Formula 1
12 mar
-
15 mar
Evento concluso
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
111 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
139 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
146 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
160 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
196 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
203 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
217 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
230 giorni

Australia: nuove restrizioni per gli italiani, ma niente ban

condividi
commenti
Australia: nuove restrizioni per gli italiani, ma niente ban
Di:
5 mar 2020, 09:34

Nuovi controlli per chi volerà in Australia nelle prossime ore, ma non sono state attivate né quarantene, né ban. Team e personale arriverà a Melbourne nelle prossime ore.

Il Coronavirus continua a essere lo spauracchio principale anche di tutte le competizioni sportive. Tra queste anche i gran premi del Mondiale 2020 di Formula 1. La stagione inizierà fra una settimana e mezzo a Melbourne, sede del Gran Premio d'Australia.

Nelle ultime ore, però, il governo federale australiano ha emesso restrizioni maggiori per i viaggiatori che approdano sull'isola dall'Italia, ma non è ancora stata ordinata la quarantena, né i divieti d'ingresso come invece è accaduto per viaggiatori di altre nazioni.

Stiamo parlando di Corea del Sud, Cina e Iran. Da questi paesi nessuno potrà entrare in Australia prima di 14 giorni dall'uscita dai rispettivi paesi. I viaggiatori italiani, invece, dovranno rispondere a una serie di domande al check-in, ma anche al controllo della temperatura corporea all'arrivo (in Italia questa misura è stata presa già diverse settimane fa).

Al momento l'Italia non ha ricevuto alcun divieto di viaggio, e questo potrebbe rivelarsi cruciale per lo svolgimento del Gran Premio d'Australia previsto per il prossimo fine settimana. Se le limitazioni di viaggio per chi arriva dall'Italia non dovessero mutare nei prossimi giorni, l'ultimo ostacolo per disputare il GP sarebbe a quel punto un'ulteriore restrizione agli eventi pubblici per limitare il rischio di trasmissione.

Anche ieri l'amministratore delegato dell'Australian Grand Prix Corporation, Andrew Westacott, ha ribadito che il gp sarà disputato come previsto e si aspetta che i team inizino ad arrivare a Melbourne nei prossimi giorni.

"Tutto sarà pronto per la prossima settimana", ha dichiarato Westacott a 3AW Radio Melbourne. "Ci sono 50 operai della F1 che sono stati All'Albert Park per un paio di giorni a lavorare. Tutti quelli del mondo della F1, compresi i team italiani arriveranno qui da oggi. Il primo ministro ha annunciato nella conferenza stampa le procedure e le misure di screening potenziate per chi arriva dall'Italia".

Intanto, Greg Maffei - amministratore delegato di Liberty Media - ha minimizzato il possibile impatto del Coronavirus sulla F1 nel suo complesso: "Sino a ora la F1 è rimasta sulla buona strada. Abbiamo dovuto posticipare il GP di Shanghai per volere del governo cinese. Non è stata una scelta nostra. Le prossime tre gare sono Australia, Bahrain e Vietnam. Per ora tutto va bene".

Related video

Articolo successivo
Ferrari: Binotto scrive ai dipendenti del Reparto Corse

Articolo precedente

Ferrari: Binotto scrive ai dipendenti del Reparto Corse

Articolo successivo

Marko: "FIA deve evitare di mettersi d'accordo su cose strane"

Marko: "FIA deve evitare di mettersi d'accordo su cose strane"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Australia
Autore Giacomo Rauli