Bernie Ecclestone ora è indagato anche a Ginevra

Bernie Ecclestone ora è indagato anche a Ginevra

Per gli inquirenti elvetici avrebbe volontariamente sottostimato il valore delle azioni della F.1 nella vendita alla Cvc

Bernie Ecclestone sta diventando davvero vittima di un fuoco incrociato per le vicende relative alla vendita delle quote della Formula 1 alla Cvc Capital, avvenuta nel 2006. Il grande boss del Circus è già accusato di corruzione sia in Germania che in Gran Bretagna ed ora è anche finito sotto alla lente d'ingrandimento delle autorità svizzere. La Procura di Ginevra ha infatti annunciato di aver aperto un fascicolo per il passaggio del 47% della azioni della Formula 1 dalla Constantin Medien alla Cvc. Una vendita avvenuta per una cifra di circa 600 milioni di euro, secondo gli inquirenti elvetici sottostimata per permettere ad Ecclestone e a Gerhard Gribkowsky di guadagnare alle spalle del precedente possessore (in pochi mesi le azioni sono schizzate ad oltre 2 miliardi di euro). Negli altri due procedimenti, come detto, Bernie è invece accusato di aver corrotto Gribkowsky (già condannato ad 8 anni di reclusione) con una mazzetta da 44 milioni di euro volta a favorire l'operazione. L'83enne non ha mai negato di aver pagato, ma continua a sostenere di averlo fatto solo perchè minacciato dal banchiere tedesco. Una cosa comunque è certa: c'è un 2014 molto caldo dal punto di vista legale ad attendere Ecclestone.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie