Dakar: la Mini di Roma al traino. Aiuterà i compagni

Dakar: la Mini di Roma al traino. Aiuterà i compagni

Nani potrebbe essere prezioso nella tappa Marathon, caricandosi più ricambi degli altri piloti

Nani Roma è praticamente tagliato fuori dalla Dakar 2015. Il vincitore dell'ultima edizione non è riuscito neanche a fare dieci chilometri nella prima prova speciale perché si è dovuto fermare. Un destino crudele che vanifica un anno di lavoro, tanti sacrifici e allenamenti, test e prove di ogni tipo: tutto bruciato in appena dieci chilometri.

La Mini All4 Racing del catalano è rimasta bloccata prima del primo waypoint del GPS: e dire che la speciale di apertura del rally raid di 176 km doveva essere facile e veloce. Non per Nani che  si è rivelata subito maledetta. Roma si è arrestato per un problema di pressione dell'olio del motore. Un guaio, pare, senza soluzione.

L'equipaggio di punta del team X Raid si è bloccato in un punto largo della pista, guardando passare tutti gli altri concorrenti fino a che non sono arrivati i camion, oltre due ore e mezza dopo, quando finalmente è apparso il T4 di assistenza veloce. I tecnici hanno controllato cosa fosse successo, ma alla fine hanno deciso di trainare la Mini.

Le notizie sono ancora frammentarie, non si sa se i due mezzi disputeranno la speciale al traino per contenere le penalità previste, oppure se decideranno di uscire dal tratto cronometrato per raggiungere il bivacco sulla strada normale.

In questo caso però le penalità sarebbero molto più pesanti perchè oltre al ritardo sul tempo massimo, ci sarebbero poi quelle forfettarie per aver saltoto i controlli timbro e i wpt (i waypoint del GPS) mancati.

Di certo il problema era più grave del previsto e per questo non è stato possibile agire sul posto. Al bivacco per primo è arrivato il team manager Marco Pastorino, mentre il resto dei responsabili del team X Raid è più indietro perchè oggi il trasferimento era per tutti di quasi 800 chilometri.

L'ingegnere imperiese è incredulo per quanto accaduto e anche lui non sa spiegarsi cosa sia successo: “Abbiamo effettuato ben due shake down in Argentina, non uno, ma due. Govedì e veenrdì scorso e tutto ha funzionato perfettamente. Anzi Nani era davvero soddisfatto della vettura... e, invece , alla prima speciale non è riescita a percorrere neanche dieci chilometri!”.

Nani Roma scivolerà all'ultimo posto in classifica ed eventualmente potrà solo togliersi la magrissima soddisfazione di vincere delle speciali, visto che è già fuori dalla lotta per il successo: la sua presenza, però, sarà molto utile ai compagni di squadra nelle prossime tappe, specie in quella marathon visto che potrebbe caricarsi dei pezzi di ricambio in più per chi sarà in classifica. Lo spagnolo ha già perso tutto questa mattina, nella prima speciale della Dakar 2015...

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Dakar
Piloti Nani Roma
Articolo di tipo Ultime notizie