ETCR | Adamo: "Flop Hyundai colpa mia, cambieremo tutto"

Intervista esclusiva di Motorsport.com al Direttore della Casa coreana, che alla prima uscita nella serie elettrica Pure ETCR ha perso il titolo piloti all'ultima gara, ma nella classifica costruttori è giunta solo terza.

ETCR | Adamo: "Flop Hyundai colpa mia, cambieremo tutto"

Hyundai Motorsport non può assolutamente essere soddisfatta della sua prima avventura nel Pure ETCR, il campionato turismo elettrico che ha visto la Casa coreana impegnata con la Veloster N ETCR.

Dopo tantissimi test di sviluppo e una marea di soldi investiti, i risultati non sono stati quelli sperati. Al di là del titolo perso all'ultima gara da Jean-Karl Vernay contro la Cupra e-Racer di Mattias Ekstrom, tante sono le scelte rivelatesi errate.

Vernay ed Augusto Farfus si sono - diciamo così - salvati mostrando comunque il loro valore, pur incappando in alcuni svarioni, mentre Tom Chilton ha disatteso ogni premessa e l'impalpabile John Filippi non è andato oltre un livello di mediocrità che ha per forza di cose influito sui risultati finali.

Tra questi c'è anche la gestione tecnica della Sébastien Loeb Racing, cui Hyundai Motorsport aveva affidato la collaborazione per questa prima avventura che il suo Direttore, Andrea Adamo, ammette fallita in tutti i suoi aspetti, considerando anche che fra i Costruttori è giunto solamente un terzo posto, alle spalle dei privati della Romeo Ferraris che di risorse ne hanno avute sicuramente molte meno del marchio coreano.

"E' stato sbagliato l'approccio delle persone coinvolte all'inizio, sul progetto e sulla gestione di macchina e quant'altro", ammette Adamo parlando in una intervista esclusiva con Motorsport.com.

"Faccio mea culpa perché le scelte le ho fatte io e si sono rivelate sbagliate, come poi i risultati hanno detto".

"Per l'anno prossimo state tranquilli che cambierà tutto. E quando dico tutto, intendo proprio tutto".

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport N, Hyundai Veloster N ETCR

Augusto Farfus, Hyundai Motorsport N, Hyundai Veloster N ETCR

Photo by: Pure ETCR

Il fatto che i regolamenti non prevedano una omologazione e congelamento dei mezzi consentirà di continuare a sviluppare ed evolvere la Hyundai elettrica in tutte le sue parti 'libere'.

"La vettura sarà evoluta, proseguendo il processo di sviluppo e crescita che già è stato fatto nel corso del 2021".

"Come lavoro sul mezzo, per adesso si può rifare tutto quello che si vuole, non c'è una omologazione per questo tipo di macchine".

Resta da capire come potrà crescere anche il campionato, che entrerà nelle serie FIA e dovrà sperare di avere più macchine e team coinvolti, dato che il solo trio Cupra-Romeo Ferraris-Hyundai poteva andare bene giusto come stagione di lancio.

"Incrementare la griglia di partenza non è una lavoro che mi riguarda, sono i promoter che debbono trovare e convincere Case ad entrare. Per quanto concerne Hyundai Motorsport, confermiamo le nostre due vetture", conclude l'ingegnere piemontese.

Leggi anche:
condividi
commenti
Romeo Ferraris seconda nel Pure ETCR: "Dedicato a Baronio"
Articolo precedente

Romeo Ferraris seconda nel Pure ETCR: "Dedicato a Baronio"

Articolo successivo

Cupra, Puig: "ETCR funziona bene, miglioriamo e apriamo le menti"

Cupra, Puig: "ETCR funziona bene, miglioriamo e apriamo le menti"
Carica i commenti