Allarme Mercedes: la power unit 4 di Bottas era davvero KO!

In tanti hanno pensato che la sostituzione avvenuta prima del via fosse avvenuta per motivi strategici, per marcare Verstappen. Invece la power unit montata al finlandese a Monza è finita realmente KO a Sochi e ora si teme seriamente un problema di affidabilità, visto che anche Latifi l'ha dovuta sostituire prima del via.

Allarme Mercedes: la power unit 4 di Bottas era davvero KO!

C’è allarme in casa Mercedes. La vittoria che ha consentito a Lewis Hamilton di tornare in vetta alla classifica di campionato ha mitigato solo in parte la preoccupazione emersa nella serata di sabato, quando al termine dei controlli di routine è risultato un problema sulla power unit di Valtteri Bottas. Un motore fresco, quello che stava utilizzando il finlandese, montato nel precedente weekend di Monza e subito smontato dalla monoposto per installare la power unit numero 5 (ICE, TC e MGU-H).

C’è stato chi ha letto nella decisione di sostituire il motore di Bottas la volontà degli strateghi Mercedes di ‘marcare’ da vicino Max Verstappen, chiamato ad una gara di rimonta dopo aver montato la power unit numero 4, ma in realtà la situazione era ben diversa, ed è stata spiegata dallo stesso Valtteri al termine della gara. “La sostituzione è stata indispensabile – ha confermato – il rischio era quello di non terminare il Gran Premio. Abbiamo avuto parecchie complicazioni e in generale la situazione sta diventando un problema”.

Poi Bottas è andato oltre: “Il motore che abbiamo smontato, ovvero quello di Monza, è andato. Nel Gran Premio d’Italia tutto ha funzionato perfettamente, ma i problemi sono emersi qui a Sochi già da venerdì. In vista delle prossime gare ho a disposizione la power unit montata questo weekend prima della gara ed una molto vecchia”.

Leggi anche:

Toto Wolff non è entrato nei dettagli, ma ha confermato i problemi emersi con Bottas descrivendo una situazione non ideale per una squadra chiamata ad affrontare una volata Mondiale. “Si (ha risposto alla domanda in merito al cedimento del quarto motore di Bottas), al momento stiamo rivalutando le prestazioni delle power unit perché sono sorti dei punti interrogativi".

"Dobbiamo avere la certezza di poter disporre del giusto equilibrio, e non solo per quest’anno, ma anche pensando al 2022. È un momento in cui dobbiamo valutare la situazione, è sempre una questione di bilanciamento tra affidabilità e prestazioni, una linea sottile che bisogna identificare molto bene. Se arrivasse un ritiro (per Lewis) potrebbe significare la fine dei giochi per il titolo Mondiale, ma un weekend a zero punto è uno scenario che nessuno può permettersi, né noi, né i nostri avversari”.

L’allarme Mercedes è stato confermato anche dai problemi riscontrati sulla power unit di Latifi, che ha costretto la Williams ad un cambio di power unit dopo le qualifiche di sabato. Anche nel caso del canadese sono stati sostituiti motore endotermico, turbocompressore e MGH-H.

condividi
commenti
Ferrari: si è visto il miglior Sainz, mentre Leclerc rosica
Articolo precedente

Ferrari: si è visto il miglior Sainz, mentre Leclerc rosica

Articolo successivo

Bobbi: "Norris, l'errore di guida... è del team!"

Bobbi: "Norris, l'errore di guida... è del team!"
Carica i commenti