Hyundai schiera Farfus sulla Veloster nel Pure ETCR

Nella presentazione del campionato turismo elettrico è arrivata l'ufficialità della presenza dei coreani con il pilota brasiliano. Intanto Romeo Ferraris continua a lavorare sulla Giulia ETCR che potrebbe essere pronta a novembre. Sei gare previste nel 2021.

Hyundai schiera Farfus sulla Veloster nel Pure ETCR

Anche Hyundai Motorsport sarà al via del PURE ETCR, il campionato turismo elettrico che prenderà il via nel 2021. L'annuncio è arrivato in occasione del 'Grand Reveal', la serata di presentazione ufficiale svoltasi nella Rådhuspladsen di Copenhagen in diretta su Motorsport.tv.

Confermata la presenza di Cupra Racing, che affiderà la e-Racer a Jordi Gené e Mattias Ekström, e della Romeo Ferraris, la quale sta portando avanti la costruzione della sua Alfa Romeo Giulia ETCR (di cui si sono intraviste le prime immagini video) che vedrà al volante Jean-Karl Vernay.

Ad aggiungersi a loro c'è anche la Hyundai con quella Veloster N ETCR che era già presente al lancio di febbraio a Parigi e che ora scende ufficialmente in campo nel campionato con Augusto Farfus.

"Ho preso parte allo sviluppo della macchina fin dall'inizio e ammetto che è qualcosa di totalmente diverso da quello che ero abituato a vedere. Penso che ci sarà da divertirsi e che questa categoria crescerà velocemente. La vettura è silenziosa, come sappiamo. Dal punto di vista della guida è impegnativa perché è potentissima e quindi bisogna gestire bene la spinta, ma anche la frenata. Queste sono le cose che mi hanno sorpreso di più e a cui mi sono dovuto abituare perché è tutto diverso dalle solite macchine da corsa. La prima volta che ho frenato ho sentito le gomme stridere ed è stato stranissimo!", ha commentato Farfus nella conferenza stampa cui ha presenziato anche Motorsport.com.

"Al momento siamo ancora in una fase di sviluppo perché non conosciamo esattamente tutte le caratteristiche delle gare che andremo ad affrontare. Questo implica capire con calma le gomme e il loro lavoro, dovremo darci da fare nella prima stagione per raccogliere dati e avere un quadro della situazione generale in modo da procedere per tirare fuori il massimo dalla macchina".

Il brasiliano ha poi ammesso che questo nuovo capitolo della sua carriera e del mondo delle corse lo affascina particolarmente, dato che si tratta di una serie di novità per tutti.

"Il motorsport sappiamo che sta cambiando, così come la mobilità in città. Bisogna cominciare a pensare in modo diverso, io sono anni che guido auto a combustione, arrivando anche a motori V12. Per me è una novità, ma ammetto che sono molto motivato a conoscere qualcosa di nuovo, anche perché l'obiettivo di un pilota è arrivare sempre al limite e andare forte. Non so come proseguirà la mia carriera, ma spero di essere nel Pure ETCR per lungo tempo perché ne sono davvero incuriosito".

"Il vero fan del motorsport è quello che ama le corse, indipendentemente da quello che ha. Un conto è essere appassionati di macchine e un altro è esserlo del mondo delle corse, divertendosi con sorpassi, battaglie e incidenti. Nel Pure ETCR capisco che non ci sarà il rombo delle macchine, ma lo spettacolo penso che sarà talmente alto che la gente non ci baderà e si divertirà".

Essendo impegnato in Sardegna per il WRC, ilTeam Principal Andrea Adamo è apparso in video tirato a lucido e sorridente in quella che è una avventura nuovissima anche per un ingegnere della sua vasta esperienza.

"Sono orgoglioso e felice di avere la nostra vettura presente all'evento e iscritta al Pure ETCR. La Veloster N ETCR va molto forte, abbiamo intrapreso una bella sfida in questo nuovo impegno nel motorsport. E' bello che ci sia un progetto del genere, siamo stati i primi ad accettare la sfida e l'anno prossimo saremo al via del campionato, che è totalmente nuovo per noi e per tutti", ha detto Adamo.

"Non vedo l'ora di vedere come andrà questa nuova avventura perché la tecnologia delle macchine è qualcosa di puramente differente da quello che né noi e né altri nel motorsport hanno mai avuto in mano. Vediamo come andrà, sarà un impegno pluriennale, ma sono certo che ci si divertirà perché le macchine sono molto potenti e con la trazione posteriore ci garantiranno tante sbandate e spettacolo".

Un altro che non ha potuto presenziare di persona è Vernay, che si è collegato dalla Slovacchia (dove sarà in azione nel WTCR) per fornire le sue prime impressioni sul Pure ETCR.

"Credo che le qualità richieste ad ogni pilota siano capacità di adattamento, intelligenza e reattività in questo genere di corse. E' tutto nuovo per ciascuno di noi, abbiamo tante cose da scoprire, dalla gestione della macchina a quella delle gomme. So che sarà simile al rallycross, conosco il genere di gare, ma non le ho mai provate, e nemmeno Romeo Ferraris, quindi scopriremo assieme questa nuova avventura. La differenza è che correremo in piste vere, quindi bisognerà essere bravi nel trovare l'assetto ideale per sfruttare al meglio la trazione, ma credo che ci divertiremo tanto", ha dichiarato il francese.

"La Giulia ETCR non è ancora pronta perché con la pandemia la consegna delle varie parti si è rallentata, indi per cui ci auguriamo di averla attorno a novembre, o giù di lì. Da quanto ho visto, per il momento, assomiglia molto ad una macchina del DTM o del Super GT, con tanta coppia e potenza. Ho provato la Formula E, quindi so un po' cosa aspettarmi da un mezzo elettrico, però è comunque qualcosa di nuovo e sarà molto interessante scoprirlo".

