Dakar 2013, Auto: tutti a caccia delle Mini

condividi
commenti
Dakar 2013, Auto: tutti a caccia delle Mini
Di: Matteo Nugnes
03 gen 2013, 11:02

Il vincitore del 2012 Peterhansel resta il favorito, ma non mancano di certo gli sfidanti

Proseguiamo con la marcia di avvicinamento all'edizione 2013 della Dakar, che domani prenderà il via da Lima, in Perù, con la prima tappa. Dopo avervi presentato il percorso nella giornata di ieri, oggi parliamo dei protagonisti più attesi tra le auto. Gli occhi ovviamente saranno tutti puntati sui campioni in carica, ovvero su Stephane Peterhansel e sulla sua Mini del team X-Raid. Le vetture allestite dalla struttura tedesca sono considerate le grandi favorite della vigilia, anche perchè potranno puntare pure sulla presenza di altri due piloti di grande esperienza come Nani Roma e Krzysztof Holowczyc, entrambi almeno vincitori di tappa un anno fa. Le minacce comunque non mancheranno: non bisogna infatti sottovalutare il binomio composto da Giniel de Villiers e dalla sua Toyota Hilux. Dopo il terzo posto ottenuto nella passata stagione, è normale che il vincitore dell'edizione 2009 si possa presentare in Sudamerica con rinnovate ambizioni, voglioso di provare a dire la sua nella lotta per il successo. Inoltre la vettura gemella sarà affidata all'argentino Lucio Alvarez, quinto al traguardo nel 2012. C'è grande interesse però per quello che potranno essere le prestazioni dei Buggy allestiti dal Qatar Red Bull Rally Team. Non tanto per il mezzo in sé, quanto per l'importanza degli equipaggi che li porteranno in gara: parliamo infatti di Carlos Sainz e di Nasser Al-Attiyah, vincitori rispettivamente nel 2010 e nel 2011, quando difendevano i colori della squadra ufficiale Volkswagen. Anche per loro, dunque, gli obiettivi non possono essere altro che ambiziosi. Non bisogna dimenticare poi un altro veterano come Robby Gordon: l'americano è intenzionato a riscattarsi dopo la brutta figura di un anno fa, quando fu squalificato a causa di un'irregolarità tecnica riscontrata sul suo Hummer. E una citazione la merita anche Guerlain Chicerit, passato dalla Mini ad un Buggy preparato da Philippe Gache. Tre gli equipaggi italiani al via in questa categoria, tutti al volante di una Nissan e tutti con un membro della famiglia Cinotto al volante. Pietro partirà con il numeor 398 e dividerà l'abitacolo con Maurizio Dominella. Michele e Fulvio Zini apporranno il numero 411 sulla loro vettura. Infine Carlo sarà affiancato da Marco Arnoletti sulla numero 419.
Prossimo articolo Dakar
Dakar, 1° tappa: Sainz apre nelle auto col Buggy

Previous article

Dakar, 1° tappa: Sainz apre nelle auto col Buggy

Next article

Tre giorni al via della Dakar: ecco il percorso

Tre giorni al via della Dakar: ecco il percorso

Su questo articolo

Serie Dakar
Autore Matteo Nugnes
Tipo di articolo Ultime notizie