Formula 1
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
53 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
60 giorni
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
74 giorni
G
GP della Cina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
88 giorni
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
102 giorni
07 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
109 giorni
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
123 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
137 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
Prossimo evento tra
144 giorni
G
GP di Francia
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
158 giorni
02 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
165 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
179 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
193 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
221 giorni
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
228 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
Prossimo evento tra
242 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
249 giorni
G
GP del Giappone
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
263 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
277 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
284 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
298 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
312 giorni
Topic

Ferrari SF70H

Analisi tecnica: la Ferrari SF70H è di... bocca buona?

condividi
commenti
Analisi tecnica: la Ferrari SF70H è di... bocca buona?
Di:
Co-autore: Giorgio Piola
24 feb 2017, 14:02

La nuova Ferrari nasce con il passo più corto della Mercedes, ma mostra alcune soluzioni interessanti dal punto di vista aerodinamico con bocche piccole e sfoghi grandi. L'anteriore è molto tradizionale anche se adotta l'S-duct.

La Ferrari che non ti aspetti: corta, molto raccolta ma con soluzioni aerodinamicamente coraggiose e piuttosto complicate. I tecnici diretti da Mattia Binotto hanno preso una strada decisamente alternativa a quella della Mercedes che ha cercato la massima superficie per generare la downforce.

La freccia d’argento ha allungato il passo di 200 mm, mentre la Rossa non è cresciuta allo stesso modo, puntando di più sulla leggerezza (meno carrozzeria e fondo), tanto più che gli esperimenti in galleria del vento con un modellino più lungo non avrebbero dato quei risultati strabilianti che qualcuno si aspettava, per cui l’idea è di andare avanti con la propria linea di sviluppo.

Un progetto che è modulare

La sensazione è che la SF70H sia una macchina modulare, pensata già in fase di progetto per essere pesantemente modificata nel corso del lavoro di sviluppo. Colpisce in particolare l’ingresso delle pance con le bocche che sono precedute da un convogliatore aerodinamico che può essere eventualmente rivisto: le prese vere e proprio, infatti, iniziano molto indietro...

Bocche piccole, ma sfoghi grandi

La sensazione è che gli aerodinamici diretti da Enrico Cardile abbiano puntato a prese piccole e a uno sfogo dell’aria calda in coda più generoso, utile a smaltire la temperatura delle masse radianti, per sfruttare, invece, il flusso che si può convogliare verso il diffusore posteriore per creare il carico aerodinamico.

E non può passare inosservato come ci sia stato il chiaro intento di dividere i filetti d’aria che sono destinati al raffreddamento della power unit da quelli che invece servono a una buona efficienza aerodinamica. Ai bordi della scocca, altezza dello sfogo dell’S-duct, si osservano due flap che sembrano messi apposta per laminare il flusso che si vuole portare all’apertura superiore della pancia che precede la bocca dei radiatori.

Ferrari SF70H
Ferrari SF70H: le bocche dei radiatori sono molto piccole perché si artcolano con degli elementi aerodinamici

Photo by: Ferrari

Lo svaso delle fiancate c'è ma non si vede

Alcuni osservatori hanno giudicato la Ferrari molto larga nelle parte finale delle fiancate rispetto alla Mercedes: indubbiamente la carrozzeria superiore è più larga, ma attenzione la svasatura in basso è altrettanto curata, alla ricerca di una zona Coca Cola piuttosto estrema.

Si nota la mano di Rory Byrne

E si vede la “mano” di Rory Byrne che ha affiancato Simone Resta nella fase di progettazione della SF70H sviluppando i concetti aerodinamici proposti da David Sanchez. Anche i deviatori di flusso che si integrano con i raffinati bargeboard mostrano una ricerca spinta. Il candelabro che mostra un doppio soffiaggio orizzontale si attacca alla fiancata in alto e al labbro rialzato del fondo in basso: il tutto è sostenuto dal parte finale del bargeboard. E’ evidente quanto ogni elemento sia sinergico con quell’altro in una complicazione che si spera non sia esagerata.

Ferrari SF70H
Ferrari SF70H: vista dall'alto

Photo by: Ferrari

Bargeboard in tre elementi

Il bargeboard colorato di bianco ha un disegno classico per la Ferrari, ma davanti ci sono due profili molto ricurvi che gli danno una forma triangolare nella vista dall’alto, mentre dietro c’è un profilo di carbonio che riflette sul pavimento la proiezione dello specchietto retrovisore e della pinna svergolata verso il basso che si trova davanti all’abitacolo.

