Alfa Romeo: che fine ha fatto la C38 che aveva stupito nella prima sessione di test?

condividi
commenti
Alfa Romeo: che fine ha fatto la C38 che aveva stupito nella prima sessione di test?
Di:
04 mar 2019, 08:06

La monoposto del Biscione non ha impressionato a Barcellona nella seconda settimana di collaudi: Raikkonen 13esimo e Giovinazzi 16esimo hanno dovuto fare i conti con una C38 che ha deluso con il nuovo pacchetto aerodinamico, con deviatori, fondo e ala posteriore.

Che fine ha fatto l’Alfa Romeo? La squadra rivelazione della prima settimana di test a Barcellona, sembra essersi un po’ persa nella seconda con Kimi Raikkonen 13esimo e Antonio Giovinazzi 16esimo, mentre il finlandese si era arrampicato fino a un insperato quarto posto dopo i primi quattro giorni.

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, dopo lo stop in pista

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, dopo lo stop in pista

Photo by: Andy Hone / LAT Images

La risposta più semplice da dare è che sulla C38, una monoposto che fin dai primi metri ha rivelato un perfetto adattamento alle nuove regole aerodinamiche 2019, il pacchetto di novità deliberato non ha funzionato come i tecnici di Hinwil si aspettavano, tanto che venerdì Kimi Raikkonen è tornato a girare in una configurazione standard, per effettuare una prova back to back e raccogliere dei dati per capire cosa non ha funzionato in correlazione con il CFD e la galleria del vento.

Alfa Romeo Racing C38, dettaglio delle alette ai lati della scocca

Alfa Romeo Racing C38, dettaglio delle alette ai lati della scocca

Photo by: Giorgio Piola

L’aspetto più appariscente delle novità erano certo le quattro alette verticali per parte apparse sulla parte anteriore del telaio: i deviatori di flusso erano leggermente svergolati con l’obiettivo di spostare i filetti dall'apice della scocca verso i successivi deviatori di flusso che spingono l'aria in direzione del fondo della C38.

Ma da quanto si è capito non solo state le due "creste" a preoccupare, quanto le novità adottate nella parte anteriore del fondo e la diversa ala posteriore che non hanno affatto convinto il direttore tecnico, Simone Resta, e il chief designer, Luca Furbatto.

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Photo by: Steven Tee / LAT Images

La perdita di prestazione è stata piuttosto evidente e toccherà agli ingegneri del Biscione capire cosa è successo e se andare a Melbourne con la prima configurazione, tenuto conto che fra la prima sessione e la seconda si è registrato un significativo aumento delle temperature con un sensibile incremento del grip, visto che a Montmelò non è mai piovuto per cui la pista è andata gommandosi sempre di più.

Raikkonen, in verità, aveva bocciato alcune soluzioni aerodinamiche dopo pochi giri, percependo che le novità si comportavano peggio delle soluzioni originali, ma nel team anziché accantonare le modifiche, hanno preferito cercare una messa a punto della C38 con il nuovo pacchetto e un po’ alla volta potrebbero essere andati fuori strada.

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Photo by: Glenn Dunbar / LAT Images

Il potenziale dell’Alfa Romeo è certamente maggiore rispetto a quello che si è visto a Barcellona: tocca ai tecnici di Hinwil riprendere il filo di una macchina che ha mostrato alcune soluzioni, come l’ala anteriore che saranno destinate a fare scuola nel corso della stagione 2019.

Una considerazione finale: Ferrari e Haas hanno patito dei problemi agli scarichi, la C38 no. Non è per il fatto che sull’Alfa Romeo sono rimasti due piccoli terminali di sfogo della wastegate, in luogo di quello unico più grande delle altre due monoposto, quanto il fatto che la squadra americana ha seguito quella del Cavallino nella realizzazione di tubi con lo spessore minimo, mentre a Hinwil hanno deliberato una soluzione meno estrema per due ragioni: costi indiscutibilmente minori e maggiore durata…

Scorrimento
Lista

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing
1/24

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
2/24

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Il casco di Antonio Giovinazzi

Il casco di Antonio Giovinazzi
3/24

Foto di: Callo Albanese

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing
4/24

Foto di: Alfa Romeo

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
5/24

Foto di: Zak Mauger / LAT Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38 Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38 Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
6/24

Foto di: Glenn Dunbar / LAT Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
7/24

Foto di: Zak Mauger / LAT Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
8/24

Foto di: Zak Mauger / LAT Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, dopo lo stop in pista

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, dopo lo stop in pista
9/24

Foto di: Andy Hone / LAT Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
10/24

Foto di: Zak Mauger / LAT Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
11/24

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
12/24

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
13/24

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
14/24

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
15/24

Foto di: Zak Mauger / LAT Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
16/24

Foto di: Zak Mauger / LAT Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
17/24

Foto di: Glenn Dunbar / LAT Images

(Da sx a dx): Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing e John Elkann, Presidente FIAT, con il figlio e Charles Leclerc, Ferrari

(Da sx a dx): Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing e John Elkann, Presidente FIAT, con il figlio e Charles Leclerc, Ferrari
18/24

Foto di: Zak Mauger / LAT Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing e Simone Resta, progettista Alfa Romeo Racing

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing e Simone Resta, progettista Alfa Romeo Racing
19/24

Foto di: Zak Mauger / LAT Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
20/24

Foto di: Glenn Dunbar / LAT Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
21/24

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
22/24

Foto di: Zak Mauger / LAT Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
23/24

Foto di: Stefano Arcari

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
24/24

Foto di: Stefano Arcari

Articolo successivo
Ferrari: non c'è più "Mission Winnow" nel nome del team del Cavallino

Articolo precedente

Ferrari: non c'è più "Mission Winnow" nel nome del team del Cavallino

Articolo successivo

Ferrari: senza il logo Mission Winnow, la Scuderia riutilizza le divise del 2018

Ferrari: senza il logo Mission Winnow, la Scuderia riutilizza le divise del 2018
Carica i commenti
Be first to get
breaking news