Kajetanowicz: "Ci aspetta un rally duro, serve coraggio"

Kajetanowicz: "Ci aspetta un rally duro, serve coraggio"

Il polacco del LOTOS Rally Team parla della sfida che lo attende in Estonia, dove con la sua Fiesta R5 dovrà sudare.

Kajetan Kajetanowicz si appresta ad affrontare il suo primo Rally auto24 di Estonia, presentandosi da secondo in classifica ERC con 103 punti.

Il pilota del LOTOS Rally Team crede fermamente di poter conquistare il Titolo con la sua Ford Fiesta R5 e sa che il prossimo evento della stagione sarà cruciale.

Della Top20 ERC tu sei uno dei quattro che non ha mai fatto il Rally di Estonia. Come ti sei preparato e come ti senti?
“La decisione di correre in Estonia è stata presa in breve tempo, per cui non abbiamo avuto modo di lavorare tanto. Prima di fare un rally devi essere certo delle tue possibilità e sentirti ben preparato. Il lavoro più duro riguarda il feeling. Ho fatto tante gare, ma il Rally di Estonia rappresenta una grandissima sfida per me.”

Pensi che queste strade veloci si adattino alla tua guida e alla tua Ford Fiesta R5?
“Per me sarà la prima volta in Estonia, quindi sarà dura trovare subito il giusto ritmo; non voglio correre rischi. Ringrazio gli organizzatori che mi daranno la possibilità di fare un test pre-evento, spero di essere più preparato dopo averlo terminato. In Estonia serviranno coraggio e autostima per andare a tutta velocità fra tutti questi alberi; sono le Speciali più veloci del mondo e per me è davvero eccitante!”

Come farai a mantenere la concentrazione nei velocissimi 34,91 km della PS “Ristimäe”?
“La “Sete Cidades” delle Azzorre è stato un buon allenamento. Abbiamo fatto 30km a temperature alte, con cambiamenti di grip ad ogni curva e una vista stupenda. E’ difficile restare concentrati in queste condizioni. Le settimane prima delle Azzorre mi sono allenato molto fisicamente, quindi posso rifare tutto. Lo sforzo sarà concentrarmi al massimo per essere lucido nelle decisioni da prendere all’istante, anche perché farà molto caldo in macchina e il tutto durerà per 35km.”

Fisicamente fare la “Ristimäe” per due volte in 2 ore sarà dura?
“Non lo so perché non l’ho mai fatta prima! Magari chiedimelo al traguardo! I rallisti si debbono allenare fisicamente e mentalmente, sempre e contemporaneamente, quindi la fatica giunge sotto aspetti diversi. Il nostro lavoro dovrà essere migliore dei nostri avversari, vedremo. Fa tutto parte del gioco.”

Cosa ne pensi dei rivali che troverai in Estonia?
“Gli iscritti sono davvero tanti e temibili, lo ammetto. A cominciare dal finlandese Juha Salo. Poi ci sarà Karl Kruuda, che ha esperienza in WRC2, e anche il velocissimo Martin Kangur. Avremo anche Craig Breen e Robert Consani, così come il giovane talento Sander Pärn. E’ un rally molto veloce e non dimentichiamoci che ci sono anche i piloti dell’ERC2 come Dominykas Butvilas e Siim Plangi. Alexey Lukyanuk torna nell’ERC e ci ricordiamo tutti cosa fece lo scorso anno, quindi sarà da tenere d’occhio pure lui. potrei dirtene altri, ma non vorrei aumentare la pressione!”

Come previsto, hai saltato il Rally Kenotek by CID LINES di Ypres, dove il tuo rivale Craig Breen si è ritirato, prendendo solamente sei punti. Cosa ne pensi?
“Mi dispiace per Craig perché era stato molto veloce in un evento difficile. E’ una situazione dura, ma penso che lui abbia già dimenticato tutto. l’ho incontrato al Rally di Polonia ed era tranquillo. Prima dell’Estonia dobbiamo pensare solo a noi, concentrarci ed andare forte per tutto il weekend. La più grande forza della nostra squadra arriva direttamente dal cuore di quelli che lavorano con noi. Per questo amo ognuno di loro e sono determinato. Voglio rendere l’impossibile possibile in Estonia, darò il massimo.”

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati ERC
Piloti Kajetan Kajetanowicz
Articolo di tipo Ultime notizie