Al-Attiyah: "Bello vincere alla Dakar aprendo la strada"

Il pilota del Toyota Gazoo Racing è saldalamente secondo nella classifica delle auto dopo il terzo successo di tappa alla Dakar. Il qatariota ammette: “C'è solo una strategia alla Dakar: spingere!”. Anche se è una gara di durata Nasser l'affronta come se fosse una prova sprint andando sempre all'attcco: "E correre senza le tracce delle moto è stato difficile, ma abbiamo vinto lo stesso. C'è ancora più gusto".

Al-Attiyah: "Bello vincere alla Dakar aprendo la strada"

“C'è solo una strategia alla Dakar: spingere!”. Nasser Al-Attiyah si è assicurato anche la terza tappa, il giro di 403 km attorno al Wadi Ad-Dawasir, dopo aver vinto il prologo e la seconda tappa.

Il pilota del Toyota Gazoo Racing ha chiuso davanti a un altro Hilux, quello del compagno di squadra e debuttante Henk Lategan di 2'27. Stéphane Peterhansel è arrivato terzo, a poco più di 4' dal qatariota ed è ancora in testa alla classifica di tappa e secondo nella graduatoria assoluta dietro a Peterhansel.

“Questa è una gara sprint, quindi la nostra strategia era di spingere anche se stavamo aprendo la pista. Sapevamo che sarebbe stato più difficile in termini di navigazione, ma dobbiamo osare, perché quando apri non sempre perdi ”. Nasser Al Attiyah sembrava davvero soddisfatto al suo arrivo al bivacco di Wadi Ad-Dawasir: "Aprire la strada e vincere la tappa è davvero bello", ha dichiarato.

Partendo dalla posizione più difficile, il pilota qatariota dimostra una grande fiducia.
"Dopo il buon feeling di ieri con la macchina e il terreno, oggi l'idea era di cercare di guadagnare il più possibile. Abbiamo attaccato dall'inizio ed eravamo in "modalità push".

“Sono stato davvero contento del mio ritmo. Non puoi davvero spingere al limite, perché quando apri la strada sarebbe troppo facile sbagliare. La chiave vincente è capire quando puoi spingere e quando devi gestire il ritmo in base al fondo”.

La vittoria non è stata semplice…
“Non è stata una giornata facile. C'era un forte vento quindi non abbiamo potuto vedere le tracce della moto, ma mi sono fidato di Mathieu (Baumel), il mio copilota. Ha fatto un ottimo lavoro con la navigazione. Oggi il terreno era molto vario e anche con dune di sabbia quindi la priorità era di non rimanere bloccati. Abbiamo usato la nostra esperienza e intuizione leggendo il terreno chilometro dopo chilometro”.

“Domani riapriremo la strada. Sulla carta, la quarta tappa dovrebbe presentare tracce più veloci e terreno duro, quindi dovrebbe essere più facile in termini di navigazione. Vogliamo finire in una buona posizione per affrontare due tappe fondamentali per questa Dakar 2021: le tappe n. 5 e 6. Dobbiamo quindi ancora capire quale strategia andremo ad adottare”.

Nasser resta ottimista…
“La Dakar è una corsa lunga. Ci sono giorni in cui tutto funziona bene come oggi. Ero a mio agio con il mio ritmo. Gestire la strada senza le tracce degli altri alla fine si è rivelato un vantaggio, poiché eravamo completamente concentrati su noi stessi e procedevamo con fiducia. Sì, c'è stato un momento in cui ci siamo attardati, ma non abbiamo perso troppo".

condividi
commenti
Dakar: chi è Skyler Howes, nuovo leader delle moto?
Articolo precedente

Dakar: chi è Skyler Howes, nuovo leader delle moto?

Articolo successivo

Dakar, Brabec: "Bisogna evitare la top 3 di tappa"

Dakar, Brabec: "Bisogna evitare la top 3 di tappa"
Carica i commenti