WSBK
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
Evento concluso
WRC
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
WEC
08 nov
-
10 nov
Evento concluso
MotoGP
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
WU in
02 Ore
:
29 Minuti
:
48 Secondi
Moto3
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Gara in
04 Ore
:
09 Minuti
:
48 Secondi
Moto2
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Gara in
05 Ore
:
29 Minuti
:
48 Secondi
IndyCar
20 set
-
22 set
Evento concluso
Formula E
G
Ad Diriyah ePrix
22 nov
-
23 nov
Prossimo evento tra
4 giorni
G
Santiago ePrix
17 gen
-
18 gen
Prossimo evento tra
60 giorni
FIA F3
26 set
-
29 set
Evento concluso
FIA F2
26 set
-
29 set
Evento concluso
G
Abu Dhabi
28 nov
-
01 dic
Prossimo evento tra
10 giorni
Formula 1
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Gara in
11 Ore
:
19 Minuti
:
48 Secondi
ELMS
20 set
-
22 set
Evento concluso
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
WTCR
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
Dakar 2019: FPT
Topic

Dakar 2019: FPT

Dakar: Van Genugten ha rotto il parabrezza del Powerstar, ma l'assistenza è perfetta

condividi
commenti
Dakar: Van Genugten ha rotto il parabrezza del Powerstar, ma l'assistenza è perfetta
Di:
Co-autore: Franco Nugnes
9 gen 2019, 12:21

Il team nagare Henk van Leuven spiega come il team Petronas De Rooy Iveco si organizza prima che i quattro camion arrivino al bivacco. C'è anche un tecnico FPT Industrial che analizza i dati dei motori Cursor 13 e li confronta con i tecnici svizzeri del centro ricerche di Arbon.

Ton van Genugten ieri ha dovuto rinunciare alla piazza d’onore nella seconda tappa della Dakar. L’olandese dopo appena 50 km di prova speciale, il tratto cronometrato di 342 km che portava la carovana da Pisco e San Juan de Marcona, ha dovuto fare i conti con il parabrezza del Powerstar 2 che si è rotto.

 

Cosa è successo? Il nuovo cofano dell’Iveco ha colpito violentemente il parabrezza per le deformazioni sotto sforzo della cabina, per cui l’equipaggio ha effettuato la prova senza vetro con la sabbia che veniva... sparata nell’abitacolo.

I compagni di squadra di Ton, Gerard De Rooy e Federico Villagra si sono affiancati a Van Genugten e poi hanno scortato finché hanno potuto il Powerstar 2, prima di iniziare l’inseguimento al Kamaz di Eduard Nikolaev che nel frattempo aveva preso il largo.

In realtà anche Federico Villagra ha patito un problema al parabrezza nella prima tappa…
"Dopo la prima incrinatura del vetro, il cofano ha colpito ancora una volta il parabrezza dopo una brusca frenata e si è rotto – ha spiegato Van Genugten subito dopo il traguardo - in realtà non era così male guidare senza il vetro. È stato divertente, perché eravamo finiti fra le moto che non sollevano troppa polvere".

#503 Team De Rooy Iveco: Gerard de Rooy, Moises Torrallardona, Darek Rodewald

#503 Team De Rooy Iveco: Gerard de Rooy, Moises Torrallardona, Darek Rodewald

Photo by: Team de Rooy

Gerard De Rooy, superati i compagni di avventura Van Genugten e Villagra, ha centrato un buon secondo posto che lo ha portato alla piazza d’onore…

“La taratura delle sospensioni non era ancora quella ideale – ha spiegato Gerard – eravamo ancora troppo morbidi. Di conseguenza durante le discese siamo arrivati più volte a pacco con le molle".

I camion Iveco non erano ancora arrivati al bivacco che già il team Petronas De Rooy Iveco si era preparato ad accogliere i mezzi. Lo staff è composto da 32 persone pronte a lavorare nella polvere e nel fesh fesh e tutto deve funzionare come un orologio svizzero.

"Prima di arrivare al bivacco - racconta Henk van Leuven, il team manager - il meccanico di ogni equipaggio chiama il capo meccanico tramite un telefono satellitare e fornisce la posizione GPS, detta l'elenco degli interventi necessari che vanno oltre la manutenzione ordinaria, dando un orario di arrivo al bivacco”.

Prima che i quattro Powerstar giungano al bivacco, Corné van Drunen, il capo meccanico, ha già selezionato i pezzi di ricambio necessari al rialzo serale dei camion, assegnando a ciascun mezzo i meccanici più specializzati nell’intervento…
"Tutto deve essere organizzato nei minimi dettagli perché nelle corse il tempo è prezioso - continua Henk, che è anche responsabile Iveco dell’Europa del Nord, ma è impegnato nel team De Rooy dal 2007, ed è diventato team manager nel 2015.

Tre meccanici sono assegnati per Powerstar e per la manutenzione ordinaria sono necessarie in media da 6 a 7 ore.
"Iniziamo i controlli sulle gomme, perché serve almeno un’ora per cambiarle - prosegue Corné van Drunen - poi verifichiamo lo stato dei componenti principali come l'assale, le sospensioni e il telaio. Poi rabbocchiamo olio e liquidi e lubrifichiamo tutte le articolazioni".

Nella lista dello staff del team Petronas De Rooy Iveco ci sono anche un medico e un fisioterapista a disposizione degli equipaggi, mentre, Simon Buerge, è il meccanico di FPT Industrial che ha il compito di verificare lo stato dei motori Cursor 13, tenendosi a diretto contatto con i tecnici del Centro Ricerche di Arbon, in Svizzera.

"Il team De Rooy si affida alla tecnologia italiana - dice con orgoglio Henk van Leuven, che nel 2007 ha messo in contatto Gerard De Rooy con Iveco - stiamo parlando del motore 6 cilindri da 13 litri che nella versione Dakar sviluppa circa 1.000 cavalli, potendo contare su una coppia mostruosa di 5.000 Nm!".

Ecco il team Petronas De Rooy Iveco al bivacco nella sabbia

Ecco il team Petronas De Rooy Iveco al bivacco nella sabbia

Photo by: Team de Rooy

Articolo successivo
Dakar, Terranova: "Avevo troppo dolore per continuare. Per fortuna è solo una contusione"

Articolo precedente

Dakar, Terranova: "Avevo troppo dolore per continuare. Per fortuna è solo una contusione"

Articolo successivo

Dakar, Sainz è fermo nella Tappa 3: si è rotta una sospensione sul suo buggy MINI!

Dakar, Sainz è fermo nella Tappa 3: si è rotta una sospensione sul suo buggy MINI!
Carica i commenti