Wittmann prima attacca e poi si difende: grande trionfo in Gara 2 al Norisring

condividi
commenti
Wittmann prima attacca e poi si difende: grande trionfo in Gara 2 al Norisring
Francesco Corghi
Di: Francesco Corghi
24 giu 2018, 13:07

Meraviglioso successo del ragazzo del BMW Team RMG autore di una prestazione da applausi che lo ha visto prima rimontare e poi chiudere la porta alle Mercedes di Mortara e Juncadella. Buon quarto posto per Spengler, a punti le Audi di Müller e Frijns. Paffett perde terreno dopo le scintille con Glock.

Marco Wittmann è stato autore di una magnifica Gara 2 del DTM al Norisring, dove il pilota del BMW ha trionfato con una strategia di attacco-difesa praticamente perfetta nel corso dei 68 giri percorsi sui 2,3km del tracciato di Norimberga. Per il ragazzo del Team RGM è un successo casalingo di grande vanto perché ha interrotto l'egemonia della Mercedes con una prestazione superlativa al volante della sua BMW M4 DTM con la quale era scattato dal settimo posto in griglia.

Wittmann ha mantenuto il sangue freddo e il piede sull'acceleratore fino a quando non si è trattato di effettuare la sosta (11° giro), poi ha combattuto a lungo con le Mercedes di Lucas Auer, Edoardo Mortara e Daniel Juncadella, superati in sequenza fino a prendersi la testa della corsa scappando via.

Nel finale è però arrivata la replica proprio di Mortara (che a sua volta ha rimontato posizioni su posizioni dopo aver cambiato le gomme al primo giro), il quale però non è riuscito a trovare il varco giusto per attaccare il Bi-Campione DTM, che vince con soli 0"450 di margine sulla Mercedes-AMG C63 DTM dell'italo-svizzero portacolori del Team HWA.

A completare il podio c'è il compagno di squadra di quest'ultimo, Juncadella, anch'esso in lizza per il successo nel finale seppur con la macchia di non aver mantenuto la leadership visto che partiva dalla pole position.

Ottimo quarto posto per Bruno Spengler con la BMW del Team RBM, seguito dalle Mercedes di Lucas Auer e Paul Di Resta. L'austriaco era partito molto bene prendendo la seconda posizione, poi però si è trovato imbottigliato nel traffico dopo aver effettuato la sosta ai box non potendo così sfruttare le gomme più fresche rispetto agli avversari che lo precedevano. Lo scozzese ha invece perso terreno per via di un passo gara non eccezionale.

Il weekend nerissimo dell'Audi si conclude con i punti presi dai ragazzi del Team Abt SportsLine, ossia Nico Müller e Robin Frijns; strategie opposte per i pit-stop dello svizzero (giro 1) e dell'olandese (giro 40), i quali terminano in settima ed ottava posizione con le rispettive RS 5 DTM.

Anche Pascal Wehrlein riesce a recuperare dal fondo dello schieramento sfruttando la sosta nelle ultime fasi di gara e l'ex-pilota Sauber F1 taglia il traguardo nono sulla propria Mercedes.

Timo Glock completa la Top10 al termine di una lotta serratissima e davvero bella combattuta con la Mercedes di Gary Paffett. Il pilota del BMW Team RMG ha più volte chiuso la porta al britannico del Team HWA, che a sua volta lo ha ripetutamente toccato sul posteriore e nelle fiancate pur di farsi largo. Il guaio è che così facendo non solo ha perso tempo (al primo giro era terzo), ma ha pure esaurito in fretta i DRS a disposizione non riuscendo così a difendersi dagli assalti delle BMW preparate dal Team RBM con sopra Philipp Eng e Joel Eriksson, undicesimo e dodicesimo sotto la bandiera a scacchi.

Alle spalle di Paffett, tredicesimo, ci sono le due Audi RS 5 DTM del Team Rosberg affidate a René Rast e Jamie Green, e quella di Mike Rockenfeller (Team Phoenix). Il Campione in carica Rast è incappato in un problema al pit-stop che lo ha fatto sprofondare in classifica, altrimenti un piazzamento a punti sarebbe potuto essere alla sua portata.

Chiudono la classifica la BMW di Augusto Farfus (Team RMG) e la Audi di Loïc Duval, con il brasiliano che oltretutto al giro 51 era stato spedito in testacoda dal francese.

 

Cla   # Pilota Auto Giri Tempo Gap Distacco Pits Punti
1   11 Germany Marco Wittmann BMW M4 DTM 68 56'13.000     1 25
2   48 Italy Edoardo Mortara Mercedes-AMG C63 DTM 68 56'13.450 0.450 0.450 1 18
3   23 Spain Daniel Juncadella Mercedes-AMG C63 DTM 68 56'13.860 0.860 0.410 1 15
4   7 Canada Bruno Spengler BMW M4 DTM 68 56'18.497 5.497 4.637 1 12
5   22 Austria Lucas Auer Mercedes-AMG C63 DTM 68 56'19.062 6.062 0.565 1 10
6   3 United Kingdom Paul di Resta Mercedes-AMG C63 DTM 68 56'24.707 11.707 5.645 1 8
7   51 Switzerland Nico Müller Audi RS5 DTM 68 56'25.724 12.724 1.017 1 6
8   4 Netherlands Robin Frijns Audi RS5 DTM 68 56'26.748 13.748 1.024 1 4
9   94 Germany Pascal Wehrlein Mercedes-AMG C63 DTM 68 56'30.917 17.917 4.169 1 2
10   16 Germany Timo Glock BMW M4 DTM 68 56'42.239 29.239 11.322 1 1
11   25 Austria Philipp Eng BMW M4 DTM 68 56'42.559 29.559 0.320 1  
12   47 Sweden Joel Eriksson BMW M4 DTM 68 56'44.139 31.139 1.580 1  
13   2 United Kingdom Gary Paffett Mercedes-AMG C63 DTM 68 56'45.071 32.071 0.932 1  
14   33 Germany René Rast Audi RS5 DTM 68 56'46.201 33.201 1.130 1  
15   53 United Kingdom Jamie Green Audi RS5 DTM 68 56'48.547 35.547 2.346 1  
16   99 Germany Mike Rockenfeller Audi RS5 DTM 68 56'50.893 37.893 2.346 1  
17   15 Brazil Augusto Farfus BMW M4 DTM 68 57'00.521 47.521 9.628 1  
18   28 France Loïc Duval Audi RS5 DTM 67 56'33.919 1 Lap 1 Lap 2  

 

Articolo successivo
Juncadella conquista la pole position per Gara 3 in un dominio Mercedes

Articolo precedente

Juncadella conquista la pole position per Gara 3 in un dominio Mercedes

Articolo successivo

Zandvoort, Libere 1: Mercedes brilla con Auer, Mortara e Paffett

Zandvoort, Libere 1: Mercedes brilla con Auer, Mortara e Paffett
Carica i commenti