Formula 1
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
PL1 in
22 giorni
07 mag
-
10 mag
FP1 in
71 giorni
21 mag
-
24 mag
FP1 in
84 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
107 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
127 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
141 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
155 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
183 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
190 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
204 giorni
24 set
-
27 set
FP1 in
211 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
240 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
247 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
261 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
274 giorni

Binotto: "Anche la Red Bull ci sta mettendo alle corde"

condividi
commenti
Binotto: "Anche la Red Bull ci sta mettendo alle corde"
Di:
14 lug 2019, 16:37

Il team principal della Ferrari esalta il podio di Leclerc, difende Vettel dopo il tamponamento a Verstappen: "Non c’è da insegnargli nulla, sa quanto è importante non commettere certi errori, saprà reagire da solo”. La SF90, invece, ha di nuovo mostrato i suoi limiti con le gomme.

Mattia Binotto esalta la gara di Charles Leclerc, difende Sebastian Vettel dopo l’errore di frustrazione nel vedere davanti alla Rossa anche la Red Bull e ammette seraficamente che la Ferrari non è ancora a posto nello sfruttamento delle gomme, tanto che la RB15 sta diventando una minaccia molto seria per la SF90. Insomma la monoposto del Cavallino cresce, ma meno delle altre.

Parlando con i colleghi di Sky il team principal ha fatto un punto della situazione con la consueta lucidità… 

Leggi anche:

Come analizziamo questa gara?
“Ci sono tanti aspetti, Charles ha fatto una gara fantastica per il modo in cui combatte, si difende, attacca. È un pilota straordinario e oggi ne ha dato una dimostrazione. Il podio se lo è meritato, si è guadagnato tutto”.

“Per altri aspetti è stata una gara difficile: Sebastian ha commesso un errore, ne è consapevole, mi dispiace per lui, ne parleremo. Il suo ritmo in gara, confrontato anche con quello di Charles, non era male e si porta a casa questo stimolo positivo”.

“E’ stata una gara difficile per le prestazioni: sapevamo che a Silverstone sarebbe stata dura, siamo rimasti un po’ sorpresi in modo positivo dalla qualifica di ieri, ma oggi abbiamo ritrovato alcune delle nostre difficoltà nell’usura delle gomme, in modo particolare sulla monoposto di Charles. La dovremo analizzare: stiamo sviluppando la macchina, stiamo progredendo, ma il gap su certe piste con gli altri è ancora elevato”.

Come hai visto la Mercedes oggi?
“Sono andati fortissimi, hanno una macchina bilanciata, se uno riesce a fare un giro così veloce alla fine del GP vuol dire che non hanno danneggiato troppo le gomme, cosa che noi non riesce. Ci si concentrerà su quello e ci lavoreremo ancora”.

Quello di Vettel è stato un errore grave?
“Sebastian è un professionista ed è consapevole delle sue difficoltà ed altrettanto consapevole che per lui rappresenta uno stimolo, lo dobbiamo aiutare in questo, a cercare la vettura, l’assetto, il bilanciamento migliore per le sue esigenze”.

“Ribadisco che lo stimolo per lui deve essere quello di sapere che aveva un buon passo in gara e ripartire da lì. Non c’è da insegnargli nulla, sa quanto è importante non commettere certi errori, per la squadra, per i punti. Sono sicuro che saprà reagire da solo”. 

Leggi anche:

 

Eri teso mentre era in corso la battaglia fra Leclerc e Verstappen?
“La preoccupazione c’è sempre, sono ragazzi che al volante sanno dare spettacolo. Da team principal guardo anche la prestazione complessiva e credo che non solo la Mercedes sia andata forte, ma anche la Red Bull in questo momento ci sta mettendo alle corde in qualche modo. Sappiamo che c’è da lavorare ma non ci perdiamo d’animo...”

Perché Charles è stato fermato per il secondo pit solo al secondo giro di safety car?
“In quel momento della gara sapevamo di aver usurato moltissimo le gomme soft, è vero che Charles aveva battagliato con Verstappen, ma per noi arrivare in fondo alla gara con le dure in quel momento era più una incognita che una certezza”.

“L’idea era di provare a fare comunque due stop perché in quel momento non ce l’avremmo fatta a finire. Verstappen si è fermato, non abbiamo avuto alternative che reagire in quel momento, per noi l’ideale sarebbe stato rimanere in pista, ma non potevamo fare diversamente dopo il pit di Verstappen”.

Si riparte dalla Germania, con quali sensazioni?
“Dobbiamo analizzare con calma quanto è accaduto a Silverstone prima di preparare al meglio la Germania. Ci penseremo da domani...”.

Articolo successivo
Leclerc: "Ho fatto capire a Max che la pista non è solo sua"

Articolo precedente

Leclerc: "Ho fatto capire a Max che la pista non è solo sua"

Articolo successivo

Mondiale Piloti F1 2019: Hamilton allunga su Bottas a Silverstone

Mondiale Piloti F1 2019: Hamilton allunga su Bottas a Silverstone
Carica i commenti