W Series
G
Le Castellet
25 giu
Prossimo evento tra
72 giorni
G
Spielberg
02 lug
Prossimo evento tra
79 giorni
WTCR
G
Slovakia Ring
21 mag
Canceled
G
Nurburgring
03 giu
Prossimo evento tra
50 giorni
Moto3
G
Termas de Rio Hondo
09 apr
Postponed
G
Austin
16 apr
Postponed
Moto2
G
Termas De Rio Hondo
09 apr
Postponed
G
Austin
16 apr
Postponed
Formula E
G
Paris E-Prix
24 apr
Canceled
WSBK
G
Estoril
07 mag
Postponed
G
Aragon
21 mag
Prossimo evento tra
37 giorni
Formula 1 IndyCar
G
GP di Indianapolis Gara 1
14 mag
Prossimo evento tra
30 giorni
28 mag
Prossimo evento tra
44 giorni
MotoGP
G
GP d'Argentina
08 apr
Postponed
G
GP delle Americhe
15 apr
Postponed
WRC
26 feb
Evento concluso
22 feb
Prossimo evento tra
8 giorni
GT World Challenge Europe Sprint
07 mag
Prossimo evento tra
23 giorni
GT World Challenge Europe Endurance
28 mag
Prossimo evento tra
44 giorni

Un vincitore di Le Mans, con una nuova e diversa categoria di Sport

Il mondo delle corse virtuali degli esports e delle sim racing ha avuto una forte crescita in pochi mesi, grazie all'attenzione avuta durante il lockdown causato dal Covid. Le gare reali si sono fermate e gli appassionati e i piloti sono entrati nel mondo virtuale. Ma dove andrà a finire?

Un vincitore di Le Mans, con una nuova e diversa categoria di Sport

Guardando al futuro, non c'è dubbio che questo slancio si costruirà mentre i produttori lottano per giustificare i costi delle gare reali, tranne che nelle serie d'élite e popolari, ma hanno ancora bisogno di piattaforme per comunicare alle nuove generazioni le loro future credenziali tecnologiche e di sostenibilità. L’Esports è una piattaforma molto accessibile, con una barriera all'ingresso molto più bassa sia per gli spettatori che per i concorrenti. Una nuova serie di esports per riconoscere tutto questo è la RCCO World eX, che inizia la prossima primavera, con brevi gare testa a testa con mostruose auto elettriche da corsa, tecnologia e racconti sul cambiamento climatico. 

Azione Esports

Azione Esports

Photo by: RCCO World eX

Uno degli artefici della nuova serie è Mike Rockenfeller, vincitore assoluto della 24 Ore di Le Mans, campione del DTM e pilota di Audi Works. Abbiamo visto sempre più giovani piloti del mondo reale come Max Verstappen, Lando Norris, Charles Leclerc utilizzare piattaforme come Twitch e i social media per comunicare tra loro e con i loro fan, confondendo i confini tra le corse reali e le corse in sim.

Dopo aver notato come i simulatori siano diventati una parte significativa della vita del vero pilota da corsa negli ultimi anni, Rockenfeller è stato introdotto alle corse in sim da uno dei suoi meccanici che fa parte di uno dei suoi top team, il Team Redline. Man mano che si è fatto coinvolgere più profondamente nella competizione, "Rocky" si è reso conto di quanti altri piloti di punta erano attivi e di quale potenziale ci fosse per il motorsport per trovare una nuova vita e un senso di scopo attraverso gli esports.

"Lo adoro. È una grande opportunità per incontrare persone in tutto il mondo quando sei a casa e parlare con loro per comunicare e, ovviamente, per fare ciò che amiamo di più, ovvero guidare le auto – dice Rockenfeller – E vai in qualche circuito, clicchi e dici 'Ok, ora vado a Laguna Seca', ci vai e guidi quella macchina. E hai lo stesso tipo di sensazione di battaglia (come una vera corsa)".

Mike Rockenfeller

Mike Rockenfeller

Photo by: RCCO World eX

Questo ha dato a lui e a due soci l'idea di iniziare una serie di esports con una differenza, una serie che era molto orientata al futuro con l'enfasi sulle spettacolari auto elettriche da corsa, in una serie di brevi battaglie testa a testa tese, con l'enfasi sulla narrazione e la sostenibilità.

Questo riprende una tendenza che stiamo vedendo con Extreme E mentre si avvia verso la sua stagione inaugurale, quella di mettere il cambiamento climatico in primo piano.

"Tutti noi dobbiamo renderci conto che dobbiamo cambiare qualcosa nelle corse, ma sicuramente il nostro mondo e l'industria automobilistica si sta già trasformando. Ad essere onesti, ero un po' all'antica. Ho sempre detto ‘Abbiamo bisogno di un grande motore’. Ma poi ho guidato una Porsche Taycan su strada. Questo ha davvero cambiato il mio modo di pensare sulle possibilità di prestazioni delle auto elettriche, mi sono reso conto di quanto sia bello guidare, di quanto sia diverso".

Azione Esports

Azione Esports

Photo by: RCCO World eX

Questo ha spinto il team di World eX a voler sviluppare auto elettriche per gli esports che siano divertenti da guidare e da guardare, con 1000 cavalli e 1000 chili, ma che permettano anche ai produttori e alle aziende tecnologiche di raccontare storie intorno alle gare sulla tecnologia e la sostenibilità del futuro.

