Dakar, Al-Attiyah: "Dobbiamo attaccare per colmare il divario"

Al-Attiyah si impone nella seconda tappa, dopo aver attaccato per cercare di colmare il divario dai primi, Carlos Sainz e Stephane Peterhansel, quest'ultimo nuovo leader della classifica generale.

Dakar, Al-Attiyah: "Dobbiamo attaccare per colmare il divario"

Primo nel prologo, il pilota del Toyota Gazoo Racing Nasser Al-Attiyah si è imposto anche nella seconda tappa da Bisha a Wadi Ad-Dawasir (457 km/ 284 miglia di sezione cronometrata).  Carlos Sainz sulla Mini, che ha aperto la pista dopo la vittoria di tappa di ieri, ha perso terreno tra le dune, chiudendo al terzo posto della giornata e al secondo posto della classifica generale, alle spalle del suo compagno di squadra Stephane Peterhansel, il nuovo leader.

"Questa è una Dakar dove dobbiamo attaccare fin dal primo giorno. Non c'è altra scelta" ha dichiarato Nasser Al-Attiyah, arrivato al bivacco di Wadi Ad-Dawasir. Il suo obiettivo era quello di colmare il divario dai primi, avendo perso troppo tempo ieri aprendo la pista. Oggi Nasser Al-Attiyah ha portato in testa la Toyota, davanti a Stephane Peterhansel (Mini) con 2'35 e Carlos Sainz, terzo a +9'17. Il principe del Qatar è ora terzo nella classifica generale a +9'14 da Peterhansel, con Carlos Sainz secondo (a +6'37).

"Avevamo deciso di spingere nel prologo e abbiamo vinto. Sapevamo che aprendo la pista nella prima prova speciale avremmo perso tempo ma, in qualche modo, è stato calcolato. Purtroppo abbiamo perso più del previsto perché abbiamo avuto una foratura e abbiamo avuto un problema con il roadbook digitale. L'ipad si è spento ed è rimasto completamente nero per 1'30. Matthieu (Baumel, il co-pilota) ha fatto un ottimo lavoro perché aveva memorizzato le note davanti a noi e quindi abbiamo limitato i danni. Il problema era più che altro che eravamo abbastanza cauti in quei 70 km di rocce, perché ricordavo molto bene tutte le forature e i problemi che abbiamo avuto l'anno scorso”.

Dopo la tappa di ieri che li ha visti decimi a 12’30” dal vincitore della tappa Carlos Sainz, il piano di Nasser Al-Attiyah per oggi era di attaccare e colmare il divario dai primi: “Nei primi 150 km di sabbia morbida, i buggies di Carlos (Sainz) e Stephane (Peterhansel) hanno ancora un vantaggio. Ma nella seconda parte sul percorso veloce potrei fare la differenza. Ho spinto e abbiamo recuperato un po' di tempo. La navigazione è stata abbastanza difficile, ma abbiamo fatto solo piccoli errori”.

"Sono contento perché questo era l'obiettivo: colmare il divario. Domani riapriremo la pista. Non sappiamo che tipo di terreno affronteremo.  Se non ci sono molte dune morbide, possiamo fare una buona tappa e perdere il meno possibile”.    

Guardando ai primi tre giorni di gara, Nasser era molto fiducioso:"Questa è una Dakar dove dobbiamo attaccare fin dal primo giorno. Non c'è altra scelta. La gara è molto aperta. Ci sono tre piloti: io, Carlos e Stephane che stanno lottando insieme e non possiamo osare rallentare. È anche bello avere Seb (Loeb) alla Dakar, ma penso che il progetto sia abbastanza giovane, quindi avranno bisogno di un po' di tempo.

condividi
commenti
Dakar, Camion, Tappa 2: Sotnikov si ripete
Articolo precedente

Dakar, Camion, Tappa 2: Sotnikov si ripete

Articolo successivo

Podcast Dakar: "Dune Mosse" - Tappa 2

Podcast Dakar: "Dune Mosse" - Tappa 2
Carica i commenti