"Nessuno di noi in Romeo Ferraris ha mai lavorato con l'elettrico o in qualcosa del genere rallycross, però penso che ognuno possa portare l'esperienza accumulata in carriera. Io ho corso con le LMP1 e LMP2, Super GT, TCR e GT, per cui ho avuto modo di provare macchine diverse imparando tante cose. In squadra siamo molto motivati e crediamo molto in questo progetto, siamo un team piccolo, ma con grande voglia di fare. Andiamo a confrontarci contro dei Costruttori, sappiamo che la sfida è difficile. Però nella serie ci sarà anche un BoP a regolare le prestazioni, per cui abbiamo la possibilità di giocarcela".

La serata si è svolta su un palco d'eccezione: la Energy Station, che è il punto di ricarica per le macchine dotato di generatori ad idrogeno che vedremo nei paddock delle gare, dove i mezzi in un'ora potranno essere attaccati per riavere tutta l'energia delle batterie da 500kW.

Come già svelato da tempo, il promoter Eurosport Events ha raggiunto un accordo di fornitura ufficiale con Goodyear per le gomme delle macchine del Pure ETCR e TAG Heuer come cronometrista, mentre le batterie saranno fornite da Williams Advanced Engineering, che nei giorni scorsi ha ultimato l'installazione e uno shakedown proprio sulla Hyundai nel Regno Unito.

Infine è giunta la conferma che nel 2021 il campionato partirà a maggio e avrà sei eventi in totale, di cui quattro in Europa e due in altri continenti. Sicuramente una delle tappe è Copenhagen e le trasferte avverranno via mare.

Nel frattempo, il prossimo appuntamento dimostrativo del Pure ETCR si terrà il 14-15 novembre ad Adria, nel contesto del gran finale del FIA WTCR.

"Ci tengo a dire che siamo diversi dalla Formula E perché loro sono più improntati sulla tecnologia, mentre l'ETCR è legato al prodotto di serie che poi la gente andrà ad acquistare e che vedremo per strada. I campionati sono diversi, i Costruttori che promuoveranno i propri prodotti nel Pure ETCR li venderanno anche, per questo abbiamo avuto tante richieste di informazioni da molte Case. Il motorsport serve loro per la promozione delle macchine, ecco perché siamo qui", ha detto il direttore del Pure ETCR, Xavier Gavory.

"In futuro saremo il primo campionato turismo elettrico al mondo, ma siamo in parallelo con quello che è il WTCR perché si tratta di qualcosa di diverso. Il concetto TCR è piramidale e la punta è il Mondiale, sotto al quale ci sono le serie continentali e nazionali. Anche con l'ETCR vogliamo sia così, quindi cresceremo sicuramente in futuro. Nel 2021 saremo una serie internazionale, poi vediamo se potremo diventare un campionato FIA, che ha accettato la proposta di promozione al fianco del WTCR".

"Un altro aspetto che ci differisce dagli altri è il format 'battle'. L'abbiamo scelto perché volevamo qualcosa che garantisse spettacolo fin da subito, che fosse facilmente riconoscibile dal pubblico e che non si fosse mai visto. Vediamo se funziona, ma credo di sì e che ci si divertirà moltissimo".

Per il momento sono solo tre i marchi presenti nel campionato, ma Xavory ribadisce che ne arriveranno certamente altri.

"Come detto, le richieste sono arrivate da tutto il mondo e non solo dall'Europa. All'inizio avremo sicuramente le Case impegnate perché il tipo di macchina richiede uno sviluppo particolare, poi l'obiettivo è avere quel DNA del TCR che si basa sulle corse clienti, con i team privati supportati dal Costruttore. Non mi sorprenderei che a breve si iscrivessero squadre indipendenti con dietro il marchio, d'altra parte già ne abbiamo uno che è Romeo Ferraris".

"Ho sentito parlare di Honda e se si unisse a noi sarebbe più che benvenuta! Al momento non conosciamo le loro intenzioni, vedremo se si interesseranno alla cosa. In fase di sviluppo del campionato avevamo pensato di avere almeno 16 macchine nella prima stagione, poi è evidente che la situazione sia un po' cambiata per via della crisi. Questo però non ci fermerà e garantiremo spettacolo ovunque e comunque".

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR
1/18

Foto di: Pure ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR
2/18

Foto di: Pure ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR
3/18

Foto di: Pure ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR
4/18

Foto di: Pure ETCR

Atmosfera

Atmosfera
5/18

Foto di: Pure ETCR

Atmosfera

Atmosfera
6/18

Foto di: Pure ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR
7/18

Foto di: Pure ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR
8/18

Foto di: Pure ETCR

Atmosfera

Atmosfera
9/18

Foto di: Pure ETCR

Atmosfera

Atmosfera
10/18

Foto di: Pure ETCR

Atmosfera

Atmosfera
11/18

Foto di: Pure ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR
12/18

Foto di: Pure ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR
13/18

Foto di: Pure ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR
14/18

Foto di: Pure ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR
15/18

Foto di: Pure ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR
16/18

Foto di: Pure ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport, Hyundai Veloster N ETCR
17/18

Foto di: Pure ETCR

Pure ETCR Copenhagen

Pure ETCR Copenhagen
18/18

Foto di: Pure ETCR

condividi
commenti
PURE ETCR: stasera la 'prima' a Copenhagen su Motorsport.tv

Articolo precedente

PURE ETCR: stasera la 'prima' a Copenhagen su Motorsport.tv

Articolo successivo

ETCR: Farfus e Hyundai i primi a girare nei test di Vallelunga

ETCR: Farfus e Hyundai i primi a girare nei test di Vallelunga
Carica i commenti