla chicane delle 'Piscine' da parte di Leclerc rischia di vanificare quanto di buono fatto da lui e dal team di Maranello, nel caso in cui il cambio non avesse retto al violento urto.

"C'è un po' di apprensione per la vettura di Charles, ora la controlleremo perché ci preoccupa soprattutto il cambio e differenziale", ha detto Binotto ai microfoni di Sky Sport.

"Ci vorrà almeno un'ora per smontarla completamente e valutare i danni a sospensioni e quant'altro, ma non ho visto il telaio danneggiato".

"In radio Charles non ha detto gran che, semmai l'ho visto un po' imbarazzato quando l'ho incrociato in pit-lane. Ma parleremo più tardi".

Leggi anche:

Lo sbaglio del monegasco ha fatto scattare la bandiera rossa e automaticamente congelato la classifica finale, negando la possibilità anche al suo compagno Carlos Sainz Jr. di poter migliorare il quarto crono ottenuto in precedenza.

"C'è sicuramente amarezza anche per il risultato di Carlos, sia lui che io eravamo convinti che potesse fare meglio, ma purtroppo ha trovato un po' di traffico. Lui si è sempre comportato molto bene su questa pista, sapeva di poter fare bene", prosegue il team principal.

"Ma quello che è importantissimo per me è vedere quanto si stia integrando bene con la macchina e la squadra, sta guadagnando confidenza e sappiamo di poter contare su di lui per il resto della stagione. Oggi è amareggiato, domani darà del suo meglio, ma in generale tutta la squadra lo è per il risultato complessivo, perché sapevamo di poter fare meglio di così".

Lasciate da parte le note dolenti, Binotto si mostra molto più sollevato e fiducioso quando si tratta di affrontare l'argomento crescita della sua Ferrari.

"La vettura si comporta molto bene nelle curve a bassa velocità sfruttando un bel carico aerodinamico, che è quello più difficile da trovare solitamente. E se pensiamo dove eravamo in passato, è stato un bel salto di qualità".

 

"Probabilmente rispetto agli altri soffriamo la mancanza di medio-alta velocità, ma in queste condizioni si comporta molto bene, le sospensioni sui cordoli funzionano ottimamente e l'abbiamo confermato qui. Era molto importante per noi ed è positivo anche pensando al prosieguo della stagione".

Al momento c'è Leclerc in Pole Position e Sainz in seconda fila, quindi tutte le carte sono in regola per poter essere finalmente protagonisti nella corsa di domenica.

"Come al solito, a Monaco saranno fondamentali partenza e gestione dell'usura gomme, pianificando al meglio la strategia dei pit-stop. Avere Verstappen alle spalle non è scontato, ma intanto siamo davanti e possiamo prendere punti importanti".

"Indipendentemente dai risultati della Qualifica e dalla Pole Position di Charles che non ci aspettavamo, dobbiamo sorridere ed essere contenti di come sta andando il weekend perché qui la macchina fin da giovedì va forte e i piloti sono a loro agio, questo è molto importante. E' una bella ricompensa per il team, che ha sempre lavorato stando unito nonostante le pressioni figlie anche di un 2020 molto difficile".

condividi
commenti
Sainz deluso: "Avremmo potuto fare doppietta"
Articolo precedente

Sainz deluso: "Avremmo potuto fare doppietta"

Articolo successivo

Bottas: "Peccato, stavo dando tutto nell'ultimo giro"

Bottas: "Peccato, stavo dando tutto nell'ultimo giro"
Carica i commenti