Calendario 2019: confermata Roma, salta l'Acropoli, novità Ungheria

condividi
commenti
Calendario 2019: confermata Roma, salta l'Acropoli, novità Ungheria
Francesco Corghi
Di: Francesco Corghi
09 nov 2018, 18:11

Pubblicato l'elenco delle otto gare del prossimo anno, equamente divise tra asfalto e terra. Nuovo ingresso per Nyíregyháza, nella Capitale si corre a giugno, inizio ad Azzorre e Canarie, ci sono anche Polonia, Barum Rally, Lettonia e Cipro.

L'Ungheria torna nel calendario del FIA European Rally Championship con l'evento di Nyíregyháza per il 2019. Il prossimo anno sono 8 gli appuntamenti previsti (4 su terra e 4 su asfalto) dalla FIA Rally Commission che si è riunita a Ginevra il 7 novembre e che dovranno essere approvati dal Consiglio Mondiale della FIA il 5 dicembre a San Pietroburgo.

Il rally ungherese è una novità importante per il 2019 grazie al sostegno del governo locale e delle autorità. La città scelta è Nyíregyháza, a circa 2h30 di macchina da Budapest, dove si terrà il weekend conclusivo della stagione magiara quest'anno (9-11 novembre) come Nyíregyháza Rally, per la prima volta andato in scena nel 1980 quando era tappa fissa per gli sport locali.

Gli altri cambiamenti del calendario 2019 dell'ERC riguardano, Rally Liepāja (Lettonia), Rally Poland e Cyprus Rally. I primi due vengono anticipati rispetto a 2017 e 2018, con l'evento baltico che si correrà a maggio e quello polacco a giugno, mentre Cipro passa a settembre per festeggiare la 75a edizione. 

Leggi anche:

Si comincia dalle isole, con Azores Airlines Rallye a São Miguel e Rally Islas Canarias a Gran Canaria, fissati all'inizio per facilitare gli spostamenti.

A metà stagione abbiamo invece i rally asfaltati, con Rally di Roma Capitale e Barum Czech Rally Zlín, in luglio e agosto.

I giovani talenti dell'ERC Junior prenderanno parte a tre gare su terra e tre su asfalto nel 2019.

Jean-Baptiste Ley (coordinatore ERC): “Siamo lieti di presentare il calendario provvisorio del FIA European Rally Championship 2019, che resta soggetto all'ok del Consiglio Mondiale FIA. Ancora una volta abbiamo risposto alle richieste dei concorrenti di limitare ad 8 gli eventi nell'arco dell'anno e di dividerli equamente tra terra e asfalto".

“Il Rally Hungary è una bellissima novità del programma e siamo felicissimi di aver rinnovato gli accordi con Azores Airlines Rallye, Rally Islas Canarias, Rally Liepāja, Rally Poland, Rally di Roma Capitale, Barum Czech Rally Zlín e Cyprus Rally.

“L'Acropolis Rally non ci sarà, ma stiamo già parlando del suo ritorno nel 2020. E' un evento di altissima qualità e storico, organizzato benissimo da Eurosport Events e OMAE con una grande collaborazione che non va buttata, ma preservata. La porta per questo evento resta sempre aperta".

FIA European Rally Championship 2019

Round 1: Azores Airlines Rallye (Portogallo), 21-23 marzo** (ERC Junior), terra
Round 2: Rally Islas Canarias (Spagna), 2-4 maggio (ERC Junior), asfalto
Round 3: Rally Liepāja (Lettonia), 24-26 maggio (ERC Junior), terra
Round 4: Rally Poland (Polonia), 28-30 giugno (ERC Junior), terra
Round 5: Rally di Roma Capitale (Italia), 19-21 luglio (ERC Junior), asfalto
Round 6: Barum Czech Rally Zlín (Repubblica Ceca), 16-18 agosto (ERC Junior), asfalto
Round 7: Cyprus Rally (Cipro), 27-29 settembre, terra
Round 8: Rally Hungary (Ungheria), 1-3 novembre, asfalto***

**Soggetto a firma dell'accordo con il promoter
***Soggetto a conferma supervisore FIA

 
Articolo successivo
Testoni esclusivo: "Pirelli pronta ad una rivoluzione per i rally nel 2019, dobbiamo sempre avere qualcosa di nuovo"

Articolo precedente

Testoni esclusivo: "Pirelli pronta ad una rivoluzione per i rally nel 2019, dobbiamo sempre avere qualcosa di nuovo"

Carica i commenti

Su questo articolo

Serie ERC
Autore Francesco Corghi
Tipo di articolo Ultime notizie