Petrucci: "La Dakar è totalmente un altro mondo"

Danilo Petrucci ha ammesso come il passaggio dalla MotoGP alla Dakar sia un cambiamento epocale per lui ed ha sottolineato di dover ancora prendere le misure con le sfide che dovrà affrontare.

Petrucci: "La Dakar è totalmente un altro mondo"

Danilo Petrucci si prepara ad un cambio di prospettiva unico nel 2022. Dopo aver concluso la sua esperienza in MotoGP quest’anno al termine del GP di Valencia, e dopo aver perso il posto in KTM Tech3 per il prossimo anno, l’italiano resterà legato ai colori austriaco ma correrà la Dakar.

Danilo, che ha accarezzato questo sogno per molto tempo, ha già disputato qualche corsa nel deserto di Dubai prima degli ultimi round della stagione 2021 di MotoGP ed anche dopo la fine del campionato ha proseguito la sua preparazione.

In occasione dell’ultima gara di Valencia, Petrucci ha parlato di questo cambio drastico ed ha sottolineato come ancora il programma per la stagione 2022 debba essere definito.

“La cosa più grande da imparare alla Dakar è tutto. È completamente un altro mondo. Credo che in una settimana di allenamento ho percorso una distanza superiore a quella che ho percorso quest’anno in MotoGP”.

“La navigazione è un qualcosa da studiare bene. In moto GP parliamo di millimetri sulla moto, alla Dakar di chilometri e non sai mai cosa può accadere”.

Danilo Petrucci, KTM Factory Racing

Danilo Petrucci, KTM Factory Racing

Photo by: KTM Images

“Affronterò questa Dakar, poi mi siederò al tavolo con KTM e decideremo quali saranno i piani per l’anno successivo, se proseguirò in questa avventura o se vorrò provare qualcosa di diverso”.

“Al momento, però sono abbastanza impegnato perché ho bisogno di tempo e di capire come può svolgersi la gara”.

Gli organizzatori della Dakar hanno confermato che l’edizione 2022, che si svolgerà in Arabia Saudita, prenderà il via il primo gennaio e si concluderà giorno 14 gennaio.

condividi
commenti
Dakar | Prodrive si fa in tre: c'è anche Terranova
Articolo precedente

Dakar | Prodrive si fa in tre: c'è anche Terranova

Articolo successivo

Castera: “La gente si alza la mattina e vuole fare la Dakar, ma bisogna prepararsi”

Castera: “La gente si alza la mattina e vuole fare la Dakar, ma bisogna prepararsi”
Carica i commenti