Kevin Benavides, il vincitore della Dakar che sognava le moto

Kevin Benavides ha fatto la storia essendo stato il primo latinoamericano a vincere la Dakar in moto. Questo è il pilota argentino e la sua strada verso l'elite dei rally.

Kevin Benavides, il vincitore della Dakar che sognava le moto

I libri di storia della Dakar hanno scritto per la prima volta un nome argentino tra i vincitori dell’edizione 2021. Nelle 42 edizioni precedenti, nessun sudamericano è mai riuscito a vincere il Touareg in questa complessa categoria. Kevin Benavides lo ha fatto.

Il nativo di Salta, alto 1,72 m, con uno sguardo intenso e capelli chiari, ha anche condotto la prima doppietta della Honda dal 1987 con Ricky Brabec, vincitore nel 2020. La sua carriera è iniziata quando, a soli quattro anni, suo padre Norberto gli ha insegnato ad andare in moto. Da allora, “passione, spinta e perseveranza” sono stati i suoi compagni di viaggio, secondo il padre.

Formatosi nell'Enduro argentino, non avrebbe volato verso l'Europa fino a quando non si fosse laureato in Economia e Commercio all’età di 21 anni, una condizione chiave che suo padre gli aveva posto per inseguire il suo sogno su due ruote.

“Se c'è una cosa che devo sottolineare di Kevin è la volontà, la volontà che ha di fare le cose, di farle bene. Voleva andare in Spagna e in altri posti quando aveva 20-21 anni, ma gli ho detto di finire prima l’università. Ha studiato e si è laureato in Economia Aziendale con il massimo”, racconta da Salta il padre della Benavides a Motorsport.com.

Dopo aver concluso quarto il Campionato del Mondo Junior Enduro nel 2012, cosa senza precedenti in America Latina, nel 2015 ha deciso di fare il salto di qualità ai rally ed è riuscito ad essere tra i migliori quattro nel Rally OiLibya in Marocco. Il suo debutto alla Dakar del 2016 con la Honda è stato sensazionale, in quanto è entrato nella top 5.

Anche se avrebbe perso l'edizione del 2017 a causa di un infortunio dell’ultima parte, nel 2018 era già secondo e nel 2019 si è ripetuto nella top 5 dopo una lamentela per una penalità che ha richiesto mesi per essere risolta.

Ma come è iniziato tutto questo?

“La passione di Kevin per le moto è nata da me, perché ho corso per molti anni in modo amatoriale qui a Salta (Argentina), dove ci sono molte colline e posti bellissimi. Ci piaceva correre e l'ho avuta con me fin da quando ero bambino. Quella passione è nata dal primo giorno in cui l'ho portato in moto, quando aveva due anni, e l'ho messo sul serbatoio della benzina. Aveva appena quattro anni e già guidava una moto, una QR50, e ho potuto vedere che aveva un sacco di abilità. È da qui che è iniziato tutto, il desiderio, la passione che ha per questo. È un ragazzo straordinario per la convinzione che ha”, dice Norberto Benavides.

"Ha iniziato a correre quando aveva 8-9 anni, l'ho portato alle corse e ha corso con alcuni piccoli amici. Correva e girava e all'inizio non gli ho insegnato molto perché andavano a giocare. Ma poi perdeva - non gli piaceva perdere niente - ha iniziato ad allenarsi e il giorno dopo migliorava molto. Ho fatto Enduro con lui e sono rimasto sorpreso perché ha fatto cose incredibili fin da bambino.

Il padre di Kevin mette in luce alcune qualità del figlio maggiore – anche Luciano compete con Husqvarna - che considera fondamentali per portarlo dove si trova oggi: la vetta della Dakar, la storia dell'automobilismo argentino.

"Fin dall'infanzia è sempre stato molto responsabile. Ha sempre ascoltato, che è la grande virtù che Kevin ha, che ascolta sempre e che lo rende diverso. Fin da bambino era una cosa che spiccava, perché imparava sempre, faceva le cose per bene e aveva rispetto per gli altri. La personalità che ha, l'artiglio, il cuore, la perseveranza, la passione per le corse e per la vittoria sono la chiave", assicura.

Ricorda un aneddoto che definisce Kevin Benavides, il primo vincitore sudamericano della Dakar su una moto: "Una volta mi ricordo che c'era una gara e stavo vincendo, ma lui è caduto e ha preso un colpo tremendo. Pensavo che non si sarebbe alzato... ma così com'era, che si era già preso 10 minuti di pausa, è uscito a tutta velocità e li ha superati tutti nei restanti 20-30 minuti. È arrivato con una gamba viola, ma ha vinto quella gara. Questo atteggiamento era molto diverso da quello degli altri suoi amici che, quando questo accadeva loro, si arrendevano. Non c'è modo per lui di rinunciare a ciò che sta cercando di fare.

