Dakar 2022: arrivano nuove regole per l'arrivo di Audi

L'ASO e la FIA hanno dovuto negoziare una serie di modifiche al regolamento T1 di fronte all'arrivo dell'Audi e del suo ibrido, e alle lamentele di Toyota e Prodrive.

Dakar 2022: arrivano nuove regole per l'arrivo di Audi

L'ingresso di Audi Sport nel mondo dei rally-raid ha già causato le prime tensioni prima ancora che il marchio tedesco abbia rivelato il prototipo con il quale debutterà alla Dakar nel gennaio 2022.

Dopo che la casa di Ingolstadt ha annunciato nel novembre 2020 che avrebbe lasciato la Formula E al termine della stagione 2020/21 per fare il salto nei rally raid, si è aperto un processo di negoziazione e analisi a livello di regolamenti.

Il progetto della Dakar di iniziare la transizione verso le energie rinnovabili il prossimo gennaio e di creare la prima categoria di veicoli ibridi - prima che i piloti della categoria principale siano su veicoli a "basse emissioni" entro il 2026 - mancava l'intera struttura regolamentare. Thierry Viardot, coordinatore tecnico della Dakar, e il resto della squadra del direttore del rally David Castera si sono messi al lavoro non appena la 43esima edizione del rally si è conclusa il 15 gennaio.

Come Motorsport.com ha appreso, Audi, guidata da Sven Quandt, responsabile di MINI X-Raid fino ad oggi e capo di Q Motorsport - la struttura che sta aiutando la divisione Sport dell'azienda tedesca a costruire il suo prototipo ibrido - ha richiesto una serie di vantaggi per una vettura che avrà un powertrain elettrico puro, ma il cui generatore di potenza sarà un motore a combustione TFSI.

La Prodrive, che ha debuttato alla Dakar lo scorso gennaio con un arrivo tra i primi cinque di Nani Roma e il ritiro di Sébastien Loeb, e la Toyota Gazoo Racing hanno affermato di non essere contenti delle intenzioni dell'Audi, che prevedevano di avere il sistema di gonfiaggio-sgonfiaggio delle gomme nell'abitacolo, un telaio più grande, ruote di dimensioni da buggy (17 pollici) e più corsa delle sospensioni rispetto alle 4x4.

Così, dopo la pressione di entrambe le strutture insieme a Ford, ASO e la FIA hanno deciso di aprire la possibilità di una categoria T1+ in cui i veicoli avranno un telaio largo 2,30 metri (invece degli attuali 2,10), 350 mm di corsa delle sospensioni e le ruote che i buggy hanno avuto fino ad ora (17 pollici).

Ciò che rimarrà esclusivo dei buggy (4x2) e dei veicoli ibridi o elettrici (ora nella cosiddetta categoria T1-E, ma che potranno competere per la classifica generale contro T1 e T1+) sarà il sistema di gonfiaggio-sgonfiaggio "per ottimizzare il loro consumo energetico", secondo ASO.

Per stabilire un equilibrio di prestazioni tra i diversi motori, ASO e la FIA imporranno diverse restrizioni sul restrittore d'aria, qualcosa che è ancora allo studio. Attualmente, il motore a benzina della Toyota ha un restrittore d'aria di 37 mm, mentre il turbodiesel del buggy MINI X-Raid ha due millimetri in più. Il nuovo motore a benzina V6 biturbo della Prodrive è limitato da una curva di potenza uguale a quella della Toyota elettronicamente.

La Toyota ha subito più di 50 forature durante la Dakar 2021, ha appreso Motorsport.com, qualcosa che ha colpito anche le altre 4x4, a causa della diversa costruzione e dimensione dei loro pneumatici (16 pollici e larghezza delle ruote più piccola) rispetto a quelli dei buggy. Era quindi una priorità per il team sudafricano trovare una soluzione per il futuro.

Toyota dovrebbe dotare i suoi Hilux 4x4 esistenti di un kit per approfittare delle nuove concessioni normative per il 1° gennaio 2022, mentre Prodrive modificherà significativamente la sua BRX T1 esistente con l'intenzione di iniziare i test in agosto, secondo quanto ha saputo Motorsport.com. Resta da vedere se X-Raid farà lo stesso con le sue MINI John Cooper Work Rally 4x4.

Un'altra lamentela da parte delle squadre che partecipano alla Dakar 2021 è che Audi sta costruendo il suo nuovo prototipo da mesi senza un regolamento preciso. Infatti, i responsabili del progetto tedesco hanno già ammesso a un piccolo gruppo di media, tra cui Motorsport.com, che stanno dovendo apportare modifiche in base alle indicazioni della FIA e che questo potrebbe ritardare il loro primo test, previsto inizialmente per l'inizio dell'estate.

Tuttavia, queste auto T1+ non saranno in grado di competere in eventi FIA fino a quando la FIA ratifica i regolamenti finali, che le squadre sperano arriverà questa estate. Idealmente per tutti, compresa l'Audi, dovrebbero essere in grado di riscaldarsi al Rally del Marocco in ottobre, il tradizionale evento pre-Dakar.

condividi
commenti
Dakar 2022: ancora in Arabia Saudita, ma nuova all'85%
Articolo precedente

Dakar 2022: ancora in Arabia Saudita, ma nuova all'85%

Articolo successivo

Dakar, colpo Audi: ecco Sainz, Peterhansel ed Ekstrom

Dakar, colpo Audi: ecco Sainz, Peterhansel ed Ekstrom
Carica i commenti