Tombazis: "In alcuni GP del 2019 i sorpassi potrebbero aumentare del 50% rispetto al passato"

condividi
commenti
Tombazis: "In alcuni GP del 2019 i sorpassi potrebbero aumentare del 50% rispetto al passato"
Di:
05 apr 2019, 12:24

Simulazioni fatte dagli ingegneri FIA hanno mostrato che in alcune gare i sorpassi potranno aumentare di una cifra considerevole grazie all'introduzione della nuova aerodinamica avvenuta proprio in questa stagione di Formula 1.

In questa stagione di Formula 1 è stato introdotto un nuovo pacchetto aerodinamico semplificato per permettere alle monoposto di avere più possibilità di avvicinarsi alle altre e avere più sorpassi nei gran premi, sfruttando meglio anche il Drag Reduction System.

Sia nei test invernali di Barcellona che al Gran Premio d'Australia, molti piloti non avevano lesinato critiche nei confronti del nuovo pacchetto imposto da questa stagione. Era sorto più di un dubbio sulla sua effettiva efficacia.

Il Gran Premio del Bahrain sembra avere dissipato - almeno parzialmente - la coltre di nebbia scesa sull'operato degli ingegneri della FIA, che aveva studiato il nuovo pacchetto proprio per cercare di aumentare i sorpassi e lo spettacolo nelle gare della classe regina del motorsport.

Nikolas Tombazis, capo delle questioni tecniche legate alle monoposto della FIA, ha rivelato che il nuovo pacchetto aerodinamico ha dato riscontri incoraggianti nelle simulazioni, ma anche che in alcune gare darà risultati migliori che in altre.

Leggi anche:

"Non ci aspettavamo un incremento significativo dei sorpassi in Australia, perché è una pista difficile in cui farli", ha dichiarato Tombazis in un'intervista rilasciata al magazine della FIA chiamato AUTO.

"Alcune simulazioni hanno mostrato un aumento del 10% dei sorpassi, mentre in altre gare le stesse simulazioni prevedono un aumento più consistente, attorno al 50%. Questo è il feedback che abbiamo avuto sino a ora, ma sapremo se sarà corretto solo nel corso della stagione".

"Non ci aspettavamo miracoli in Australia, ma in generale ci aspettiamo un passo nella direzione giusta per quanto riguarda l'aerodinamica".

Le modifiche alle regole 2019 sono state una reazione alla forza e alla complessità dell'aerodinamica delle monoposto raggiunte nella stagione 2018. Tombazis ha descritto l'ala posteriore più larga, affermando che le sue nuove dimensioni portano a un utilizzo più efficace del DRS. Una sorta di "scommessa sicura".

"Guardando le monoposto 2019 nel corso dei test ci siamo accorti che probabilmente avremmo dovuto fare certe cose in maniera leggermente differente per quanto riguarda le regole, ma alla fine sta andando tutto bene".

"Tuttavia, penso che se non avessimo attraversato questo processo e ci fossimo seduti a un tavolo solo per discutere delle regole 2021 ora saremmo in una posizione molto più debole. Per quanto riguarda gli obiettivi che stiamo cercando di raggiungere, il 2019 è stato un esercizio davvero molto utile e importante".

"Se questa stagione si rivelerà molto emozionante dipenderà da quanto i team saranno vicini tra loro nelle prestazioni. E come tutti, sono davvero molto ansioso di capire se sarà davvero così...".

 
Articolo successivo
Williams: il bilancio 2018 è ancora buono, ma i conti non tornano più

Articolo precedente

Williams: il bilancio 2018 è ancora buono, ma i conti non tornano più

Articolo successivo

Ferrari: Vettel ha provato nei test l'ala a cucchiaio per le piste più veloci

Ferrari: Vettel ha provato nei test l'ala a cucchiaio per le piste più veloci
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Scott Mitchell
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie