Dakar: a Biasion la speciale, a De Rooy la corsa!

Dakar: a Biasion la speciale, a De Rooy la corsa!

L'olandese precede Stacey il compagno del team Petronas De Rooy. Ottimo sesto Miki con lo Strakker Evo 2

Miki Biasion vince l'ultima speciale della 33. edizione della Dakar con l'Iveco Trakker Evolution 2 prima dell'arrivo a Lima e Gerard De Rooy si aggiudica la classifica assoluta con il Powerstar del team Petronas De Rooy. Questa massacrante edizione della maratona sudamericana non poteva finire meglio, visto che l'Iveco ha monopolizzato le prime due posizioni assolute, davanti ad un'armata di Kamaz, grazie al piazzamento di Hans Stacey. L'olandese De Rooy si è accontentato di fare passerella nell'ultima speciale di oggi di soli 29 km per conquistare la sua prima affermazione nel rally raid più prestigioso. Figlio d'arte, il padre è stato uno dei più coriacei protagonisti già dalle prime edizioni della maratona africana, Gerard ha vinto cinque delle quattordici speciali in programma, meritandosi questo successo, dopo che Miki Biasion è uscito dalla contesa per il primato sabato scorso per un problema alla frizione. Olandese di 31 anni, sposato con Dionyke da quattro anni e ha due figlie (Hannah e Sarah), si occupa della ditta di trasporti internazionale oltre a correre i rally raid. De Rooy-Rodewald-Colsoul hanno portato alla ribalta il Proto Powerstar sviluppato dal team De Rooy, un mostro da circa 850 cavalli che esalta il marchio Iveco, vero grande vincitore di questa Dakar. La Casa italiana firma una brillante doppietta con Hans Stacey che ha concluso con lo Strakker Evolution 2 a 51'19” dal compagno si squadra De Rooy. Questi due piloti hanno segnato un solco con la temibile armata dei Kamaz: i russi si sono dovuti accontentare della terza piazza di Ardavichus-Kuzmich-Turlubaev, con Karginov e Mardeev molto più staccati. Grandissima la partecipazione di Miki Biasion con il secondo Iveco Strakker Evolution 2: il veneto si riporta al sesto posto assoluto, dopo una rimonta splendida: se all'italiano togliete le sei ore e mezza pagate nel giorno del suo compleanno per la frizione ko, capirete che corsa poteva essere per Miki! Biasion è stato a lungo l'unico vero avversario di De Rooy: il successo nella tappa di oggi che si aggiunge agli altri due di questa edizione lo sta a dimostrare, ma Miki è stato abile a trasformarsi dalla spina nel fianco di De Rooy, nel più fedele alleato dell'olandese. Pur rinunciando di andare all'attacco con il coltello fra i denti, il nostro campione è riuscito a completare una scalata dal 18. posto della 7. tappa fino al sesto finale. 33. DAKAR, Ultima tappa, 15/01/2012 Classifica finale Camion 1. De Rooy-Rodewald-Colsoul – Iveco – in 45.20'47” 2. Stacey-Van Goor-Der Kinderen – Iveco – + 51'19” 3. Ardavichus-Kuzmich-Turlubaev – Kamaz – + 1.47'45” 4. Karginov-Devyatkin-Mokeev – Kamaz – + 5.01'10" 5. Mardeev-Mizyukaev-Sotnikov – Kamaz + 5.01'50" 6. Biasion-Albiero-Huisman – Iveco – 6.31'11” 7. Kolomy-Kilian-Kilian - Tatra - + 6.54'15” 8. De Azevedo-Justo-Martinec - Tatra - + 7.46'07" 9. Sugawara-Suzuki – Hino - + 10.39'24” 10. Versluis-Damen-Schuurmans - Man - + 11.12'32" 44. Calzi-Fiori - Man 46. Cabini-Mombelli - Mercedes - 47. Verzelletti-Dal Prà-Fortuna - Mercedes - 52. Rickler Del Mare-Giuntoli - Iveco - in neretto gli equipaggi italiani

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Dakar
Articolo di tipo Ultime notizie