CIR: Nicelli e Mattioda sulla Peugeot di MM Motorsport nel 2020

Il giovane e promettente pilota oltrepadano Davide Nicelli sarà al via del Campionato italiano rally per il terzo anno consecutivo, a bordo di una Peugeot 208 R2 con cui punterà a fare bene sia nel trofeo marca che due ruote motrici: nella passata stagione è stato in lotta fino all’ultimo per la conquista dei titoli.

CIR: Nicelli e Mattioda sulla Peugeot di MM Motorsport nel 2020

Il navigatore sarà ancora l’esperto biellese Alessandro Mattioda, con il supporto della scuderia La Superba, già legata al pilota da anni. L’unica novità è il team con cui correranno, la toscana di Porcari, MM Motorsport.

«Sono felice e onorato di poter essere nuovamente al via del CIR - spiega Nicelli - Non è stato facile scegliere la strada da percorrere perché, dopo un 2019 positivo, diversi team mi hanno fatto delle proposte e quindi abbiamo avuto la possibilità di fare il salto di categoria, su un R5, di partecipare con la Clio nuova al campionato R1 nel trofeo Renault".

"Sono stato molto allettato dall’offerta, ma alla fine ho preferito rimanere legato a Peugeot e correre nuovamente con la 208 perchè personalmente voglio prima dimostrare il mio potenziale, completando la mia crescita, e provare a vincere con una vettura piccola, poi potrò pensare al salto, inoltre visto che lo scorso anno sono andato vicino a vincere sia il trofeo che il due ruote motrici quest’anno era d’obbligo riprovarci".

"L’unica novità è il team con cui correrò, MM Motorsport, team che ho voluto fortemente per questa stagione, perchè penso che insieme potremmo toglierci diverse soddisfazioni e poi lo considero uno dei top team in Italia marcati Peugeot. Sicuramente sarà una stagione impegnativa come sempre perchè ci "scontreremo" con piloti veloci e forti, quindi bisognerà lavorare duramente con sacrifico e umiltà se vorremo dire la nostra, anche se penso di avere tutto per fare bene, visto che in inverno ci siamo preparati molto bene sia fisicamente che mentalmente".

"Infine volevo ringraziare la mia scuderia, i miei sponsor, e in particolare mio padre, che mi permettono di correre come un professionista".

condividi
commenti
Andreussi, il ritorno: "Avessi rifiutato non mi sarei perdonata"
Articolo precedente

Andreussi, il ritorno: "Avessi rifiutato non mi sarei perdonata"

Articolo successivo

Citroen Italia all'assalto del CIR 2020 con Crugnola e la C3 R5

Citroen Italia all'assalto del CIR 2020 con Crugnola e la C3 R5
Carica i commenti