Toyota, obiettivo Dakar: "Con il nuovo Hilux vogliamo vincere"

Toyota scalda i motori in vista della Dakar 2022. A Cape Town è stato svelato ufficialmente l'Hilux GR DKR T1+: saranno quattro i pickup che prenderanno il via al raid il 2 gennaio, con l'obbiettivo dichiarato di puntare alla vittoria

Toyota, obiettivo Dakar: "Con il nuovo Hilux vogliamo vincere"

"Dove eravamo rimasti?", verrebbe da chiedersi guardando la presentazione della Toyota GR DKR Hilux T1+. Il pickup, la cui livrea è stata svelata nel corso dell'unvealing ufficiale a Cape Town, è l'arma con cui il costruttore nipponico punta a tornare alla conquista del raid più famoso del mondo, la Dakar, che scatterà il prossimo 2 gennaio da Ha'il in Arabia Saudita.

Leggi anche:

Evoluzione pesante della vettura 2020, la GR Hilux DKR T1+ presenta novità evidenti anche ad occhio nudo. Più larga della precedente, l'auto monta pneumatici cresciuti nelle dimensioni, che adesso toccano i 37". Si tratta di una scelta importante, figlia delle numerose forature che hanno condizionato in maniera pesante il rendimento e la possibile vittoria nella scorsa edizione della Dakar.

Oltre a ciò, si è lavorato sulle sospensioni aumentandone l'escursione e, di conseguenza, si è dovuto aggiungere una zavorra di 150kg per fare in modo che l'Hilux non potesse godere di un esagerato vantaggio prestazionale rispetto alle altre vetture top class. La FIA, in aggiunta, ha introdotto una curva di potenza da seguire, fattore che ha costretto i tecnici Gazoo Racing a lavorare sul propulsore al fine di mantenere l'elevata affidabilità che tutti riconoscono al prodotto di casa Toyota, senza però perdere la potenza del nuovo V6 bi-turbo che va a sostituire il precedente V8.

Il morale, nel team, è davvero alto e si punta con decisione alla vittoria finale. Vittoria indicata direttamente come obiettivo da Andrew Kirby, Presidente e CEO di Toyota South Africa. "Avremo quattro veicoli molto competitivi e il team è all’altezza. Vogliamo arrivare al traguardo con tutti e quattro gli Hilux, almeno con tre in top ten e puntare decisamente alla vittoria".

A queste parole fanno eco quelle di Glyn Hall, Team Principal Toyota Gazoo Racing. "Il lavoro su questo nuovo progetto è iniziato al termine della Dakar dello scorso gennaio. L'elevato numero di forature era per noi inaccettabile, e volevamo invertire decisamente la rotta. Abbiamo lavorato con Toyota, BF Goodrich e sotto la supervisione della FIA, lavorando ad un regolamento che consentisse di montare gomme più grandi, rendendo la vettura più larga e con un'escursione maggiore delle sospensioni. Per bilanciare il tutto, abbiamo dovuto montare una zavorra di 150kg. I primi test risalgono ad agosto, in Namibia: non ci si può immaginare lo sforzo che abbiamo messo dietro queste vetture".

"Ringrazio Toyota Gazoo Racing per aver realizzato questo veicolo incredibile", commenta Nasser Al-Attiyah, che sarà al via della Dakar con un Hilux personalizzato nella livrea con i colori Red Bull. "Non dobbiamo dimenticare da dove partiamo, nella realizzazione di questo progetto. La T1 era incredibile, abbiamo vinto tanto e abbiamo ben figurato, ma con questa versione abbiamo fatto un deciso passo in avanti".

"Abbiamo un nuovo motore, nuove sospensioni e ruote più grandi: la sfida per noi è stata quella di trovare il setting corretto della vettura", dichiara Giniel de Villiers. "C'è voluto del tempo da dedicare allo sviluppo, ma la T1+ è una vettura magnifica da guidare. Ogni volta che terminavo un test, quando scendevo avevo un sorriso enorme stampato sul volto figlio delle emozioni che mi faceva provare".

Toyota Hilux T1+
Toyota Hilux T1+
1/3

Foto di: Toyota Racing

Toyota Hilux T1+
Toyota Hilux T1+
2/3

Foto di: Toyota Racing

Toyota Hilux T1+
Toyota Hilux T1+
3/3

Foto di: Toyota Racing

condividi
commenti
Dakar | KTM ufficializza il debutto di Danilo Petrucci
Articolo precedente

Dakar | KTM ufficializza il debutto di Danilo Petrucci

Articolo successivo

Dakar | Ecco il percorso dell'edizione 2022 in Arabia Saudita

Dakar | Ecco il percorso dell'edizione 2022 in Arabia Saudita
Carica i commenti