Dumas: "Sono il primo con il copilota quasi muto"

condividi
commenti
Dumas:
Elisabetta Caracciolo
Di: Elisabetta Caracciolo
10 gen 2015, 13:20

Alla sua prima dakar, il pilota della Porsche nel FIA WEC sfida anche i problemi di afonia del navigatore

Dumas:

Romain Dumas è alla sua prima esperienza alla Dakar. Abituato alla sua Porsche LMP1 ha scelto un buggy due ruote motrici della MDSport per provare questa nuova avventura e si sta divertendo. "Per me è tutto nuovo e quindi sto facendo un po' di esperienza, però fino ad adesso sta andando tutto bene".

Accanto a lui la scuderia francese ha messo François Borsotto che è un esperto copilota francese ma che dal giorno della partenza da Buenos Aires sta combattendo con un'afonia che non riesce a farsi passare: "Sono di sicuro il primo pilota a correre alla Dakar con un copilota quasi muto" – scherza il vincitore della 24 Ore di Le Mans. E Borsotto che è lì vicino scoppia a ridere e mima i segni con le mani che si scambiano all'interno dell'abitacolo per un destra, un sinistra, un vai piano, rallenta.

Con il resto del team il rapporto è buono perchè nessuno degli altri lo tratta con distacco oppure con reverenza, cosa che in effetti alla Dakar non esiste. Anche perchè del suo team fanno parte davvero i pionieri della Dakar da Yves Tartarin (il pilota che correva con un orsone gigante di peluches al posto del copilota), a Dominique Housieaux e Jean Pierre Strugo.

E oggi c'è la tappa marathon, ma soprattutto poi la notte nel bivacco marathon. "Non mi hanno detto molto a proposito – scherza ancora Dumasso che oggi attraverseremo delle montagne, andremo in Bolivia e che stasera dormiremo tutti insieme in una camerata. Penso che si possa fare, ma non ho ancora capito bene..."

E' sorridente mentre scherza con Heinz Kinigadner, che è venuto a trovare come sempre i suoi amici, piloti e colleghi della Dakar nel corso della tappa di riposo. Quando glielo presentano gli dice: "Sono davvero contento di conoscerti, sei stato uno dei miei miti della Dakar, una leggenda, ero ancora un bambino quando seguivo le tue imprese alla televisione".

In realtà Dumas che è del '77 all'epoca in cui Kini è approdato alla Dakar aveva 15 anni, ma fa poca differenza, l'incontro fra i due è interessante e si sposta immediatamente sul tecnico. Kini vuole sapere come si comporta il 2 ruote motrici sulla sabbia e se è meglio di un 4 ruote motrici.

"Sinceramente non lo so – risponde Dumas perchè non ho provato diverse vetture prima di scegliere questa. Per cui conosco solo la reazione di un due ruote motrici sulla sabbia e le dune, ma sono soddisfatto. Direi che si comporta bene perchè riusciamo a destreggiarci bene. Passiamo a destra e a sinistra, su e giù delle dune facendo grande attenzione, ma ce la caviamo bene. Fino ad oggi ci siamo insabbiati solo una volta" ammette rialzando le spalle e fiero di questo record positivo. Speriamo si continui così, al momento il pilota francese occupa la 37esima posizione assoluta.

Prossimo articolo Dakar

Su questo articolo

Serie Dakar
Piloti Romain Dumas
Autore Elisabetta Caracciolo
Tipo di articolo Ultime notizie