Riservato ai membri

Devi essere iscritto a PRIME per vedere questo contenuto video

Iscriviti
Prime
Formula 1 Analisi

Alonso, torero dalla spada spuntata

Di:

Fernando Alonso ha chiuso il GP di Spagna di Formula 1 in diciassettesima posizione, doppiato e ben lontano dalla zona punti. L'asturiano è apparso in difficoltà per tutto il fine settimana, dove è stato regolarmente "suonato" dal compagno di team Esteban Ocon. L'augurio è che, da Monaco in avanti, Alonso possa invertire la china

Ci si aspettava tanto, forse troppo da Fernando Alonso nel Gran Premio di Spagna di Formula 1. L'alfiere Alpine, nella sua corsa di casa, ha chiuso con un amaro diciassettesimo posto sotto la bandiera a scacchi. 

Fernando non è mai sembrato a suo agio sull'A521, dove per tutti il fine settimana - fatta eccezione per le FP3 - è stato più lento del suo compagno di team, quell'Esteban Ocon subito indicato come vittima designata della stagione e che invece si sta rivelando autore di buone performance.

condividi
commenti

Ferrari: quando si soffre un... cerchio alla testa

La Ferrari è consapevole che la debacle del GP di Francia sia dipesa dalla pessima gestione delle gomme al Castellet: Mattia Binotto ha parlato di un'influenza dei cerchi che sono congelati dallo scorso anno, ma è chiaro che le ruote non sono la causa prima del surriscaldamento, ma per evitare questi guai altre squadre come Mercedes e Red Bull hanno scelto proposto soluzioni molto più evolute realizzate sempre dallo stesso fornitore l'OZ Racing.

Hamilton: "Contratto? Abbiamo cominciato a parlarci"

Il sette volte campione del mondo è stato coinvolto in lunghe sessioni via zoom con i tecnici di Brackley per analizzare la cocente sconfitta del GP di Francia. Lewis ammette che sono state trovate delle soluzioni e la W12 correrà più scarica in Austria. L'inglese difende l'operato di Bottas che spinge perché resti come compagno di squadra, mentre è freddo su Russell: "Al momento non è il mio compagno di team quindi non c’è bisogno di dire nulla”. Più chiaro di così...

Leclerc: "I problemi? Sappiamo dove sono, ma non come risolverli"

Il giovane talento monegasco della Ferrari ammette che i problemi di degrado avuti in Francia potrebbero ricapitare ovunque, non essendo attesi al Paul Ricard. "Stiamo però lavorando per capire come risolverli", ha affermato.

Masi: "I track limits in Austria non saranno un problema"

Curva 9 e 10 gli unici punti critici per i piloti, che però dovranno andare oltre il cordolo con 4 ruote per incorrere in una sanzione. Curva 6 modificata con la ghiaia ora molto più vicina alla sede della pista.

Podcast: Un cavallino rampante di troppo

Nuova puntata di Pillole di Motorsport, il podcast di Motorsport.com dedicato ad aneddoti e curiosità del mondo dei motori. Il nostro viaggio nel tempo, nel mondo della Formula 1, ci porta al 1996. Il paddock di Silverstone, è teatro di un vero e proprio caso: a quanto pare, per qualcuno, c'è un "cavallino" di troppo...

Bottas: "Remissivo? Nessuno sa come lavoro dietro alle quinte!"

Il finlandese non ci vede niente di cambiato nell'atteggiamento con la squadra di Brackley: "In merito al team-radio, sono contento che sia piaciuto a Toto, ma in quel momento non ero così felice della situazione in cui mi trovavo e le emozioni emergono anche se sono nordico". Valtteri assicura di essere molto schietto nei briefing con il team: "E finora non mi hanno chiesto di aiutare Lewis. Ci sono ancora 16 gare ed è troppo presto".

Sainz: "Positiva la reazione Ferrari ai problemi della Francia"

Lo spagnolo alla vigilia delle prove libere del GP di Stiria ammette che non bastano tre giorni di lavoro a Maranello per risolvere il guaio della gestione delle gomme "ma abbiamo messo a a fuoco un piano per il breve, medio e lungo termine per provare a risolvere questo problema”. Carlos è stato partecipe di tutti gli incontri: ""È interessante vedere come una squadra così grande si sia mobilitata per affrontare e risolvere la questione".

Mick Schumacher svela: "E' da inizio stagione che guido storto"

Mick Schumacher ha rivelato di guidare in una posizione non corretta da inizio anno, ma non per colpa del sedile. Questo, infatti, è perfettamente dritto. Dovrà essere lui a dover modificare la sua postura in macchina. Haas, poi, modificherà il sedile per aiutarlo.

Alonso: "Sto dando il 100% ma non è abbastanza per battere Ocon"

Articolo precedente

Alonso: "Sto dando il 100% ma non è abbastanza per battere Ocon"

Articolo successivo

Ferrari: fa bene al morale la crescita di Barcellona

Ferrari: fa bene al morale la crescita di Barcellona
Carica i commenti