Travaglia non vuole fare calcoli al Rally dell'Adriatico

condividi
commenti
Travaglia non vuole fare calcoli al Rally dell'Adriatico
Redazione
Di: Redazione , Redazione/Redakteure/Editeurs
16 set 2014, 15:49

Un piazzamento nelle prime due posizioni comunque gli consentirebbe di chiudere i giochi

Potrebbe toccare agli sterrati marchigiani far da crocevia alla stagione di Renato Travaglia. Il portacolori della scuderia palermitana Island Motorsport, infatti, il prossimo fine settimana sarà al via del 21° Rally dell’Adriatico, quarto nonché penultimo appuntamento del Trofeo Rally Terra (TRT), con la possibilità di conquistare il titolo 2014 della serie nazionale riservata ai “terraioli” con una gara d’anticipo.

Al pluricampione trentino, sempre affiancato dal toscano Giacomo Ciucci, su Peugeot 207 S2000, gommata Yokohama e preparata dal team Munaretto, e già autore di tre affermazioni consecutive in altrettanti round (Sardegna, San Marino e nuovamente Sardegna) basterebbe salire su uno dei due gradini più bassi del podio per festeggiare matematicamente la vittoria nel TRT, eppure...

"Nessun calcolo, sia chiaro. Come sempre, correremo per puntare al miglior risultato possibile" ha precisato Travaglia alla vigilia. - "L’edizione 2013 dell’”Adriatico” ha visto me e Giacomo centrare il primato tra gli iscritti del TRT e la quarta piazza assoluta, alle spalle dei big del Campionato italiano Rally (CIR). Però, avremmo potuto fare ancora meglio in classifica generale se non avessimo accusato problemi al cambio, rimanendo privi della quarta marcia da metà gara in poi".

La competizione marchigiana aprirà i battenti sabato, con le prime due prove speciali in notturna. Il giorno successivo, in programma la disputa dei rimanenti nove tratti cronometrati con il traguardo allestito, come da tradizione, a Cingoli, nel Maceratese.

Prossimo articolo CIRT

Su questo articolo

Serie CIRT
Piloti Renato Travaglia
Autore Redazione
Tipo di articolo Ultime notizie