Sia dal team Honda, sia dall'ambiente circostante, sottolineano la capacità di lavoro che Benavides ha, sia in moto che in palestra, dove è venuto a fare "5-6 ore al giorno" nel 2020 nonostante la COVID-19, "come se la gara fosse domani".

Lo stesso pilota argentino ha detto, non appena ha tagliato il traguardo a Yeda, che pochi conoscevano i sacrifici che ha dovuto fare per realizzare il suo sogno di vincere la Dakar. Suo padre è uno di quei pochi.

"Kevin ha sacrificato tutta la sua vita, in realtà è questo il suo merito. Sono tante le ore che dedica alla sua passione, alle sue moto, sulla sua preparazione fisica ed emotiva. Non vuole improvvisare, vuole essere preparato a tutto. Sta correndo la gara più difficile del mondo e non è facile per nessuno con tutti i piloti di livello sulla Dakar. Distinguersi tra tutti è un grande risultato, è qualcosa di unico ed è molto importante per noi argentini e latinoamericani", dice.

Certo, lui e la madre di Kevin, Isis, soffrono quando vedono i loro figli correre sulla Dakar: "Se fosse per me, vorrei che smettessero di correre oggi, ma d'altra parte sento la passione che hanno e per nessun motivo li farei smettere". Ma quello che l'argentino ha realizzato in questa Dakar del 2021 fa dimenticare tutti i brutti momenti, i dolori, le lacrime.

Kevin Benavides è già presente nella storia della Dakar e, a 32 anni, ha ancora nuovi capitoli da scrivere nella corsa più dura del mondo.

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
1/27

Foto di: A.S.O.

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
2/27

Foto di: A.S.O.

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
3/27

Foto di: A.S.O.

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
4/27

Foto di: A.S.O.

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
5/27

Foto di: A.S.O.

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides celebra con el equipo
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides celebra con el equipo
6/27

Foto di: A.S.O.

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides celebra con el equipo
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides celebra con el equipo
7/27

Foto di: A.S.O.

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides celebra con el equipo
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides celebra con el equipo
8/27

Foto di: A.S.O.

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides celebra con el equipo
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides celebra con el equipo
9/27

Foto di: A.S.O.

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides celebra con el equipo
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides celebra con el equipo
10/27

Foto di: A.S.O.

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides, #1 Monster Energy Honda Team: Ricky Brabec
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides, #1 Monster Energy Honda Team: Ricky Brabec
11/27

Foto di: A.S.O.

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides, #1 Monster Energy Honda Team: Ricky Brabec, #5 Red Bull KTM Factory Racing: Sam Sunderland
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides, #1 Monster Energy Honda Team: Ricky Brabec, #5 Red Bull KTM Factory Racing: Sam Sunderland
12/27

Foto di: A.S.O.

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides, #5 Red Bull KTM Factory Racing: Sam Sunderland
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides, #5 Red Bull KTM Factory Racing: Sam Sunderland
13/27

Foto di: A.S.O.

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides, #5 Red Bull KTM Factory Racing: Sam Sunderland
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides, #5 Red Bull KTM Factory Racing: Sam Sunderland
14/27

Foto di: A.S.O.

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides, David Castera, director del Dakar
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides, David Castera, director del Dakar
15/27

Foto di: A.S.O.

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides, David Castera, director del Dakar
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides, David Castera, director del Dakar
16/27

Foto di: A.S.O.

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
17/27

Foto di: Monster Energy Honda Team

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
18/27

Foto di: Monster Energy Honda Team

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
19/27

Foto di: Monster Energy Honda Team

#4 Monster Energy Honda Team: Jose Ignacio Cornejo Florimo, #47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
#4 Monster Energy Honda Team: Jose Ignacio Cornejo Florimo, #47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
20/27

Foto di: Monster Energy Honda Team

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
21/27

Foto di: Honda Racing

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
22/27

Foto di: Honda Racing

#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
#47 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
23/27

Foto di: A.S.O.

#7 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
#7 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
24/27

Foto di: Motul

#7 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
#7 Monster Energy Honda Team: Kevin Benavides
25/27

Foto di: A.S.O.

#16 Red Bull KTM Factory Racing: Luciano Benavides
#16 Red Bull KTM Factory Racing: Luciano Benavides
26/27

Foto di: Red Bull Content Pool

#16 Red Bull KTM Factory Racing: Luciano Benavides
#16 Red Bull KTM Factory Racing: Luciano Benavides
27/27

Foto di: Red Bull Content Pool

condividi
commenti
Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza

Articolo precedente

Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza

Articolo successivo

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid
Carica i commenti