GT World Challenge Europe Endurance
17 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
78 giorni
09 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
100 giorni
WSBK
G
Phillip Island
28 feb
-
01 mar
Prossimo evento tra
29 giorni
G
Losail
13 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
43 giorni
WRC
22 gen
-
26 gen
Evento concluso
13 feb
-
16 feb
Prossimo evento tra
14 giorni
WEC
12 dic
-
14 dic
Evento concluso
22 feb
-
23 feb
Prossimo evento tra
23 giorni
MotoGP
G
GP del Qatar
05 mar
-
08 mar
Prossimo evento tra
35 giorni
G
GP della Thailandia
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
49 giorni
IndyCar
13 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
43 giorni
G
Birmingham
03 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
64 giorni
Formula E
17 gen
-
18 gen
Evento concluso
14 feb
-
15 feb
Prossimo evento tra
15 giorni
Formula 1
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
42 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
49 giorni

Dakar, Auto, Tappa 10: Sainz vince e allunga. Alonso capotta

condividi
commenti
Di:
15 gen 2020, 10:48

Il madrileno del team MINI X-Raid si riprende dopo 2 brutte tappe e fa tutte le scelte giuste, allungando nella generale. Tracollo per Al-Attiyah e Peterhansel.

Dalle stelle alle stalle, e viceversa. La Dakar, che si svolga in Africa, Sud America o Medio Oriente, ha sempre presentato questa caratteristica: imprevedibilità, unita a una buona dose di capovolgimenti di fronte. Lo sa bene Carlos Sainz, che dopo due tappe in cui ha visto praticamente azzerato il suo vantaggio nei confronti dei diretti rivali per la vittoria dell'edizione 2020 del rally raid, oggi ha messo in piedi un piccolo capolavoro.

Il madrileno del team MINI X-Raid è stato perfetto fino all'interruzione della Tappa 10, la prima parte della celebre Marathon, che portava i piloti da Haradh a Shubaytan con 534 chilometri cronometrati. L'ottima lettura sua e di Lucas Cruz di ogni situazione ha permesso loro di vincere la tappa in maniera perentoria, forse anche di più di quanto non dicano i 3 minuti di vantaggio nei confronti del secondo classificato. l'ottimo polacco Jakub Przygonski.

Leggi anche:

Nel momento in cui i suoi principali rivali, Nasser Al-Attiyah e Stéphane Peterhansel, hanno iniziato a commettere errori sbagliando strada, non trovando la via ideale, Sainz e Cruz hanno interpretato in modo perfetto il percorso, attaccando dove dovevano, gestendo dove invece le certezze erano meno solide.

Il risultato finale li ha premiati, mentre ha gettato nello sconforto Al-Attiyah, che alla fine della tappa di ieri sembrava ormai diventato il grande favorito per la vittoria finale, con tutta l'inerzia a sua favore. Ma anche Peterhansel, autore della terza vittoria di speciale nella giornata di ieri e oggi appena in grado edi completare la prova in Top 10 a 11'48" dal compagno di squadra.

Ma il vero deluso è senza dubbio Al-Attiyah, fuori dai primi 10 - 17esimo - staccato di 17'46" da Sainz. Ora il qatariota della Toyota non dovrà più solo guardare chi è davanti a lui, ma anche alle spalle, perché con il risultato di oggi Peterhansel si è avvicinato in maniera esponenziale. il francese vede ora il secondo posto nella generale, con Al-Attiyah che ha un vantaggio di appena 16" su di lui.

Tornando alla classifica di tappa, Jakub Przygonski firma il suo miglior piazzamento in questa Dakar con un bel secondo posto al volante di una MINI gestita dal team privato Orlen. il polacco ha preceduto la prima Toyota Hilux ufficiale, quella del sudafricano Giniel De Villiers, il quale ha completato il podio davanti alla Peugeot 3008DKR dell'equipaggio francese di PH Sport formato da Pierre Lachaume e Jean Michel Polato.

Yazeed Al Rajhi non è andato oltre la quinta posizione con la Hilux del team Overdrive, precedendo quella ufficiale di Bernhard Ten Brinke e quella del compagno di squadra Erik Van Loon. Orlando Terranova ha invece completato la giornata in ottava piazza.

Merita un capitolo a parte Fernando Alonso. Ieri l'asturiano invocava le dune, soprattutto dopo aver capito come affrontarle nel corso dei giorni passati, sperando in un rimescolamento delle carte in tavola che potesse in qualche modo essergli favorevole. Invece Fernando si è trovato in mano un coltello, ma dalla parte della lama. E questa si è rivelata piuttosto affilata.

Leggi anche:

Dopo pochi chilometri dal via, l'asturiano ha affrontato la salita di una duna con troppa irruenza, finendo per perdere il contatto con il suolo una volta superata la vetta. Questo ha fatto intraversare la sua Hilux ufficiale numero 310 e l'ha portata a essere protagonista di diversi capottamenti.

Una volta arrivata a valle, Fernando e Coma hanno impiegato diversi secondi per riaccenderla e proseguire la corsa, ma si sono poi dovuti fermare nuovamente per sistemare alcuni danni, perdendo così più di un'ora e ripartendo senza il parabrezza. Una disavventura che lo ha portato a chiudere la Tappa 10 in 55esima posizione, staccato di oltre un'ora da Sainz.

Dakar - Classifica generale dopo la Tappa 10

Pos. Pilota/navigatore Vettura Tempo/distacco Penalità
1 Sainz/Cruz MINI 37h15'37”  
2 Al-Attiyah/Baumel Toyota +18'10" +3'00"
3 Peterhansel/Fiuza MINI +18'26"  
4 Al Rajhi/Zhiltsov Toyota +40'46" +2'00"
5 Terranova/Graue MINI +57'39"  
6 De Villiers/Haro Bravo Toyota +1h02'23"  
7 Ten Brinke/Colsoul Toyota +1h15"39  
8 Serradori/Lurquin Century +1h37'21" +2'00"
9 Seaidan/Alexy MINI +2h49'28"  
10 Lachaume/Polato Peugeot +3h28'16" +20'00"
Articolo successivo
Dakar, Camion, Tappa 10: Shibalov prima dello stop

Articolo precedente

Dakar, Camion, Tappa 10: Shibalov prima dello stop

Articolo successivo

Dakar, Quad, Tappa 10: sorpresa Wiśniewski, rischio per Casale!

Dakar, Quad, Tappa 10: sorpresa Wiśniewski, rischio per Casale!
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Dakar
Evento Dakar
Sotto-evento Tappa 10: Haradh - Shubaytah
Autore Giacomo Rauli