GT World Challenge Europe Endurance
17 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
78 giorni
09 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
100 giorni
WSBK
G
Phillip Island
28 feb
-
01 mar
Prossimo evento tra
29 giorni
G
Losail
13 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
43 giorni
WRC
22 gen
-
26 gen
Evento concluso
13 feb
-
16 feb
Prossimo evento tra
14 giorni
WEC
12 dic
-
14 dic
Evento concluso
22 feb
-
23 feb
Prossimo evento tra
23 giorni
MotoGP
G
GP del Qatar
05 mar
-
08 mar
Prossimo evento tra
35 giorni
G
GP della Thailandia
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
49 giorni
IndyCar
13 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
43 giorni
G
Birmingham
03 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
64 giorni
Formula E
17 gen
-
18 gen
Evento concluso
14 feb
-
15 feb
Prossimo evento tra
15 giorni
Formula 1
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
42 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
49 giorni

Price racconta i soccorsi a Gonçalves: "Otto minuti durati un'ora"

condividi
commenti
Di:
Co-autore: Sergio Lillo
Tradotto da: Lorenza D'Adderio
13 gen 2020, 17:50

Il pilota KTM Toby Price racconta che gli otto minuti passati ad aspettare l'arrivo dell'elicottero medico sul luogo dell'incidente di Paulo Goncalves sono stati i più lunghi della sua vita.

Toby Price è stato il primo ad assistere il pilota del team Hero, Paulo Goncalves dopo la caduta dalla moto, avvenuta durante la settima tappa tra Riyadh e Wadi Al Dawasir, che gli ha procurato un arresto cardiaco. L'organizzatore della Dakar, ASO, ha ricevuto un'allerta sull'incidente di Goncalves alle ore 10:08 (ora locale) ed un elicottero medico è stato inviato immediatamente. Questo è atterrato otto minuti dopo, alle ore 10:16. 

Il pilota portoghese era incosciente quando è arrivato lo staff medico ed è stato trasportato subito all'ospedale Layla, dove è stato dichiarato deceduto. ASO ha così deciso di cancellare l'ottava tappa di moto e quad, mentre il team di Goncalves, Hero, si è ritirato dal resto dell'evento. 

Price afferma: "La caduta è avvenuta su un vasto e veloce altopiano, un tratto molto rapido che si fa in piena accelerazione. Nel momento in cui si è attivato l'allarme sul sistema GPS ho guardato in avanti e ho visto in lontananza una moto a terra. Non è mai un buon segno, perché la zona dove ci trovavamo richiede una velocità piuttosto alta". 

"Poi sono arrivato e ho visto Paulo a terra - prosegue Price - all'inizio non avevo capito bene chi fosse, avevo solamente visto un pilota a terra, ma ho subito capito che fosse Paulo. Ho compreso che la situazione era abbastanza seria e che stava molto male. Abbiamo provato a fare il possibile, a chiedergli una risposta. Abbiamo chiamato gli elicotteri ed informati la direzione gara il prima possibile. Ho provato a metterlo su un lato, perché era problematico assisterlo nella posizione in cui era, di schiena. Abbiamo continuato a chiamare aiuto e ci hanno risposto che l'elicottero stava arrivando". 

"Abbiamo provato a fare quello che abbiamo potuto e verificare le funzioni vitali. Sfortunatamente non abbiamo ricevuto risposta da lui e abbiamo sperato che l'elicottero arrivasse il prima possibile. Sono stati gli otto minuti più lunghi della mia vita, mi è sembrato che durassero un'ora. I ragazzi hanno risposto velocemente, c'era anche Luc [Alphand, ex campione Dakar che lavora per la televisione francese, ndr] ad aiutarci e ha provato a darmi conforto". 

Price continua nel racconto: "Stefan Svitko è arrivato un paio di minuti dopo di me. C'era un piccolo gruppo di noi che provava a fare il possibile, ma sfortunatamente le cose non sono andate come avremmo voluto. Per il mondo delle moto è una giornata dura, abbiamo perso un grande amico e rivale". 

Toby Price afferma che lo 'consola' il fatto di aver compromesso il proprio rally per assistere Goncalves e che ora trova nel pilota portoghese la sua motivazione per proseguire. Il campione in carica arriva alla nona tappa in quarta posizione nella classifica generale, a 28 minuti dal leader Ricky Brabec (Honda). 

"Sono felice di essere rimasto lì, per quanto ho potuto, e questo mi consola. Ricordo che Goncalves si è fermato per me nel 2017 quando mi sono rotto la gamba in quell'edizione della Dakar e restare era la cosa più giusta da fare. Abbiamo dato una mano per farlo salire sull'elicottero e questo mi ha fatto perdere altri 15 o 20 minuti prima di poter proseguire. Ma almeno sapevo di esserci stato e di averlo assistito nei limiti del possibile. I miei pensieri e le mie preghiere sono rivolti alla sua famiglia, ai suoi amici ed a tutti in Portogallo. Hanno perso un guerriero, questo è sicuro". 

"Alla fine, lo farei ogni giorno della settimana, Sicuramente è una gara importante, ma in fondo è solo una gara. Siamo umani e dobbiamo prenderci cura l'uno dell'altro. Ora dobbiamo provare a rimanere uniti ed arrivare al traguardo ottenendo il miglior risultato possibile per Paulo. Sicuramente, il risultati al momento non è buono, ma non sono molto preoccupato. Avrei preferito avere Paulo qui con noi al bivacco in tutti gli altri giorni della settimana".

#8 Hero Motosports Team Rally: Paulo Goncalves

#8 Hero Motosports Team Rally: Paulo Goncalves

Photo by: A.S.O.

Articolo successivo
Fotogallery: l'ottava tappa della Dakar 2020

Articolo precedente

Fotogallery: l'ottava tappa della Dakar 2020

Articolo successivo

Dakar, Tappa 9: con sterrato e pietre è alto pericolo forature!

Dakar, Tappa 9: con sterrato e pietre è alto pericolo forature!
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Dakar
Evento Dakar
Piloti Paulo Goncalves , Toby Price
Team Red Bull KTM Factory Racing , Hero
Autore Rachit Thukral