Ad Adria Scheider e l'Audi tornano alla vittoria

Ad Adria Scheider e l'Audi tornano alla vittoria

Secondo Paffett davanti a Spengler, che torna in testa al campionato

Dopo il disastro di ieri in qualifica, quando in Audi hanno sbagliato i conti e mandato troppo tardi in pista il loro due volte campione costringendolo a partire dalla quindicesima piazzola della griglia, il trionfo di oggi ad Adria di Timo Scheider. Grazie ad una strategia rischiosa ma perfettamente azzeccata la casa degli anelli conquista la sua sola seconda vittoria su dieci gare, una stagione che ha più o meno sempre visto lo stesso copione: Audi veloci, velocissime nelle prove libere, quasi imprendibili... e poi pole position e vittorie per la Mercedes, che ora ha tre piloti ancora in lizza per il titolo. La rimonta di Scheider comincia subito nei primissimi giri, dove risale in fretta la classifica, poi il tedesco ha sfruttato la pista libera davanti a se intanto che tutti i leader si erano fermani per la prima serie di pit-stop e ha messo in mostra un passo veramente inarrestabile. L'Audi numero 1 si è fermata per la prima sosta obbligatoria con soli 7 giri dal termine e poi per la seconda solamente due tornate dopo. Ma questa strategia è stata possibile dall'accorciamento della gara di ben 21 giri in seguito al bruto incidente per fortuna senza alcuna conseguenza di Alexandre Premat al termine del primo giro, che ha costretto la Direzione Gara ad esporre le bandiere rosse. Il francese ha urtato la vettura di Maro Engel ed è finito sul muro del lato sinistro del rettifilo di partenza, capotando più volte. Concludono sul podio due dei tre sfidanti per la corona assoluta, con Gary Paffett che precede Bruno Spengler, col canadese che ritorna in cima alla classifica grazie allo 0 ottenuto da Paul di Resta. Ora la classifica vede Spengler con 67 punti davanti allo scozzese che ne ha 63, mentre è più dura per Paffett che per sperare dovrà per forza vincere in Cina con gli altri due classificati dall'ottava posizione in giù. Fino all'arrivo in testa di Scheider erano stati Spengler e Paffett a menare le danze, con addirittura il britannico che si è girato alla curva due due giri prima della prima sosta. Ma poi Spengler ha rallentato il suo ritmo nella parte centrale e questo ha permesso a Paffett di recuperare quanto perso e scavalcare il compagno di marca in occasione della seconda sosta. Paul di Resta invece ha avuto una brutta giornata, cominciata quando è stato messo in testacoda da Mike Rockenfeller all'ultima curva del primo giro, subito prima dell'incidente di Premat. Alla ripartenza lo scozzese si è lanciato in una furibonda rimonta che lo ha riportato fino in settima posizione, ma a sei passaggi dalla bandiera a scacchi è stato girato nuovamente, questa volta da Miguel Molina. Nonostante questo era ancora ottavo, ma a un giro e mezzo dalla fine è stato passato da Mattias Ekstrom, non riuscendo quindi a guadagnare nessun punto.

DTM - Adria - Gara

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati DTM
Piloti Timo Scheider
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag auto elettrica, auto ibride, mobilità sostenibile