Napoli soccorso dall'elicottero: era in ipertermia!

Napoli soccorso dall'elicottero: era in ipertermia!

Il pilota della KTM è caduto due volte mentre era a 4300 metri di quota. Ritiro anche per i fratelli Brioschi

La presenza dell’Italia a questa Dakar 2014 si sta assotigliando in fretta: ieri la pattuglia tricolore ha perso altri quattro piloti ieri sera, uno dietro l’altro. I due fratelli Brioschi, Alberto e Marco, si sono arresi nel pomeriggio quando si sono ritrovati in una vallata, completamente fuori rotta: non sono più riusciti ad andare avanti, nè indietro. Si erano cacciati in un punto assolutamente sbagliato che, prima di loro, aveva indotto in inganno anche altri piloti, i quali, essendo più esperti di rally raid, si erano subito accorti che non era possibile che la speciale passasse su una traccia così brutta. I due fratelli, invece, hanno proseguito scendendo da piccoli dirupi con le loro Ktm, ma quando hanno capito di essere copletamente fuori rotta non erano più in grado di tornare indietro. Per tirarli fuori dall'impaccio è stato necessario l’intervento dell’elicottero. C'è voluto l'intervento dell’elicottero anche per Giulio Napoli che è andato pericolosamente in ipertermia in cima al passaggio dei 4300 metri di quota. Giulio con la sua KTM stava procedendo abbastanza bene, ma quando si è avviato sulla salita verso l’altipiano ha sentito che cominciava a mancargli il fiato. E’ rimasto in quota, prima di cadere due volte. E quando ha provato a rialzare la moto per il terzo tentativo non ce l'ha fatta per la fatica: era stremato! Per fortuna ha chiamato l’elicottero dei soccorsi ed è stato subito portato al bivacco della tappa marathon. Ieri sera alle 20 erano arrivati al bivacco solo 98 mezzi fra moto e quad. E' questo il motivo per cui la tappa di questa mattina è stata ritardata, per dare modo ai più provati di recuperare un minimo di forze.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Dakar
Articolo di tipo Ultime notizie