F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Aston Martin: tolti tre elementi dietro alla corona di flap

La squadra di Silverstone ha modificato il fondo togliendo tre piccoli flap che rano posti dietro alla corona di deviatori di flusso sistemati in prossimità del taglio a elle del fondo. Parzializzati anche gli sfoghi d'aria calda ai lati dell'abitacolo con un paratia in carbonio.

Aston Martin: tolti tre elementi dietro alla corona di flap

L’Aston Martin non ha fermato lo sviluppo della AMR21: alle modifiche di dettaglio per adeguare la “verdona” alla pista si aggiungono anche degli interventi utili a trovare il miglior bilanciamento della vettura nella speranza di migliorare le prestazioni.

Aston Martin AMR21: lo sfogo dell'aria calda parzializzzato a Zandvoort

Aston Martin AMR21: lo sfogo dell'aria calda parzializzzato a Zandvoort

Photo by: Giorgio Piola

Su una pista di alto carico come quella di Zandvoort, ma con temperature che non saranno quelle tipicamente estive, la squadra di Silverstone ha deciso, per esempio, di parzializzare con una cover in carbonio gli sfoghi d’aria ai lati dell’abitacolo per l’evacuazione del calore dai pacchi radianti della power unit Mercedes.

Ma la novità è sul fondo, nell’area che ha più ha creato attenzione nelle squadre, vale a dire in prossimità della zona dove il pavimento è stato tagliato con la forma a elle nel bordo d’uscita laterale. Sulla AMR21 si nota ancora il grappolo di flap disposti ad arco con una forma decrescente man mano che si avvicinano verso l’esterno.

Questi convogliatori di flusso incanalano l’aria nel taglio, proprio come il doppio flap che ha adottato la Red Bull da Spa-Francorchamps. Ciò che è cambiato sulla vettura di Andy Green sono i tre elementi che c’erano poco più indietro e che, invece, sono stati tolti in Olanda.

Il fondo dell'Aston Martin AMR21 di Vettel al GP del Portogallo con i tre flap tolti in Olanda

Il fondo dell'Aston Martin AMR21 di Vettel al GP del Portogallo con i tre flap tolti in Olanda

Photo by: Giorgio Piola

È evidente che la “verdona” non ha ancora trovato il giusto equilibrio aerodinamico pur non rinunciando al fondo con le conchiglie in stile Mercedes (abiurato dai tecnici della Stella da Silverstone), ma in Aston Martin stanno vedendo che la monoposto guidata da Sebastian Vettel e Lance Stroll sembra in crescita, capace di sfruttare il potenziale della power unit di Brixworth.

condividi
commenti
Russell: "E' da prima di Spa che so dove correrò nel 2022"
Articolo precedente

Russell: "E' da prima di Spa che so dove correrò nel 2022"

Articolo successivo

Piola: "Red Bull favorita ma Mercedes non battuta"

Piola: "Red Bull favorita ma Mercedes non battuta"
Carica i commenti