12 Ore di Bathurst: l'Aston vola ma è penalizzata, la pole va alla Mercedes di Marciello

condividi
commenti
12 Ore di Bathurst: l'Aston vola ma è penalizzata, la pole va alla Mercedes di Marciello
Di:
Tradotto da: Marco Di Marco
02 feb 2019, 08:26

Jake Dennis compie un giro perfetto ma dovrà arretrare di due posizioni regalando così l'intera prima fila alla Mercedes con Raffaele Marciello in pole.

#98 Matt Stone Racing Audi R8 LMS: Todd Hazelwood, Roger Lago, David Russell
#9 Audi Sport Team MPC Audi R8 LMS: Marc Cini, Lee Holdsworth, Dean Fiore
#92 Liajen Motorsport Marc I: Jason Busk, Geoff Taunton, Dylan O'Keeffe
#888 Mercedes-AMG Team Vodafone Mercedes AMG GT GT3: Craig Lowndes, Jamie Whincup, Shane van Gisbergen
#77 Mercedes-AMG Team Craft Bamboo Black Falcon Mercedes AMG GT GT3: Maro Engel, Luca Stolz, Gary Paffett
#62 R-Motorsport Aston Martin Vantage GT3: Jake Dennis, Matthieu Vaxiviere, Marvin Kirchhöfer

Jake Dennis era riuscito a conquistare la vetta della classifica con il tempo di 2’02’’494, precedendo di quattro decimi i rivali più vicini, ma non potrà scattare dalla pole a causa di una penalità rimediata nelle fasi iniziali della qualifica per aver ecceduto la velocità massima in pit lane.

Nonostante sia riuscito ad assicurarsi l’Allan Simonsen Trophy, la Aston Martin Vantage #62 dovrà arretrare di due posizioni in griglia regalando così la prima posizione di partenza alla Mercedes del GuppeM.

Raffaele Marciello è stata un’altra stella dello Shootout alla guida della vettura tedesca e condividerà la prima fila con l’altra Mercedes affidata a Maro Engel salito sino alla seconda posizione in classifica grazie alla penalità di Dennis.

Detto della presenza della Aston Martin #62, la seconda fila si completa con la Bentley #107 del team M-Sport grazie ad una buona performance di Steven Kane, mentre David Reynolds ha conquistato il quinto tempo alla guida della Mercedes #777 dell’Erebus e la pole di classe tra le vetture Pro-Am.

Kelvin van der Linde ha iniziato la sessione con qualche sbavatura di troppo, specie alla Hell Corner, ma è riuscito a compiere una buona progressione che ha consentito alla sua Audi #22 di risalire sino al sesto crono di giornata, un risultato decisamente superiore alle aspettative.

Matt Campbell ha portato la Porsche #912 dell’EBM sino al settimo posto nella classifica dei tempi, ma può recriminare l’errore commesso nel settore finale dopo aver fatto segnare il miglior parziale nel T2, mentre Yelmer Buurman non è riuscito a ripetere le stesse performance viste nella qualifica regolare chiudendo con l’ottavo tempo.

La top ten si è completata con Christopher Haase nono al volante dell’Audi #2 ed Alex Imperatori che ha confermato quanto visto nella qualifica regolare ottenendo il decimo tempo al volante della Nissan #18 KCMG.

Articolo successivo
La 12h di Bathurst in diretta streaming gratuita su Motorsport.tv

Articolo precedente

La 12h di Bathurst in diretta streaming gratuita su Motorsport.tv

Articolo successivo

Bathurst, ecco l'eroe che ha salvato Pappas: "Commissari fermi davanti al fuoco e alla gente che urlava!"

Bathurst, ecco l'eroe che ha salvato Pappas: "Commissari fermi davanti al fuoco e alla gente che urlava!"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Endurance
Evento 12 Ore di Bathurst
Sotto-evento Sabato, qualifiche
Autore Andrew van Leeuwen