Ecco quanto spende Mercedes-AMG per le GT3 del DTM

Motorsport.com ha fatto una ricerca per capire quanto i team clienti ricevono dalle Case per correre con le GT3 nel DTM. Ecco cosa è emerso parlando con Thomas Jäger, responsabile Customer Racing della Stella di Stoccarda.

Ecco quanto spende Mercedes-AMG per le GT3 del DTM

Il ritorno del marchio Mercedes-AMG nel DTM sta facendo parlare molto in Germania e non solo, specialmente per la tipologia di accordi che vengono stipulati coi rispettivi team clienti.

La Casa della Stella verrà rappresentata sicuramente da GruppeM Racing, mentre con HTP Winward Motorsport ed Haupt Racing Team sono avviate le trattative per avere altre AMG GT3 in azione nella rinnovata serie tedesca.

Fin da subito in Mercedes hanno chiarito che il sostegno ai partecipanti del DTM ci sarebbe stato senza problemi, ma non in toto a livello di budget, che come accade nel 'Customer Racing' - giustamente - va diviso tra il costruttore e la squadra.

"Si tratta di un impegno sportivo puramente legato ai clienti, i quali ricevono un po' di supporto dalla Casa, ma non a livello ufficiale - spiega il responsabile di Mercedes-AMG Customer Racing, Thomas Jäger, a Motorsport.com - Non finanziamo le auto al 100%".

Per questo abbiamo fatto una ricerca, cercando di capire come funziona il tutto.

I team clienti di Mercedes-AMG possono considerarsi abbastanza fortunati rispetto a quelli di altre Case perché ottengono le auto GT3 (costo 450.000 euro circa) già commissionate da HWA gratuitamente, pagando solamente eventuali danni provocati da incidenti.

Ma questo non è l'unico supporto fornito da Mercedes-AMG, che anche economicamente si impegna a dare una mano, fornendo tra i 150.000 e 200.000 euro per auto come aiuto.

Questo è approssimativamente equivalente al costo delle revisioni del motore, del cambio e di altre parti che servono per affrontare una intera stagione nel DTM. Mercedes-AMG garantisce anche che ogni squadra avrà a disposizione un ingegnere e pezzi di ricambio. E naturalmente, anche eventuali piloti ufficiali vengono pagati dalla Casa.

In linea di massima, un budget tipico per una annata di DTM con una GT3 si aggira attorno al milione di euro; ma come si arriva a questa cifra?

I costi operativi sostenuti semplicemente mettendo in pista una macchina nella serie ammontano a 600.000/700.000 euro, che facendo pure i test possono salire a 850.000 euro. Questo include l'iscrizione, le gomme, il carburante, i costi per il catering, gli hotel, i viaggi, il personale presente in pista, il noleggio delle attrezzature e l'assicurazione per le auto da corsa.

Tuttavia, questo importo non include i costi del personale fisso, i costi per la strutture, le vetture del team e l'acquisto della GT3, che come abbiamo detto prima, per chi è legato a Mercedes-AMG, non esistono.

Se si aggiungono queste spese aggiuntive, si arriva anche a più di un milione di euro per auto. Pertanto, è importante che le auto siano utilizzate nel maggior numero possibile di eventi.

Secondo Jäger, Mercedes-AMG attribuisce grande importanza alla parità di trattamento quando si tratta di sostenere le squadre.

"E' molto importante per noi. Cerchiamo di garantire che tutte le squadre che fanno parte dei programmi supportati dalla Casa ottengano esattamente lo stesso. È tutto eseguito in completa trasparenza, quindi nessuno ha la sensazione di essere avvantaggiato o svantaggiato".

Quindi la GruppeM di Kenny Chen, che aveva già iscritto la sua Mercedes-AMG nel DTM per prima, riceverà lo stesso aiuto dal Costruttore al pari degli altri.

Detto ciò, va anche sottolineato che Mercedes-AMG non finanzia completamente una squadra cliente, come a volte accade con altri marchi per eventi speciali come la 24h del Nürburgring-Nordschleife.

"Penso che questo rovini un po' lo spirito del customer racing - continua Jäger - Se le squadre si abituano al fatto che hanno tutto pagato, diminuisce anche l'impegno nella ricerca di sponsor".

"Una volta che il costruttore smette di pagare, le auto restano comunque utilizzabili. Di conseguenza, anche in questo momento di crisi che stiamo vivendo, ogni Casa può guardare con un po' di serenità alle proprie casse, perché le vetture possono ugualmente correre".

condividi
commenti
La Schnitzer Motorsport si prepara alla liquidazione

Articolo precedente

La Schnitzer Motorsport si prepara alla liquidazione

Articolo successivo

DTM: la Walkenhorst si presenta con la BMW M6

DTM: la Walkenhorst si presenta con la BMW M6
Carica i commenti