"Con la nostra piattaforma vogliamo avere la possibilità di spiegare alla gente quanto può essere bello, ma anche quanto sia importante ora reagire al cambiamento climatico in tutto il mondo – come dice Rockenfeller – Avere eroi che guidano le auto per avere buone battaglie. E d'altra parte, avere la possibilità di trasmettere queste innovazioni. Questo è un ottimo modo nelle corse in sim per combinare queste cose".

Gli appassionati di corse in sim - così come i veri appassionati di corse che si trovano a convertirsi alle corse virtuali - saranno lieti di sapere che è stata dedicata molta attenzione allo sviluppo dell'auto, quindi è una vera e propria sfida da guidare.

Azione Esports

Azione Esports

Photo by: RCCO World eX

"Come pilota, sogni un sacco di potenza in un'auto leggera, che non è facile da gestire, dove non salti su e dici dopo tre giri 'Sono al limite’. Abbiamo bisogno di molta potenza, che si può ottenere con i motori elettrici. La trazione integrale è una bella cosa, perché si può giocare con il rapporto di potenza, anteriore e posteriore, e si hanno molte possibilità di influenzare la maneggevolezza dell'auto. Vogliamo avere cifre realistiche, non vogliamo avere un'auto da sogno, che non sarà mai possibile costruire nella vita reale. Non cerchiamo solo auto a batteria, potrebbe essere a celle a combustibile o a batteria, ma sicuramente motori elettrici. La deportanza, ne serve un po', ma non troppo per le belle corse. L'auto che devi far scivolare ed essere comunque veloce, ha un aspetto fresco. Ed è anche una sfida quando a diciamo 150 o 180 km/h hai ancora la possibilità di far derapare l'auto".

Nel modo in cui Rockenfeller lo descrive, World eX trova un equilibrio tra fantasia e realtà; elementi del mondo delle corse reali, ma anche cose che sono dell'immaginazione. E le infrastrutture che lo circondano? I fan che guardano le gare riconosceranno i circuiti già all'inizio nella piattaforma di rFactor che costituirà la base del gioco di simulazione, ma se la serie decolla e il budget può essere stanziato, ci saranno sempre più piste di fantasia.

Jörg Walz, Harry Unflath, Thomas Biermaier, Thomas Voigt

Jörg Walz, Harry Unflath, Thomas Biermaier, Thomas Voigt

Photo by: RCCO World eX

"Nella prima stagione stiamo cercando 10 gare – dice Rockenfeller – Una volta al mese c'è un evento e sono sicuro che troveremo 10 piste fresche e impegnative. Ma possiamo immaginare che in futuro si possa fare anche una gara in città o delle vere e proprie strade. Faremo una lotteria prima dell'evento per quale pista usiamo, in modo che nessuno possa saperlo in anticipo e testare all'infinito. Non lo vogliamo".

Una delle sfide che il World eX ha individuato e affrontato di fronte a questo problema, di cui soffrono le corse reali e le corse in sim, è il "punto focale". In una trasmissione in diretta o in streaming, a differenza degli sport con la palla che hanno un unico punto di messa a fuoco per le telecamere da seguire, le corse hanno decine di partecipanti sparsi, alcuni nelle loro battaglie altri che circolano da soli. E questo può essere noioso per le gare di formato più lungo, soprattutto per il pubblico più giovane.

"Pensiamo che le battaglie testa a testa siano davvero belle ed il risultato è rapido: hai un vincitore, passi al turno successivo o sei fuori dall'evento. Ci dà anche l'opportunità di fare molte gare e di parlare dei piloti, di raccontare storie, di intervistare le personalità, di parlare della tecnologia del futuro e della sostenibilità".

#9 Audi Sport North America Audi R15: Mike Rockenfeller, Timo Bernhard, Romain Dumas

#9 Audi Sport North America Audi R15: Mike Rockenfeller, Timo Bernhard, Romain Dumas

Photo by: Dirk Klynsmith / Motorsport Images

Il successo della Formula E è che offre ai costruttori una piattaforma per mostrare la loro tecnologia dei veicoli elettrici e che è al centro della proposta World eX. Rockenfeller è sicuro che le auto ibride come in F1 o il nuovo formato hypercars per Le Mans e WEC avranno spazio nei prossimi anni, ma le auto elettriche prenderanno il sopravvento. Ritiene inoltre che l'automobilismo sportivo abbia un forte futuro, basato su piloti eroi che dimostrano che c'è ancora un enorme fascino nell'uomo o nella donna che padroneggia la macchina.

"Credo ancora che ci sia un potenziale negli sport motoristici", dice. "Ma bisogna creare degli eroi". Perché non è solo la tecnologia, ma anche le persone che ci stanno dietro. Quando guardi le corse da bambino, sono davvero i piloti. Naturalmente le auto sono affascinanti, ma è l'unico pilota che ti piace, per qualsiasi motivo. E penso che sia importante che tu in qualche modo lo trasporti alle persone, che sia comunque bello guidare un'auto del genere".

condividi
commenti
Il secondo Content Pack di Nascar Heat 5 sarà disponibile dal 27 agosto

Articolo precedente

Il secondo Content Pack di Nascar Heat 5 sarà disponibile dal 27 agosto

Articolo successivo

Codemasters negozia la vendita con Take-Two

Codemasters negozia la vendita con Take-Two
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie eSports
Autore James Allen