Alfa Romeo: ecco perché Raikkonen ha tamponato Giovinazzi

Kimi Raikkonen si è reso protagonista di un tamponamento ai danni di Antonio Giovinazzi al secondo giro del GP del Portogallo. Ecco i motivi dell'accaduto tra i due compagni di squadra in Alfa Romeo Racing a Portimao.

Alfa Romeo: ecco perché Raikkonen ha tamponato Giovinazzi

Il Gran Premio del Portogallo del team Alfa Romeo Racing non è certo stato memorabile, salvato solo dal 12esimo posto di Antonio Giovinazzi dopo una gara buona, ma non sufficiente per cogliere punti a Portimao a causa di una C41 non ancora capace di lottare costantemente per la Top 10.

Ma il team diretto da Frederic Vasseur ha rischiato di veder terminare la gara delle proprie monoposto anzitempo e per cause direttamente legate ai propri piloti. All'inizio del secondo giro le due Alfa Romeo C41 sono entrate in contatto, con Raikkonen - intento a cercare il recupero con gomme Soft - che ha tamponato la monoposto di Antonio Giovinazzi sul rettilineo d'arrivo.

Ad avere la peggio è stato il finlandese. L'ala anteriore della sua C41 si è rotto, finendo sotto la scocca della vettura e facendole così perdere direzionalità. Questo ha costretto Kimi al ritiro e ha chiamato in pista la Safety Car. Fortunatamente per Giovinazzi, la sua monoposto non ha subito danni ed è riuscito a chiudere la gara.

 

Rientrato nel Paddock dopo l'incidente, Raikkonen ha spiegato quali siano stati i motivi che hanno generato la collisione tra le due Alfa Romeo in un tratto così inusuale.

"In sostanza è stato un mio errore. Stavo controllando qualcosa sul volante e cambiando un settaggio che avevo fatto male arrivando all'ultima curva. Per questo ho dovuto fare un'altra modifica e poi ho colpito Antonio, dunque è stato chiaramente un mio errore".

Questa invece la ricostruzione dell'incidente fatta da Antonio Giovinazzi a fine gara. Il pugliese ha poi sottolineato come sia stato in grado di fare un fine settimana senza sbavature, ma non sufficiente per riuscire a portare a casa punti anche a Portimao.

"Non ho parlato con Kimi e lui ha lasciato subito la pista, ma il team mi ha detto che stava cambiando qualcosa sul volante, ma è andata bene per me. Fortunatamente non ho avuto forature e ho fatto una gara lineare. Mi sono divertito a lottare con Fernando nella prima parte di gara e alla fine con Vettel".

"Sono partito 12esimo e ho chiuso sempre in quella posizione, risultando più veloce delle Aston Martin. Il fatto è che siamo risultati più lenti delle Alpine e non è stato sufficiente per entrare in Top 10 per prendere punti", ha concluso il pugliese.

condividi
commenti
Masi spiega la cancellazione del giro più veloce di Verstappen
Articolo precedente

Masi spiega la cancellazione del giro più veloce di Verstappen

Articolo successivo

Wolff svela: "Bottas rallentato da un guasto a un sensore"

Wolff svela: "Bottas rallentato da un guasto a un sensore"
Carica i commenti