Ferrari SF70H detail
Ferrari SF70H detail

Photo by: Ferrari

Il muso non è cambiato

Il muso non ha seguito l’orientamento Mercedes e ha mantenuto il nasino della SF16-H: l’aggiunta è l’S-duct che richiama il concetto che era stato proposto proprio dalla Ferrari sulla F2008 per aumentare la portata del flusso sotto alla scocca facendone sfogare una minima parte nella parte superiore del telaio con un flusso laminato. I piloni di sostegno dell’ala anteriore sono in continuità con lo scorso anno. Ovviamente si osserva il profilo a delta del profilo principale che è imposto dal regolamento, mentre tutto il resto è simile al 2016, tranne che nei flap che hanno una forma a sella.

Ferrari SF70H, vista dall'alto del muso
Ferrari SF70H, vista dall'alto del muso con lo sfogo d'aria dell'S-duct

Photo by: Ferrari

Prese d'aria dei freni grandi

I turning vanes sono nuovi con un’ispirazione a quelli Mercedes del 2016, mentre stupisce la grandezza della presa d’aria dei freni che è indiscutibilmente la più generosa fra le monoposto viste finora. La Ferrari ha mantenuto i mozzi forati che alla presentazione erano chiusi, ma che sono stati aperti già nei primi giri a Fiorano.

Sospensioni anteriore push tradizionale

La sospensione anteriore mantiene lo schema push rod della SF16-H: il triangolo superiore mostra l’allineamento con il braccio di sterzo, mentre quello inferiore è a diapason. Insomma niente di nuovo, anche se è stato fatto lo scasso nella cellula di sicurezza della scocca per ospitare un terzo elemento idraulico. Altre vetture hanno cercato di spostare il più in alto possibile tanto l’infulcratura del puntone che del triangolo, ma questo non è il caso della Ferrari che in quest’area è rimasta fin troppo conservativa.

Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H
Kimi Raikkonen sulla Ferrari SF70H: la sospensione anteriore è rimasta push rod e le prese dei freni sono grandi

Photo by: Uncredited

Sulla pinna c'è lo spoiler tipo Mercedes

La presa dinamica del motore ha mantenuto la forma del 2016 che era molto efficiente: è rimasto anche il foro fra i supporti del roll bar, così come le due alette sotto alla camera car. Il cofano motore è caratterizzato dalla lunga pinna che fa da vela: in coda si nota lo spoilerino quasi a sbalzo (simile a quello visto ieri sulla Mercedes) che serve a far riattaccare i flussi verso l’ala posteriore che quest’anno è più bassa e larga in modo da migliorarne l’efficienza.

Ferrari SF70H detail
Ferrari SF70H: sulla pinna del cofano motore c'è lo spoiler che serve a far riattaccare i flussi all'ala posteriore

Photo by: Ferrari

Il pull posteriore non cambia

Davanti alla ruota posteriore caratterizzata dalle gomme larghe si notano solo tre soffiaggi sul bordo d’entrata esterno, anche se gli slot sono molto più profondi che in precedenza. La sospensione posteriore è pull rod: come la Mercedes, ha un tirante molto corto che fa pensare che i cinematismi siano rimasti fra cambio e differenziale e che sia stata irrobustita la scatola. Sulla SF16-H le flessioni della trasmissione erano costate frequenti problemi di affidabilità nel cambio.

A livello di freni è confermato l'impianto Brembo: le immagini non sono chiare, ma la pinza posteriore non è più stesa, ma sembra verticale: chissà cosa stanno studiando a Maranello per scaldare le gomme larghe all'interno del cerchio?

Doppio supporto dell'ala posteriore

La Ferrari per il momento è l’unica macchina che usa un supporto dell’ala posteriore doppio e già alla prima uscita si è mostrata con un monkey seat in stile Toro Rosso. L’ala posteriore è conservativa: anche le paratie laterali svergolate per regolamento, non mostrano cose particolari che si vedranno quasi certamente nei test di Barcellona.

Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H
Kimi Raikkonen sulla Ferrari SF70H dotata nel retrotreno di doppio supporto dell'ala e di monkey seat

Photo by: Uncredited

Articolo successivo
Ferrari SF70H: la pioggia fa ritardare il programma di Vettel

Articolo precedente

Ferrari SF70H: la pioggia fa ritardare il programma di Vettel

Articolo successivo

Hasegawa: "Abbiamo rivoluzionato completamente la power unit"

Hasegawa: "Abbiamo rivoluzionato completamente la power unit"
Carica i commenti