Motorsport.com's Prime content
Topic

Motorsport.com's Prime content

Alesi: quando il "cavallo pazzo" della F1 ha detto sì alla Ferrari
Prime
Formula 1 Analisi

Alesi: quando il "cavallo pazzo" della F1 ha detto sì alla Ferrari

Di:

La storia di Jean Alesi in Formula 1 avrebbe potuto avere un esito diverso se avesse deciso di rispettare il contratto con la Williams, ma il francese non ha nessun rimpianto per essersi legato alla Ferrari.

Dopo aver sfiorato il titolo nel 1990 con Alain Prost la Ferrari ha deciso di affiancare al “professore” il connazionale Jean Alesi per la stagione successiva. Il francese di origini siciliane ha così compiuto il grande salto dalla Tyrrell alla scuderia di Maranello, ma il 1991 ha rappresentato un anno terribile per il team con lotte politiche, carenze tecniche e grande delusione dei tifosi.

Il binomio Senna-Honda ha raggiunto il suo apice proprio in quella stagione, mentre Nigel Mansell ha trovato rifugio in una Williams non al top per quel che riguarda l’affidabilità.

condividi
commenti

Horner: "Far perdere il podio a Perez sarebbe stato brutale"

Christian Horner ha spiegato di non aver voluto chiamare Perez al pit per soffiare il punto del giro veloce ad Hamilton per non privare il messicano di un podio ampiamente meritato dopo una gara sofferta.

Mercedes: l'incapacità di prendere rischi come la Red Bull

Austin doveva essere la pista della Mercedes e, invece, abbiamo assistito alla superiorità della Red Bull. Cosa è successo dopo che le W12 avevano rifilato nove decimi a Verstappen nel primo turno di prove libere del GP degli Stati Uniti? I dossi dell'asfalto hanno consigliato i tecnici di Brackley ad alzare la macchina perdendo carico aerodinamico, mentre quelli di Milton Keynes hanno adottato soluzioni più spinte e prestazionali.

Minardi: "Verstappen ha anche la maturità del fuoriclasse" Prime

Minardi: "Verstappen ha anche la maturità del fuoriclasse"

Il Gran Premio degli Stati Uniti ha regalato tante sorprese e delusioni. In questo nuovo video di Motorsport.com, ecco i voti ai piloti stilati e commentati da Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi.

Shovlin spiega i guai Mercedes: "Assetto e strategie conservativi"

Andrew Shovlin, trackside engineering director di Mercedes F1, ha spiegato cosa sia andato storto al Gran Premio degli Stati Uniti per il team di Brackley, in una pista sulla carta favorevole alle W12.

F1 | Lapchart: Verstappen piega Hamilton ad Austin

Il GP degli USA ha avuto il suo fil rouge nella lotta serrata tra Lewis Hamilton e Max Verstappen. Ad avere la meglio è stato l'olandese, ma non senza scambi di posizioni...

Report Live | Quartararo mondiale, Verstappen... quasi

Fabio Quartararo conquista a Misano il suo primo titolo mondiale di MotoGP. Per El Diablo si tratta della definitiva consacrazione avvenuta in un 2021 dominato. Max Verstappen, invece, con la vittoria di Austin mette un tassello importante nella sua rincorsa al mondiale di Formula 1, battendo Hamilton e la Mercedes in una pista che sulla carta sarebbe stata a loro congeniale

Mazepin: "Si è sganciato il poggiatesta al primo giro"

Il pilota russo ha vissuto un weekend complicato in Texas ed in gara è stato costretto ad entrare ai box al termine del 1° giro a causa del poggiatesta che si è sganciato subito dopo la partenza.

F1 | Giovinazzi, torna la tensione dopo il team radio di Austin?

Ad Austin il muretto Alfa Romeo ha impartito un ordine ad Antonio Giovinazzi in maniera perentoria, che ha stupito non pochi addetti ai lavori per i toni e i modi duri e insoliti. Tensione riaccesa dopo la Turchia?

F1 2022: con dischi grandi, arriva una rivoluzione nei freni

Articolo precedente

F1 2022: con dischi grandi, arriva una rivoluzione nei freni

Articolo successivo

Ocon esalta i piloti WRC: "Hanno palle d'acciaio!"

Ocon esalta i piloti WRC: "Hanno palle d'acciaio!"
Carica i commenti