4 Ore di Monza: Albuquerque e Hanson conquistano il titolo

Filipe Albuquerque e Phil Hanson hanno conquistato il titolo ELMS al termine della 4 Ore di Monza chiudendo i giochi con un gara di anticipo. In GTE vittoria per Perel-Broniszewski-Cadei.

condividi
commenti
4 Ore di Monza: Albuquerque e Hanson conquistano il titolo

I giochi per la conquista del titolo si sono conclusi a Monza in occasione della 4 Ore. Filipe Albuquerque e Phil Hanson, infatti, non solo sono riusciti a conquistare la terza vittoria consecutiva su 4 gare, ma hanno anche chiuso aritmeticamente i giochi laureandosi campioni della European Le Mans Series con ancora l’appuntamento di Portimao da disputare.

E’ stata una giornata perfetta per lo United Autosports grazie al secondo gradino del podio conquistato dalla vettura #32 affidata ad Alex Brundle, Job Van Uitert e Will Owen.

Non tutto è filato liscio per lo United Autosports. Ad inizio gara, infatti, Hanson ha subito un danno alla posteriore destra a seguito di un contatto alla prima chicane, che ha costretto il team ad una sosta anticipata già al nono giro.

Dopo il caos iniziale, nel quale è stato coinvolto anche Rusinov, in testa è salito Jonathan Hirschi, ma il pilota del Team Duqueine ha dovuto ben presto arrendersi ad un Nico Jamin autore di un sorpasso da applausi alla Ascari. Jamin, però, ha dovuto subito dopo effettuare una sosta imprevista a causa di un danno alla vettura riportato proprio in occasione del sorpasso ai danni di Hirschi.

Successivamente è toccato a Fjordbach salire al comando seguito dalla #25 di Enqvist, bravo a passare Will Owens, e da Alexandre Cougnaud salito in terza ma poi penalizzato per aver causato il contatto iniziale con la G-Drive di Rusinov.

La prima full course yellow è stata decretata a seguito del contato tra la Ferrari #60 dell’Iron Lynx e la Oreca #3 dello United Autosports. Fjordbach ne ha approfittato per effettuare la sosta e tornare in pista in prima posizione con un vantaggio di 21 secondi su Enqvist quando la bandiera verde è tornata a sventolare.

La seconda FCY è stata decretata quando la vettura #7 si è insabbiata in una posizione pericolosa in curva 5. Anche in questo caso la #20 dell’High Class Racing è rimasta in testa ma questa volta con Dennis Andersen al volante, ma il danese è stato presto raggiunto da Albuquerque.

Il portoghese ha recuperato il gap di 30’’ sino a scendere ad 8’’ di ritardo ed in occasione della sosta i meccanici dello United Autosports sono stati più rapidi consentendo ad Albuquerque di tornare in pista in prima posizione.

Una terza FCY è stata decretata successivamente per consentire ai commissari di rimuovere i detriti sparsi in pista, ma la Oreca #22 non è mai stata messa sotto pressione.

Intensi gli ultimi giri di gara per determinare l’equipaggio che avrebbe occupato il terzo gradino del podio. Ad imporsi sono stati Hanley, Hedman e Milesi grazie alla grande resistenza del primo nei confronti di un Anders Fjordbach scatenato nei giri conclusivi.

In LMP3 vittoria prima vittoria stagionale per l’Inter Europol Competition grazie a Martin Hippe e Dino Lunardi, mentre il secondo gradino del podio di classe è andato al team Eurointernational con l’equipaggio composto da Niko Kari, Nicolas Maulini e Jacopo Baratto.

In GTE il successo è andato all’equipaggio del Kessel Racing composto da David Perel, Michael Broniszewski e Nicola Cadei bravi ad imporsi su Picariello, Ried e Beretta al volante della Porsche 911 RSR del Proton Competition.

Terzo posto per l’equipaggio tutto al femminile dell’Iron Lynx composto da Rahel Frey, Michelle Gatting e Manuela Gostner al primo podio stagionale.

 

ELMS, 4 Ore di Monza: Albuquerque ancora in pole

Articolo precedente

ELMS, 4 Ore di Monza: Albuquerque ancora in pole

Articolo successivo

Titoli e vittorie per le Ferrari 488 GT3 e GTE nel fine settimana

Titoli e vittorie per le Ferrari 488 GT3 e GTE nel fine settimana
Carica i commenti