Dakar, Loeb: "Considerate le forature, non abbiamo perso troppo"

Prima tappa complicata per Sébastien Loeb, che chiude solamente in 22esima posizione a causa di tre forature e paga ben 24 minuti dal vincitore Carlos Sainz. Un rientro sicuramente da dimenticare per il campione WRC.

Dakar, Loeb: "Considerate le forature, non abbiamo perso troppo"

C'erano molte aspettative per il ritorno di Sébastien Loeb al Rally Dakar dopo che aveva saltato l'edizione 2020, la prima in Arabia Saudita. Al volante del nuovo prototipo 4x4 BRX Hunter, la pressione è ancora più alta per il nove volte campione del mondo di rally che continua a inseguire una prima sfuggente vittoria nel prestigioso rally-raid.

Dopo la decima posizione nel prologo a causa di una foratura, Sébastien Loeb e Daniel Elena sono partiti con l’obiettivo di recuperare un po’ di tempo. Tre forature hanno invece trasformato la prima tappa in una "galère", un inferno, come l’ha definita il francese e il duo Loeb-Elena ha infine chiuso 22esimo e 24'14" da Carlos Sainz, vincitore della prima tappa Jeddah-Bisha.

“La nostra strategia era quella di attaccare dall'inizio e recuperare un po’ di tempo, ma dopo 15 km ci siamo persi – ha dichiarato Sebastien Loeb all'arrivo del bivacco a Bisha – Abbiamo iniziato ad andare su e giù cercando la strada giusta per 15 minuti. Siamo rimasti bloccati su un sentiero di montagna quando abbiamo avuto l'intuizione di fare un’inversione a U e ripartire. È stato frustrante, ma ha dato i suoi frutti”.

L’avventura era appena iniziata: “Quando abbiamo trovato la strada giusta, eravamo nella polvere delle altre auto. Era complicato, così ci siamo persi una seconda volta. Credo che sia stato Stéphane (Peterhansel) a superarci. Lui era partito 14esimo e noi decimi”, ha confessato il francese. Ma il peggio doveva ancora venire. Hanno dovuto fare i conti con le rocce che già l'anno scorso complicavano la vita di tutti i concorrenti.

 “Sono rimasto sorpreso dalle prime due forature, perché stavamo guidando senza problemi rispetto al ritmo che avevo sul buggy che guidavo sulla Dakar in Sud America. Così sono andato ancora più liscio, ma abbiamo avuto una terza foratura 80 km più avanti. Il terreno era rischioso, con rocce enormi lungo la strada”.

“Onestamente, è stata molto dura per quasi tre ore, ma considerati tutti i problemi che abbiamo avuto, non abbiamo perso troppo tempo. Mi aspettavo un ritardo di un’ora. Tutto sommato, è stata dura”.

Dopo questa prima difficile tappa Loeb ed Elena non vedono l'ora che arrivi la seconda tappa Bisha-Wadi Ad-Dawasir, con le prime dune.

condividi
commenti
Dakar, Camion, Tappa 1: Sotnikov in rimonta col Kamaz
Articolo precedente

Dakar, Camion, Tappa 1: Sotnikov in rimonta col Kamaz

Articolo successivo

Price: "In questa Dakar vedremo tanti cambiamenti in classifica"

Price: "In questa Dakar vedremo tanti cambiamenti in classifica"
Carica i commenti