Formula 1
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
PL1 in
29 giorni
07 mag
-
10 mag
FP1 in
78 giorni
21 mag
-
24 mag
FP1 in
91 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
FP1 in
106 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
114 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
134 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
148 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
162 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
190 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
197 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
211 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
217 giorni
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
231 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
245 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
252 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
266 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
280 giorni

Arrivabene/2: "Non sappiamo se useremo i gettoni a Monza"

condividi
commenti
Arrivabene/2: "Non sappiamo se useremo i gettoni a Monza"
Di:
28 ago 2016, 16:52

Maurizio Arrivabene getta il cuore oltre l'ostacolo: il team principal della Ferrari anticipa che saranno portati al GP d'Italia degli aggiornamenti tecnici per il "tempio della velocità", ma non è detto che riguardino la power unit evoluta.

Maurizio Arrivabene, Team Principal e Mattia Binotto, Race Engine Manager Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari SF16-H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H fa un pit stop
Sebastian Vettel, Ferrari in griglia
(Da sx a dx): Toto Wolff, Azionista e Direttore Esecutivo Mercedes AMG F1 con Maurizio Arrivabene, Team Principal Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari SF16-H va in testacoda alla partenza della gara
Sebastian Vettel, Ferrari SF16-H
Kimi Raikkonen, Ferrari con la moglie Minttu Raikkonen
Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari SF16-H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H

Non è stata una domenica semplice per Maurizio Arrivabene. Perché dopo un venerdì da dimenticare, a Spa la Ferrari ha reagito, ricordando il lavoro fatto lo scorso anno nel Gran Premio d’Ungheria. E la chance per piazzare due monoposto sul podio belga era concreta, come è confermato dai riscontri cronometrici visti in gara.

I numeri dicono che Sebastian Vettel ha ottenuto il suo giro più veloce ad un secondo da Nico Rosberg, ma sono cifre che vanno valutate considerando i danni che hanno riportato le due Ferrari nel contatto alla prima curva.

Vettel ha danneggiato lo scivolo, mentre Raikkonen ha rovinato il fondo come hanno evidenziato le scintille ben più accentuate del solito che hanno contraddistinto i passaggi del ferrarista all’Eau Rouge.

Arrivabene ha contenuto il suo rammarico, perché se ci sono state domeniche in cui le due SF16-H non avrebbero meritato più di quanto ha raccolto sul campo, oggi a Spa non è stato così. Tutto è iniziato, ovviamente, al via. Ma il team principal della Ferrari non ha voluto puntare il dito contro un responsabile, limitandosi a sottolineare che dopo poche centinaia di metri la gara delle due Ferrari era di fatto già compromessa.

Leggi anche

"Ci siamo fatti sentire con la FIA"

Come hai visto la manovra di Sebastian al via?
“Prima della gara facciamo ovviamente dei briefing, ed ipotizziamo anche le fasi di partenza. Abbiamo un grafico con due linee: una gialla, che rappresenta una buona partenza, ed una verde che è in pratica lo start ideale. Kimi era perfettamente sulla gialla, e Sebastian tra la verde e la gialla. In una situazione normale avremmo commentato un buon avvio di gara dei nostri due piloti, non so chi sarebbe stato davanti, ma sarebbe stata una buona partenza, ed invece non è stato così. Sebastian, considerando la posizione in cui era nell’abitacolo, non poteva avere una visione di quello che stava accadendo alla sua destra tra Verstappen e Kimi”.

Cosa pensi in merito alla condotta di gara mostrata oggi da Verstappen?
“Credo che abbiate visto la gara, ed anche che abbiate sentito i commenti di Kimi via-radio. Questo è quanto”.

Ti ha sorpreso vedere che i commissari sportivi non abbiano preso provvedimenti in una gara come quella di oggi?
“Non è nel nostro stile alzare dei polveroni. Ma durante la corsa dialoghiamo con la direzione gara ogni volta che pensiamo ci siano delle situazioni che meritano di essere analizzate. Poi sta a loro valutare, ma in questo caso non ci sono stati dei provvedimenti”.

Credi che sia stata persa una chance importante?
“Guardando dove eravamo ieri, oggi il nostro obiettivo era quello di avere i nostri due piloti sul podio. Ogni pista ha le sue caratteristiche, e qui abbiamo reagito bene ai problemi di venerdì. Sabato abbiamo avuto dei buoni riscontri, ed anche oggi in gara, nonostante i danni riportati dalle due monoposto dopo l’incidente al via, la performance che hanno confermato Seb e Kimi è stata comunque buona. Voltiamo pagina e vediamo a Monza”

Porterete novità tecniche nel Gran Premio d’Italia?
“Proseguiremo ancora con i nostri sviluppi graduali, ma non sappiamo ancora se utilizzeremo o meno i gettoni relativi allo sviluppo della power unit che abbiamo a disposizione. Stiamo lavorando, vedremo. Posso dire che le indicazioni che abbiamo avuto da questo weekend sono state positive, quindi arriveremo a Monza cercando di fare molto bene”.

Com’è l’atmosfera nel team?
“Questa è una stagione in cui ovviamente non siamo dove vorremmo essere. Ma il gruppo di lavoro è molto, molto compatto. Sia in pista che in azienda. Abbiamo tante risorse in casa, non abbiamo bisogno di andare a cercare nessuno al di fuori di Maranello, si tratta solo di lavorare con determinazione e concentrazione”.

 

Articolo successivo
Magnussen dimesso dall'ospedale di Verviers solo con un taglio

Articolo precedente

Magnussen dimesso dall'ospedale di Verviers solo con un taglio

Articolo successivo

Wolff: "Verstappen è un grande talento ma ora è pericoloso"

Wolff: "Verstappen è un grande talento ma ora è pericoloso"
Carica i commenti