Romania, PS4: Kopecky O.K. , Bouffier K.O. !

Romania, PS4: Kopecky O.K. , Bouffier K.O. !

Il ceco balza in testa, il francese si ritira, Delecour 2°, Arai 3°. Manche durissima con molti problemi tecnici.

Primo colpo di scena a Sibiu, dove si sta correndo il Rally di Romania, settimo appuntamento stagionale del Campionato Europeo. Jan Kopecky (Skoda Fabia S2000) vince la sua seconda speciale di fila, completando i 27Km della "Crint 2" in 19'38"4 e balza in testa alla classifica generale, approfittando del ritiro di Bryan Bouffier, che dopo appena 5Km dal via è incappato nella doppia rottura degli ammortizzatori della sua Peugeot 207: svaniscono così per il francese le speranze di una vittoria, alimentate fin dai primi metri percorsi, dato che era al comando della graduatoria. Secondo dunque il francese Delecour (Peugeot 207), a 23"3 da Kopecky, seguito da uno staccatissimo (oltre 2' di ritardo) Toshi Arai: il giapponese della Subaru è in piena lotta per il gradino più basso del podio, dato che gli inseguitori (la coppia rumena Keleti-Girtofan, con Marco Tempestini a ruota) sono racchiusi in appena 10". Da segnalare però che Delecour è arrivato al traguardo con il motore della sua 207 singhiozzante, Arai col cambio bloccato in 4a marcia e Keleti rallentato proprio da Arai che, davanti a lui e raggiunto, gli disturbava la visuale a causa del polverone. Problemi per i piloti Mitsubishi: perde tre posizioni Valentin Porcisteanu, che ha rotto la sospensione posteriore sinistra Lancer, mentre ancora una volta, Vitaly Pushkar è stato colpito dalla sfortuna, con la foratura della posteriore sinistra. Orsàk invece è arrivato al traguardo con perdite d'olio, Marisca invece con problemi al turbo. Out anche Simone Tempestini, in TopTen entrano Puskadi, ottavo, seguito dall'ungherese Botka e da Orsak. Ora la SuperSpeciale di 3,50Km prima della seconda sosta tecnica.

ERC Romania - Classifica PS4

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati ERC
Piloti Toshihiro Arai , Francois Delecour
Articolo di tipo Ultime notizie