Hockenheim, Libere 2: Timo Glock risponde a Wehrlein

Il tedesco della BMW piazza la zampata nel secondo turno e precede di poco più di un decimo l'ex Sauber Pascal Wehrlein. Stupisce il rookie Joel Eriksson, oggi quinto, mentre Mortara è ancora lontano e chiude sedicesimo.

Hockenheim, Libere 2: Timo Glock risponde a Wehrlein
Paul Di Resta, Mercedes-AMG Team HWA, Mercedes-AMG C63 DTM
Pascal Wehrlein, Mercedes-AMG Team HWA, Mercedes-AMG C63 DTM
Lucas Auer, Mercedes-AMG Team HWA, Mercedes-AMG C63 DTM
Pascal Wehrlein, Mercedes-AMG Team HWA, Mercedes-AMG C63 DTM
Timo Glock, BMW Team RMG, BMW M4 DTM
Pascal Wehrlein, Mercedes-AMG Team HWA, Mercedes-AMG C63 DTM

Si è da poco conclusa la seconda sessione di prove libere di Hockenheim ed è stato Timo Glock ad imporsi in cima ad una lista dei tempi che è stata stravolta rispetto alla giornata del venerdì.

Se, infatti, al termine delle Libere 1 era stata la Mercedes a dominare con tre vetture nei primi tre posti, oggi la Casa della stella ha dovuto cedere il primo posto in classifica alla BMW dell'ex F1 autore del crono di 1'32''434, ma Pascal Wehrlein e Lucas Auer hanno tenuto alto l'onore della Mercedes chiudendo con il secondo ed il decimo tempo in ritardo, rispettivamente, di 165 e 200 millesimi.

Il riscatto odierno della BMW non è solo fornito dal miglior tempo di Glock, ma anche dal quarto, quinto e e sesto riferimento ottenuti da Wittmann, Eriksson e Farfus.

Il campione 2016 nella giornata di ieri aveva chiuso nella zona bassa della classifica, mentre oggi si è decisamente riscattata accusando un gap dalla vetta di 280 millesimi.

Grande sorpresa di giornata il quinto crono del rookie Joel Eriksson. Lo svedese, già grande protagonista nella passata stagione della F3 Europea, sembra aver trovato subito un gran feeling con la propria BMW ed il quinto tempo con un ritardo di 1 decimo da Wittmann conferma il talento di Joel.

Dopo aver ottenuto il miglior crono al venerdì, Paul Di Resta ha chiuso con il settimo tempo una sessione che si è ravvivata nei minuti finali ed ha preceduto l'unica Audi presente in top ten, quella affidata a Jamie Green, e la vettura gemella di Paffett.

Decimo tempo per la BMW di Bruno Spengler, mentre Edoardo Mortara continua a restare lontano dalle posizioni di vertice ed ha chiuso con il sedicesimo tempo a 9 decimi di distacco.

 

condividi
commenti
Hockenheim, Libere 1: Di Resta guida la tripletta Mercedes
Articolo precedente

Hockenheim, Libere 1: Di Resta guida la tripletta Mercedes

Articolo successivo

Gary Paffett conquista la prima pole dell'anno ad Hockenheim

Gary Paffett conquista la prima pole dell'anno ad Hockenheim
Carica i commenti