Dakar: per i Cinotto un avvio pieno di problemi

A Michele si è bloccata una pinza dei freni della Toyota, mentre Pietro ha fatto 300 metri su tre ruote

Michele Cinotto con Fulvio Zini e Pietro Cinotto con Maurizio Daminella hanno concluso la prima tappa della Dakar 2014 rispettivamente al 117esimo e al 131. posto con le due Toyota del team Lardeau Competition. La prima fatica nella maratona sudamericana per entrambi gli equipaggi è stata difficile: dopo un trasferimento di oltre 400 chilometri, alcuni problemi tecnici hanno rallentato il passo di entrambe le vetture durante la prova cronometrata, quando stavano marciando ad un ritmo da podio della classe T2. Per Michele Cinotto attorno al chilometro 50 sono iniziati i primi problemi tecnici: in una curva a sinistra la pinza del freno anteriore sinistro si è staccaca bloccando la ruota. La perizia dell'esperto rallista ha evitato che la Toyota sia uscita di strada, ma si è solo appoggiata con il lato destro sul bordo pista. Risultato: una fiancata rovinata, parabrezza rotto, ma la macchina era salva: mezz’ora di lavoro e l’equipaggio é ripartito. Lo stesso problema si è ripresentato alla pinza destra, l’equipaggio se ne è accorto in anticipo e con l’aiuto dell’assistenza veloce ha bloccata la pinza lasciando altri 20 minuti al cronometro. Per Pietro Cinotto sembrava filare tutto liscio fino a circa 30 chilometri dall’arrivo, quando all’improvviso ha perso la ruota posteriore destra. Guidando per 300 metri su tre ruote, insieme a Maurzio Dominella è riuscito a mettere in sicurezza la sua vettura. Si sono tranciate le colonnette della ruota e l’ammortizzatore è uscito dal perno. Dopo un’ora e mezza di duro lavoro sulla macchina Pietro e Maurizio sono riusciti a ripartire portando anche loro a termine la prima tappa.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Dakar
Articolo di tipo Ultime notizie