WSBK
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
Evento concluso
WRC
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Prossimo evento tra
1 giorno
WEC
08 nov
-
10 nov
Evento concluso
12 dic
-
14 dic
FP1 in
30 giorni
MotoGP
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Prossimo evento tra
2 giorni
Moto3
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
G
Valencia
15 nov
-
17 nov
Prossimo evento tra
2 giorni
Moto2
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Prossimo evento tra
2 giorni
IndyCar
20 set
-
22 set
Evento concluso
Formula E
G
Ad Diriyah ePrix
22 nov
-
23 nov
Prossimo evento tra
9 giorni
G
Santiago ePrix
17 gen
-
18 gen
Prossimo evento tra
65 giorni
FIA F3
26 set
-
29 set
Evento concluso
FIA F2
26 set
-
29 set
Evento concluso
G
Abu Dhabi
28 nov
-
01 dic
Prossimo evento tra
15 giorni
Formula 1
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
ELMS
20 set
-
22 set
Evento concluso
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
WTCR
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Prossimo evento tra
1 giorno
Dakar 2019: Auto
Topic

Dakar 2019: Auto

Dakar: Gerini, la Liparoti e Bellina tengono alta la bandiera tricolore a tre tappe dal termine

condividi
commenti
Dakar: Gerini, la Liparoti e Bellina tengono alta la bandiera tricolore a tre tappe dal termine
Di:
15 gen 2019, 10:55

Il motociclista sta confermando le sue aspettative con il 18esimo posto nella generale, mentre Camelia, in coppa con Rosa Romero, è 30esima nella classifica riservata alle auto. Il portacolori del Team Italtrans invece è 14esimo nella classifica camion.

Con l’8° tappa San Juan de Marcona–Pisco, la Dakar 2019 entra nel rush finale e i concorrenti in una sorta di “survival mode”. Con ancora un anello intorno a Pisco e infine l’ultima speciale con l’arrivo a Lima, l’imperativo è non commettere errori e portare a casa la pelle. Lo sa bene Maurizio Gerini (Husqvarna), il migliore degli italiani in moto, 28° di tappa e 18° della generale. Dopo gli abbandoni di Aglioni, Miotto, Dutto e Cerutti, Maurizio è rimasto in gara insieme a Mirco Pavan (Beta), 61° e Gabriele Minelli (KTM), 82°.

"Sono partito puntando a migliorare il risultato dello scorso anno e chiudere nella Top 20. L’obiettivo è ancora questo, ma l’imperativo è finire il rally. Per questo sto cercando di fare una corsa intelligente, senza strafare. Sono ancora debilitato dalla febbre e dai disturbi gastrointestinali dei primi giorni. Ho poco appetito e fatico più del solito. Nelle lunghe speciali mi succede di perdere la concentrazione. Non solo, a volte mi trovo a battagliare per superare qualche moto e questo mi porta a prendere dei rischi. Ho capito che il modo più sicuro per affrontare una tappa è andare da solo".

Leggi anche:

Nelle auto è Camelia Liparoti (30°) a tenere alta la bandiera dell’Italia. Dopo 8 Dakar in quad e il debutto lo scorso anno nella categoria Side by Side, Camelia è tornata sulla Dakar con un mezzo affidabile come il “buggy” Yamaha YXZ1000R (categoria UTV open). Al suo fianco come co-pilota, Rosa Romero Font, la moglie di Nani Roma, che dopo essersi fatta le ossa in moto, affronta la sua prima Dakar a quattro ruote. "Abbiamo chiamato questo progetto 100% ladies, anche se non abbiamo voluto abbondare con la tinta rosa! Scherzi a parte, ce la stiamo cavando molto bene e il bilancio finora è positivo".

Nei camion, Claudio Bellina (Italtrans-DAF) continua la rimonta e ha chiuso l’impegnativo anello di dune intorno a San Juan de Marcona al 12° posto e 14° della generale. Veterano della Dakar con 10 partecipazioni alle spalle, Bellina può vantare un prestigioso podio alla Dakar: un 3° posto nel 2005, quando si correva ancora in Africa, come co-pilota di Giacomo Vismara. Bellina condivide questa avventura con Claudio Minelli, altro veterano dei rally raid con ben 25 partecipazioni nei ruoli più diversi (pilota, co-pilota, team di assistenza) e Bruno Gotti, grande appassionato di deserto, al debutto sul rally più massacrante al mondo.

Articolo successivo
Dakar, video: ecco gli highlights della settima giornata di gara

Articolo precedente

Dakar, video: ecco gli highlights della settima giornata di gara

Articolo successivo

Dakar 2019, Arnold Brucy nell'Original by Motul nel segno di papà Jean

Dakar 2019, Arnold Brucy nell'Original by Motul nel segno di papà Jean
Carica i commenti