Dakar 2022 | Auto
Topic

Dakar 2022 | Auto

Dakar | Auto, Tappa 2: Loeb regala la prima vittoria a BRX

L'alsaziano regala a BRX e alla Hunter della Prodrive il primo successo di tappa alla Dakar. Grazie a questo, Loeb riduce a 9 i minuti di ritardo da Al-Attiyah (oggi secondo) nella classifica generale. Riscatto di Audi con Sainz, terzo.

Dakar | Auto, Tappa 2: Loeb regala la prima vittoria a BRX

Bahrain Raid Xtreme e la Hunter della Prodrive hanno dovuto attendere più di un anno per vedere il proprio nome in cima alla classifica di una tappa della Dakar, ma oggi ci sono riusciti. Sébastien Loeb e Fabian Lurquin hanno vinto la Tappa 2 della 44esima edizione della Dakar, quella che ha portato la carovana da Ha'il ad Al Artawiya.

Loeb, partito molto forte sin dall'inizio, è transitato primo al primo WayPoint posto al chilometro 40 e non ha più lasciato spazio agli avversari. Solo Nasser Al-Attiyah è riuscito a limitare i danni e a seguire a distanza il portacolori del team BRX.

WP dopo WP, Loeb ha incrementato il proprio vantaggio, ma la vera differenza l'ha fatta proprio negli ultimi 80 chilometri, dov'è riuscito ad aumentare di quasi 2 minuti il suo vantaggio nei confronti del qatariota del team Toyota Gazoo Racing South Africa. Al WayPoint posto al chilometro 244, Loeb aveva un vantaggio di 1'46" su Al-Attiyah, ma 80 chilometri più tardi, una volta arrivato al termine dei 338 chilometri di tappa, si è trovato con un margine di 3'28".

A sorprendere non è stata solo la vittoria di Loeb, che già in passato, quando difendeva i colori di Peugeot Sport, era riuscito a vincere alcune tappe al rally raid più celebre del mondo, ma anche la condotta di gara di Al-Attiyah. Il pilota di punta della Toyota, forte di oltre 12 minuti di vantaggio sull'alsaziano a inizio prova, ha gestito senza prendersi troppi rischi. Ora il suo margine è però sceso a 9'16" nella classifica generale.

Se per Audi la Tappa 1 era stata a dir poco un calvario a causa di alcuni errori dei propri piloti di punta - dunque Stéphane Peterhansel con la sospensione posteriore sinistra divelta e un Carlos Sainz che ha litigato non poco con la navigazione - oggi è arrivato un parziale riscatto grazie all'ottimo terzo posto ottenuto proprio da Carlos Sainz.

El Matador è stato autore di una tappa lineare, che lo ha portato a chiudere alle spalle di Loeb e Al-Attiyah, oggi ancora imprendibili. Per Audi Sport arriva un bel segnale dalla RS Q e-tron, che dimostra di poter esprimere ottime prestazioni se non condizionata da errori o da altri fattori. Al momento la propulsione elettrica della vettura non sembra dare problemi, così come la presenza del motore termico TFSI che funge da rigeneratore di energia.

Da segnalare in tal senso anche il quarto posto della seconda Audi, quella di Stéphane Peterhansel ed Edouard Boulanger. Il pluri campione della Dakar è arrivato staccato di quasi 8 minuti dal vincitore della tappa e a 2 minuti dal compagno di squadra che lo ha preceduto.

A completare l'ottima giornata del team Bahrain Raid Xtreme ecco il quinto posto di Nani Roma. In difficoltà nella giornata di ieri, lo spagnolo si conferma un ottimo passista e la Top 5 di oggi lo conferma una volta di più. Questo risultato lo porta a recuperare posizioni nella classifica generale che vede presente in decima posizione Orlando Terranova, terzo pilota del team BRX.

Così come Roma, anche Yazeed Al-Rajhi è tornato a ottenere una prestazione degna di nota al volante della Toyota Hilux del team Overdrive, convertita in T1+ grazie al kit realizzato da Toyota Gazoo Racing South Africa. Settima piazza per un altro pilota che ieri ha deluso: Henk Lategan. L'ormai ex seconda punta di diamante di Toyota è reduce dall'incidente in cui, ieri, ha perso una ruota della sua Hilux ufficiale. Sarà lui il pilota designato a fare da scudiero ad Al-Attiyah qualora ve ne fosse necessità nel corso della gara.

