WTCR
11 set
Evento concluso
G
Slovakia Ring
09 ott
Prossimo evento tra
8 giorni
WSBK
18 set
Evento concluso
G
Magny-Cours
02 ott
Prossimo evento tra
1 giorno
WRC
08 ott
Prossimo evento tra
7 giorni
WEC
12 nov
Prossimo evento tra
42 giorni
W Series
G
04 set
Canceled
G
Austin
23 ott
Canceled
MotoGP
09 ott
Prossimo evento tra
8 giorni
Moto3
25 set
Evento concluso
09 ott
Prossimo evento tra
8 giorni
Moto2
25 set
Evento concluso
09 ott
Prossimo evento tra
8 giorni
IndyCar
G
Laguna Seca
18 set
Canceled
Formula E FIA F3
11 set
Evento concluso
G
Sochi
25 set
Canceled
FIA F2
25 set
Canceled
G
Abu Dhabi
27 nov
Canceled
Formula 1
G
GP dell'Eifel
09 ott
Prossimo evento tra
8 giorni
ELMS
28 ago
Evento concluso
G
Monza
09 ott
Prossimo evento tra
8 giorni
DTM
G
Zolder
09 ott
Prossimo evento tra
8 giorni
GT World Challenge Europe Sprint
09 ott
Prossimo evento tra
8 giorni
GT World Challenge Europe Endurance
Topic

Peugeot

Dakar 2017, Peterhansel: "Tante giornate in quota, sarà più dura"

condividi
commenti
Dakar 2017, Peterhansel: "Tante giornate in quota, sarà più dura"
Di:

Il vincitore della passata edizione della categoria auto si presenta al via nuovamente con la Peugeot, che presenta la rinnovata 3008 DKR. E il percorso sembra piuttosto adatto alla due ruote motrici francese.

Stéphane Peterhansel, Peugeot Sport
Stéphane Peterhansel, Jean Paul Cottret, Peugeot 3008 DKR
Stéphane Peterhansel, Jean Paul Cottret, Peugeot 3008 DKR
Stéphane Peterhansel, Jean Paul Cottret, Peugeot 3008 DKR
Stéphane Peterhansel, Jean Paul Cottret, Peugeot 3008 DKR
Stéphane Peterhansel, Jean Paul Cottret, Peugeot 3008 DKR
Stéphane Peterhansel, Jean Paul Cottret, Peugeot 3008 DKR
Stéphane Peterhansel, Jean-Paul Cottret, Peugeot 3008 DKR
Stéphane Peterhansel, Jean Paul Cottret, Peugeot 3008 DKR
Stéphane Peterhansel, Jean Paul Cottret, Peugeot 3008 DKR
Stéphane Peterhansel, Jean Paul Cottret, Peugeot 3008 DKR
Stéphane Peterhansel, Jean Paul Cottret, Peugeot 3008 DKR

Mister Dakar è particolarmente sereno al termine della conferenza stampa di presentazione della 39esima edizione della Dakar. Quasi come se non fosse lui, Stephane Peterhansel, pilota ufficiale Peugeot, il detentore dell'ultimo successo, o forse proprio per quello.

Sorride, tranquillo, e scherza volentieri e quando gli si chiede un commento su questa Dakar appena presentata che sulla carta, e attraverso le parole del suo direttore sportivo, Marc Coma, sembra davvero tosta, la prima cosa che sottolinea riguarda l'altitudine. E se lo dice colui che ne ha già vinte 12...

Stephane Peterhansel esordisce dunque così : "Ci sono un sacco di giornate in altitudine e questo sarà pesante per l'organismo di ognuno di noi. Però – prosegue - in effetti, sulla carta, sembra a parità di condizioni una gara più dura rispetto al passato, tappe più lunghe, più complicate e meno piste da WRC, cosa che va molto bene per noi".

Il loro 2 ruote motrici turbo diesel infatti, a detta di molti non è adatto alle piste piatte e scorrevoli, tipiche del WRC, ma lo scorso anno in realtà la loro Peugeot 2008 DKR aveva dimostrato di cavarsela bene in tutte le condizioni. "E ci sono novità anche per la navigazione che diventa più complicata con un altro sistema di wpt, un po' diverso da quello precedente. Secondo me, come giustamente ha detto Marc sarà una Dakar davvero più impegnativa e sicuramente la più dura e complicata rispetto a quelle che abbiamo corso finora in Sud America. E io penso che noi, il nostro team, possa arrivare meglio a far la differenza. Quando la gara è dura viene fuori la differenza, cosa che non accade quando una prova è troppo facile".

Impossibile con il pluri campione non parlare della nuova vettura, la 3008 DKR: "La nostra nuova Peugeot non è niente male. Fra il 2015 e il 2016 abbiamo fatto un grosso passo avanti, e anche fra il 2016 e il 2017 c'è stato un altro passo avanti, solo più piccolo. Però abbiamo avuto il tempo di lavorare ai miglioramenti e abbiamo fatto tante piccole cose".

E da qui comincia l'elenco: "La sospensione per esempio lavora un po' meglio, il motore è più potente, abbiamo l'aria condizionata, e si è alzato il livello del comfort all'interno". E l'aria condizionata è un passo che in effetti sottolinea ancora di più il benessere all'interno. "E' un buon sistema e funziona bene, fa fresco" sorride Mister Dakar, aggiungendo "è il primo anno in cui riusciamo a lavorare con calma. All'inizio del progetto quando siamo partiti eravamo sempre in ritardo su tutto, ci facevamo prendere dal panico per ogni cosa perchè non c'era il tempo di fare le cose nel modo giusto, mancava il tempo per confrontare, confermare, avere la certezza di lavorare nella giusta direzione. Prima eravamo sempre in una situazione di emergenza ed urgenza, adesso no, ora abbiamo avuto, al terzo anno di lavoro, il tempo di prenderci il nostro spazio per controllare ogni cosa e sono arrivate le conferme".

E il risultato è sotto gli occhi di tutti al termine degli ultimi test che la vettura francese ha portato avanti in queste ultime settimane. Ora c'è un po' di riposo, il Telethon per Stephane, a Parigi e poi allenamento, ma questa volta da soli, non più in team come negli anni scorsi. "Il programma di allenamento è personale, ognuno sta seguendo il suo. Io per esempio mi alleno molto in bici, corsa a piedi, un po' di moto" e mentre lo dice ride perchè in effetti nel suo contratto, fin dai tempi in cui correva per la Mitsubishi, sarebbe sconsigliato l'uso della moto, ma lui non resiste, e pur coscenziosamente in moto ogni tanto ci va. Magari un po' di trial o magari un'uscita con la moto da enduro. Tanto per non perdere le buone abitudini.

Dakar 2017, il percorso: 4.200 km di speciali divisi in 12 tappe

Articolo precedente

Dakar 2017, il percorso: 4.200 km di speciali divisi in 12 tappe

Articolo successivo

Dakar 2017: Marc Coma racconta le scelte fatte per tracciare il percorso

Dakar 2017: Marc Coma racconta le scelte fatte per tracciare il percorso
Carica i commenti