Alesi: "Emozionante vedere Giuliano su una Ferrari F1"

Jean Alesi ha raccontato le sue emozioni nel vedere il figlio Giuliano avere il primo assaggio di una Ferrari di Formula 1 lunedì mattina sul circuito di Fiorano.

Alesi: "Emozionante vedere Giuliano su una Ferrari F1"

Jean aveva provato per la prima volta la Ferrari 641 nel novembre del 1990 e quello era stato l'inizio di un'avventura quinquennale con il Cavallino. Il figlio Giuliano, che ha corso in F2 nelle ultime due stagioni, ha fatto la sua prima uscita in F1 al volante di una SF71H del 2018, sfoggiando il numero 28, lo stesso che il padre ha usato nella sua prima stagione in Rosso.

"E' stata una sorpresa per me, non posso credere che abbia osservato i dettagli in questo modo", ha detto Alesi riguardo alla decisione del figlio di utilizzare in numero 28. "Credo di avere fatto il primo test nel novembre del 1990, il mio fan club dice il 15, quindi è incredibile pensare che abbia guidato la macchina con il mio stesso numero 30 anni dopo".

"E' stato bello vederlo su una Ferrari, molto emozionante per me! Ma aveva anche una bella responsabilità: non doveva fare errori, visto che era il primo ad uscire e faceva molto freddo, poi c'erano altri piloti che dovevano guidare la macchina".

"Non è stato facile per lui, ma è andato tutto benissimo e mi sono sentito felice per lui".

Leggi anche:

Alesi ha chiarito che, anche se Giuliano ha lasciato ufficialmente la Ferrari Driver Academy, di cui è entrato a far parte nel 2016, vincendo quattro gare in GP3, questa non è necessariamente la fine della sua storia con il marchio italiano.

"Per lui è finita con l'Academy, ma non con la Ferrari. E' ancora la nostra famiglia", ha detto. "Questo è stato molto chiaro da parte loro".

Dopo due stagioni difficili in F2, Giuliano lascerà l'Europa per correre in Giappone quest'anno, dove suo padre crede che ci sia un sistema più equo, che permette ai piloti di crescere in base ai loro meriti.

"Se si guarda all'Europa, non c'è meritocrazia", ha detto Jean. "Devi solo pagare, pagare e pagare. Penso che sia pazzesco, è l'unico sport al mondo dove devi pagare. In Giappone però le cose mi sembrano più eque".

Giuliano Alesi, Ferrari SF71H

Giuliano Alesi, Ferrari SF71H
1/10

Foto di: Ferrari

Giuliano Alesi, Ferrari SF71H

Giuliano Alesi, Ferrari SF71H
2/10

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Giuliano Alesi, Ferrari SF71H

Giuliano Alesi, Ferrari SF71H
3/10

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Giuliano Alesi, Ferrari SF71H

Giuliano Alesi, Ferrari SF71H
4/10

Foto di: Ferrari

Giuliano Alesi, Ferrari SF71H

Giuliano Alesi, Ferrari SF71H
5/10

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Giuliano Alesi, Ferrari SF71H

Giuliano Alesi, Ferrari SF71H
6/10

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Giuliano Alesi, Ferrari SF71H

Giuliano Alesi, Ferrari SF71H
7/10

Foto di: Ferrari

Giuliano Alesi, Ferrari SF71H

Giuliano Alesi, Ferrari SF71H
8/10

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Giuliano Alesi, Ferrari SF71H

Giuliano Alesi, Ferrari SF71H
9/10

Foto di: Federico Basile / Motorsport Images

Giuliano Alesi, Ferrari

Giuliano Alesi, Ferrari
10/10

Foto di: Ferrari

Doppio programma in Giappone con Toyota

Il 21enne affronterà un doppio programma in Giappone, correndo sia in Super Formula Lights con la TOM'S (squadra legata a Toyota) che nella GT300 del Super GT, dividendo una Toyota del Team Thailand con Sean Walkinshaw.

Giuliano è in parte giapponese, perché sua madre è la cantante e attrice Kumiko Goto. Questo gli permetterà di evitare le restizioni di viaggio legate al COVID-19 che hanno costretto alcuni piloti europei ad abbandonare i loro programmi in Super Formula o nel Super GT lo scorso anno.

"Giuliano parte lunedì", ha detto papà Jean a Motorsport.com. "Non c'è nessun problema per il viaggio perché ha un passaporto giapponese che rende tutto più facile".

"Ha il primo test con la macchina GT al Fuji a febbraio, quindi quello sarà il suo benvenuto in Giappone".

"Sono così orgoglioso che la TOM'S abbia preso Giuliano e lo abbia accolto nella sua famiglia. Spero che mio figlio possa portare risultati ed iniziare una bella storia con loro".

condividi
commenti
F1: quando la sterzata diventa irregolare

Articolo precedente

F1: quando la sterzata diventa irregolare

Articolo successivo

Fotogallery F1: il debutto di Sainz sulla Ferrari a Fiorano

Fotogallery F1: il debutto di Sainz sulla Ferrari a Fiorano
Carica i commenti