Dakar, Peterhansel: "Inquietante l'altitudine di ieri!"

condividi
commenti
Dakar, Peterhansel:
Redazione
Di: Redazione , Redazione/Redakteure/Editeurs
15 gen 2015, 13:21

Il francese colpito dal passaggio a 5 mila metri con la 2008 DKR di nuovo in forma

Dakar, Peterhansel:

La Peugeot in questa Dakar 2015 non si nasconde dietro a un dito e punta al massimo obiettivo, forzando la marcia di avvicinamento al primo successo in speciale e portando rapidamente la 2008 DKR a un livello di efficienza che era difficile attendersi già alla prova del debutto.

È chiaro che le dita restano incrociate, ma lo è altrettanto che, di pari passo con il raggiungimento dell’affidabilità, a progettisti, tecnici e piloti comincino a “prudere le mani”. La nona tappa sembrava essere quella della rottura del ghiaccio. La vittoria era a portata di mano e il fatto di averla persa sotto uno strato di fesh-fesh ha riportato gli animi sulla tabella di marcia.

La 2008 DKR procede, Peterhansel è tornato nei primi dieci nonostante l’ordine di partenza penalizzante, e Despres sorprende tutti i giorni la sua squadra e se stesso. Sebbene le tre tappe finali non si addicano alle caratteristiche della nuova 2008 DKR, va prestata attenzione alle vicende Peugeot, perché i francesi non si accontenteranno di portare le due 2008 DKR sul palco d’arrivo di Buenos Aires.

Cyril Despres: “Era una bella speciale, veloce e guidata, quasi in stile WRC. Era divertente da matti se non fosse stato che bisognava guidare con precisione assoluta per evitare i sassi a bordo pista, e io ancora non sono sicuro di saperlo fare. Sono stato attento a non “toccare”, sono stato prudente e non ho bucato. Vuol dire che farò un pensiero a venire ad abitare in Argentina. È una esperienza nuova anche questa, guidare con molta delicatezza e sensibilità, dosare acceleratore e freno con piede leggero. Quando guidavo la moto non era così”.

Stephane Peterhansel: "La speciale era molto tecnica. Altitudine inquietante all’inizio della prova, un primo tratto di dunette, poi la lunga sezione stretta e guidata. Alla fine abbiamo evitato per poco di essere travolti dalla tempesta di pioggia che si è abbattuta sulla zona d’arrivo. Tutto bene, dunque, un bel divertimento e… la macchina è qui. No, in realtà non è andato tutto benissimo. In effetti avevamo regolato la macchina pensando ad una tappa più desertica, con più buche e sassi, quindi non in modo perfetto, altrimenti avremmo potuto forse divertirci ancora di più”.

Prossimo articolo Dakar

Su questo articolo

Serie Dakar
Piloti Stéphane Peterhansel, Cyril Despres
Autore Redazione
Tipo di articolo Ultime notizie