Continua la serie di Toyota in Top 10, perché all'ottavo posto - a 11'17" da Loeb - c'è Giniel De Villiers. Il pilota ufficiale della Casa giapponese è ancora convalescente dal COVID e le sue prestazioni dovrebbero risentirne ancora per qualche giorno, così come ha ammesso lui stesso, negativizzatosi solo poche ore prima del via di questa 44esima edizione della Dakar.

Primo squillo in Top 10 per Mattias Ekstrom, il quale è riuscito a portare tra i primi dieci anche la terza Audi RS Q e-tron. Dietro di lui l'ennesima Toyota Hilux, quella condotta da Bernhard Ten Brinke e Sébastien Delaunay. Ha perso diverse posizioni Martin Prokop, il quale era riuscito a scalare la classifica generale nella giornata di ieri, attestandosi addirittura al terzo posto con il Ford Raptor RS Cross Country.

Light Weight Prototypes: Quintero KO, Contardo nuovo leader

La Tappa 2 della Dakar 2022 cambia volto, almeno per quanto riguarda la categoria Light Weight Prototypes. Dopo aver letteralmente dominato le prime due tappe ed essere stato in lizza per fare tris, a poco meno di 40 chilometri dal termine della prova odierna il leader della classifica Seth Quintero è stato costretto a fermarsi.

Il pilota del team Red Bull Junior ha subito un guasto al suo veicolo e non ha avuto alcuna possibilità di ripararlo. Per questo ha dovuto attendere l'arrivo dell'assistenza per cercare di rimettere in sesto la macchina e concludere la prova.

Con questo inconveniente, Quintero si è trovato di fatto già tagliato fuori dalla lotta per la vittoria di questa Dakar e anche da quella per il podio, lasciando strada spianata ai suoi avversari.

La tappa di oggi è stata vinta da uno dei compagni di Quintero, stiamo parlando di Guillaume De Mevius, capace di regolare i due piloti di punta del team EKS South Racing, ovvero Francisco Lopez Contardo e Sebastian Eriksson.

Il cileno è stato staccato di 4'18", mentre lo svedese di 6'46" dal miglior tempo che è valso a De Mevius la vittoria di tappa. Giornata complicata anche per altri due protagonisti della categoria: stiamo parlando di Cristina Gutierrez Herrero e Andreas Mikkelsen, entrambi piloti del team Red Bull Off-Road.

La spagnola ha concluso al quinto posto, ma avrebbe potuto fare molto meglio se non avesse perso diversi minuti tra il WayPoint al chilometro 119 e quello posto al chilometro 165. Mikkelsen, invece, era autore di un'ottima prova fino al WayPoint del chilometro 244. da quel punto al WP del chilometro 290 ha perso oltre 2 ore.

Con questa situazione. Quintero cede il comando della classifica generale a Francisco Lopez Contardo, il quale ora ha 7'22" di vantaggio sul compagno di squadra Sebastian Eriksson e 23'48" su Pavel Lebedev (MKS Rally Team). Insomma, per il team EKS South una situazione a dir poco perfetta.

Dakar 2022 - Auto - Classifica generale dopo la Tappa 2

Pos. Pilota/navigatore Vettura Tempo/distacco
1 Al-Attiyah/Baumel Toyota Hilux 4X4 6h59'21”
2 Loeb/Lurquin Hunter BRX Prodrive +9'16"
3 Alvarez/Monleon Toyota Hilux 4X4 +40'53"
4 De Villiers/Murphy Toyota Hilux 4X4 +41'22"
5 Vasilyev/Uperenko BMW X5 +43'39"
6 Prokop/Ghytka Ford Raptor RS +44'53"
7 Halpern/Graue Mini Buggy JCW +47'17"
8 Al Rajhi/Orr Toyota Hilux 4X4 +48'53"
9 Przygonski/Gottschalk Mini Buggy JCW +59'21"
10 Terranova/Oliveras Carreras Hunter BRX Prodrive +1h05'03"
condividi
commenti
Dakar | Cosa ha generato il caos nella prima tappa?
Articolo precedente

Dakar | Cosa ha generato il caos nella prima tappa?

Articolo successivo

Dakar | Agazzi racconta la sua creazione: il Racing Kit RS per Honda

Dakar | Agazzi racconta la sua creazione: il Racing Kit RS per Honda
Carica i commenti