La Extreme E annuncia un format di gara rivisitato

La Extreme E ha nuovamente modificato il suo format di gara per favorire le squadre che hanno un incidente nelle fasi iniziali o accusano un problema di affidabilità. Il finale sarà potenziato arrivando a cinque auto sulla griglia.

La Extreme E annuncia un format di gara rivisitato

La modifica attuale rappresenta la terza su tre eventi per il gran finale. La griglia è stata ridotta a tre auto per l'evento inaugurale in Arabia Saudita a causa dei livelli di polvere in eccesso nel deserto, mentre la sabbia più calma del Senegal ha aperto la strada a una battaglia a quattro auto. Ora, in vista dell'Artic X-Prix in Groenlandia il prossimo fine settimana, cinque squadre si contenderanno la finale, con i primi due di entrambe le semifinali e il vincitore del playoff "Crazy Race".

Questo arriva in tandem con modifiche al format di qualifica, che mirano a favorire le squadre che accusano problemi all'inizio dell'evento. In particolare, il rollover di Stephane Sarrazin per Veloce Racing in Arabia Saudita ha permesso alla compagna di squadra Jamie Chadwick (che sarà sostituita da Emma Gilmour in Groenlandia a causa della concomitanza con la W Series a Spa) di completare solo un giro nello shakedown.

Le modifiche apportate consentiranno a ogni squadra di completare due giri di qualificazione il sabato mattina - uno per ogni pilota uomo e donna - e due nel pomeriggio. I tempi si tradurranno poi in punti non-campionato su una classifica che va da nove per il vincitore, otto per il secondo posto e così via.

Ecco una dichiarazione di Extreme E: “Il totale combinato di questi punti di classificazione fornisce la classifica intermedia, che si basa sui punti invece che sui tempi, come visto in Arabia Saudita e Senegal. Questo implica una più equa opportunità per tutte le squadre di fare passi in avanti, in particolare se in una sessione vengono registrati un tempo scarso o un ritiro, per esempio".

Jamie Chadwick, Stephane Sarrazin, Veloce Racing

Jamie Chadwick, Stephane Sarrazin, Veloce Racing

Photo by: Colin McMaster / Motorsport Images

Tuttavia, il normale sistema di punteggio sarà utilizzato per il resto, per cui la prima squadra qualificata guadagna 12 punti e si arriva fino a quattro punti per il nono posto e la squadra più lenta. In finale, la squadra vincente guadagnerà 25 punti, 19 per il secondo e 18 per il terzo.

Il co-fondatore e amministratore delegato di Extreme E, Alejandro Agag, ha dichiarato: "Come serie siamo sempre pronti ad evolvere per creare il miglior risultato in assoluto, e crediamo che queste modifiche del format offriranno una maggiore concorrenza e gare ancora più emozionanti per la nostra fanbase globale.

"Non vedo l'ora di vedere alcuni dei più grandi nomi delle corse prendere parte al primo evento motoristico mai ospitato in Groenlandia e vedere chi salirà sul gradino più alto del podio. Il percorso in sé sembra incredibile e sono sicuro che offrirà alcune battaglie ravvicinate, ma è importante notare che stiamo correndo su una zona che una volta era un ghiacciaio, ma si è ritirato ad un ritmo accelerato a causa della crisi climatica".

Finora, il duo Rosberg X Racing del tre volte campione del mondo di Rallycross Johan Kristoffersson e il campione australiano di Rally Molly Taylor hanno vinto entrambi gli eventi.

condividi
commenti
Extreme E: Veloce sostituisce Chadwick con Gilmour in Groenlandia

Articolo precedente

Extreme E: Veloce sostituisce Chadwick con Gilmour in Groenlandia

Articolo successivo

Extreme E: Andretti rinnova Munnings e Hansen per il 2022

Extreme E: Andretti rinnova Munnings e Hansen per il 2022
Carica i commenti