Clamoroso a Cipro: Galatariotis batte Magalhães per 0"6 e vince nella beffa di Al-Attiyah

condividi
commenti
Clamoroso a Cipro: Galatariotis batte Magalhães per 0
Francesco Corghi
Di: Francesco Corghi
17 giu 2018, 15:48

Il qatariota fora nel finale e scivola giù dal podio, trionfa l'idolo locale davanti al portoghese che è nuovo leader della serie. Herczig terzo, bene Avcioğlu. Panteli vince l'ERC2, dominio di Pellier in ERC3.

Ha dell'incredibile l'epilogo del Cyprus Rally, una delle gare più combattute del FIA European Rally Championship che ha visto Simos Galatariotis trionfare per soli 0"6 nei confronti di Bruno Magalhães.

E' successo veramente di tutto negli ultimi due percorsi di gara, con Nasser Al-Attiyah che torna a casa con un pugno di mosche dopo aver assaporato il successo. Il pilota del Qatar era riuscito nell'impresa di riportare al comando la sua Ford Fiesta R5 dopo la PS12, ma nella PS13 finale è incappato in una foratura che lo ha fatto sprofondare addirittura quarto e giù dal podio assoluto.

Ad approfittare dei guai del portacolori dell'Autotek Motorsport ci ha pensato Galatariotis, profeta in patria assieme al suo co-pilota Antonis Ioannou con il quale ha concluso non senza il brivido finale, dato che la ŠKODA Fabia R5 condotta dall'idolo locale è arrivata al traguardo con una gomma a terra!

Il cipriota in realtà ha sfruttato al meglio l'ottimo tempo della PS12 che gli aveva consentito di scavalcare Magalhães, che alla fine si ritrova secondo per 0"6, in una sorta di remake di quanto accaduto una settimana fa in Sardegna con la vittoria di Thierry Neuville su Sébastien Ogier nel round tricolore del WRC per appena 0"7.

Per il portoghese è comunque un risultato da incorniciare dopo le difficoltà iniziali a trovare un set-up decente per la sua ŠKODA Fabia R5; ora il pilota della ARC Sport è al comando della classifica di campionato e dovrà trovare il modo di difendere la propria leadership con i fondi che gli consentano di iscriversi alle prossime gare, visti i noti problemi di budget che lo affliggono.

Il podio lo completa Norbert Herczig, autore di un'altra grande prova al volante della ŠKODA Fabia R5 preparata dal MOL Racing Team dopo le belle prestazioni dell'Acropolis Rally di 15 giorni fa. L'ungherese ha combattuto inizialmente per la Top5, poi ha approfittato dei guai altrui per staccare gli avversari e consolidare la propria posizione in classifica, tanto che nemmeno una foratura finale lo ha privato della gioia di un terzo posto tutto sommato meritato.

Detto del quarto posto di Al-Attiyah, in Top5 abbiamo anche la ŠKODA Fabia R5 di Orhan Avcioğlu (Toksport WRT), il quale è riuscito a battere quelle degli ottimi Vojtéch Štajf (ACCR Czech Team) e Dávid Botka (Sysinfo Rallye Team), che si classificano sesto e settimo.

Primi punti nell'ERC per Albert Von Thurn Und Taxis sulla ŠKODA Fabia R5 della BRR, con il Principe tedesco che è ottavo, mentre la Top10 viene completata dalla Citroën DS3 R5 di un Alexandros Tsouloftas capace di rimontare furiosamente dopo i problemi che lo avevano spedito nelle retrovie.

Petros Panteli festeggia non solo la nona posizione assoluta, ma soprattutto la vittoria in Classe ERC2 dove il pilota del Q8 Oils Rally Team ha piazzato la sua Mitsubishi Lancer Evo X sul primo gradino del podio con 33"8 di vantaggio su quella di Michalis Posedias (Autotelio Rally Team) ed 1'33" su Juan Carlos Alonso (RMC Motorsport). Il nostro Zelindo Melegari (Movisport) e Panikos Polykarpou (Psaltis Auto Parts) completano la Top5 della categoria produzione.

Grandissima gara per Laurent Pellier al volante della Peugeot 208 R2: il pilota del Saintéloc Junior Team trionfa senza rivali in Classe ERC3 sfiorando pure la Top10 assoluta. Constantinos Televantos è in piazza d'onore con la Ford Fiesta R2 del Q8 Oils Rally Team, mentre il debuttante Norbert Bereczki riesce nell'impresa di portare terza la sua piccola Suzuki Swift Sport. Amarezza per Artur Muradian (Renault Clio R3 - TBRacing), ritiratosi dopo la PS10 mentre era in lotta per il podio della categoria 2WD. Emma Falcón (Citroën DS3 R3T) è quarta davanti a Catie Munnings (Saintéloc, Peugeot) e vince nell'ERC Ladies' Trophy.

Infine segnaliamo che gli organizzatori hanno cancellato la PS11 per via del ritardo accumulato durante la PS10, quando un concorrente locale ha avuto un incidente (senza conseguenze) con una vettura di un tifoso.

ERC - Cipro: Classifica PS12
ERC - Cipro: Classifica PS13

Articolo successivo
Cipro, PS9-10: Nordgren va fuori, Galatariotis al comando, ma Al-Attiyah è minaccioso

Articolo precedente

Cipro, PS9-10: Nordgren va fuori, Galatariotis al comando, ma Al-Attiyah è minaccioso

Articolo successivo

Il sacrificio di Melegari: rinuncia al Rally di Roma Capitale per far correre Giandomenico Basso

Il sacrificio di Melegari: rinuncia al Rally di Roma Capitale per far correre Giandomenico Basso
Carica i commenti